CERCA IN IDEAMAGAZINE.NET

 

 MOSTRE ITALIA

Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. III | Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano

Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano
 DA APRILE / FROM APRIL 2018 | Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. III 
www.mudeto.it/yearbook2016_17.htm

Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla Collezione Salce. Verso il boom! 1950 - 1962 | Museo Nazionale Collezione Salce - TrevisoDal 28 settembre 2018 al 17 marzo 2019, Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla Collezione Salce. Verso il boom! 1950 - 1962. Conclude il ciclo delle Illustri persuasioni, il progetto espositivo cui è stata affidata, a cura di Marta Mazza, l'apertura al pubblico del Museo Nazionale Collezione Salce, in Treviso.
La mostra ci introduce - anticipa il Direttore del Polo Museale Venete, Daniele Ferrara - - ai meandri più sorprendenti e meno conosciuti della Collezione Salce proponendone le creazioni più recenti: quelle che, dal secondo dopoguerra fino al 1962 - anno estremo tanto dell'attività collezionistica quanto della vita di Nando Salce - raccontano lo straordinario momento storico della ricostruzione e della ripresa produttiva e preludono al vero boom economico e demografico che si configurò negli anni successivi". "Passata la guerra, un incontenibile entusiasmo progettuale si diffonde capillarmente nel Paese", scrive la curatrice Marta Mazza, che del Museo Nazionale Salce è il Direttore.
"E la pubblicità riflette e anticipa, sottolinea, enfatizza questo sentimento, vivendo un momento di straordinaria effervescenza".

Museo Nazionale Collezione Salce - Treviso
 > 17 MAR. 2019 
www.collezionesalce.beniculturali.it

Paolo Pellegrin. Un'antologia | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a, 00196 Roma RMThe exhibition La mostra Paolo Pellegrin. Un'antologia in programma dal 7 novembre 2018 al 10 marzo 2019 raccoglie più di 150 immagini del grande fotografo che raccontano uomini, guerre, emergenze umanitarie ma anche il rapporto tra la condizione umana e la natura. La mostra a cura di Germano Celant nasce da un intenso lavoro sull'archivio di Pellegrin e ripercorre vent'anni del suo lavoro, dal 1998 al 2017. n'occasione preziosa per conoscere il suo percorso creativo e documentario e per approfondire i temi che animano il suo lavoro.

Zerocalcare. Digging Ditches · Feeding Crocodiles | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a, 00196 Roma RMClasse 1983, talento del fumetto, tra le figure più interessanti e complesse della scena culturale italiana di oggi, Zerocalcare è protagonista di una grande mostra realizzata in coproduzione con Minimondi Eventi. La mostra Zerocalcare. Scavare Fossati · Nutrire Coccodrilli a cura di Giulia Ferracci, è la prima personale a lui dedicata ed è realizzata con la collaborazione di Silvia Barbagallo. Il progetto ripercorre, con poster, illustrazioni, copertine, tutti gli anni del suo lavoro, da sempre legato alla scena underground, portavoce sensibile e consapevole della sua generazione.
10 marzo 2019. Spazio Extra MAXXI.

MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 10 MAR. 2019 
Via Guido Reni, 4/a, 00196 Roma RM

Mao Jianhua, Mountains. Secret Harmony of the Earth | Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus, Piazza San Firenze, 5 - Firenze Dal 7 al 30 novembre 2018 nella suggestiva Sala della Musica del Complesso Monumentale di San Firenze sarà visitabile la mostra del pittore, filosofo e poeta cinese Mao Jianhua, dal titolo Mountains. Secret Harmony of the Earth, a cura di Cristina Acidini, promossa dalla Fondazione Franco Zeffirelli, con il patrocinio del Comune di Firenze e del Consiglio Regionale della Toscana, con la collaborazione dell'Associazione culturale Acontemporaryart.
Il progetto espositivo propone una selezione di 25 opere pittoriche eseguite con pennello e inchiostro su carta di riso fatta a mano, di varie dimensioni, dai fogli di piccolo formato a rotoli più imponenti, uno dei quali raggiunge ben undici metri di larghezza. Attraverso queste opere dalle dimensioni maestose e, al contempo, intimiste, Mao Jianhua dà forma alla segreta armonia della terra, alla musica delle montagne sacre, al suono primordiale dell'universo che nella tradizione cinese risuona attraverso il guqin, lo strumento musicale cinese dalla storia millenaria.
Da martedì a domenica: dalle ore 10.00 alle ore 18.00.

Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
Piazza San Firenze, 5 - Firenze
 > 30 NOV. 2018 
055 2658435
info@fondazionefrancozeffirelli.com
www.fondazionefrancozeffirelli.com

La Collezione Roberto Casamonti [Alberto Burri: «Rosso nero», 1955,  stoffa, olio, vinavil su tela, 100x86] | Palazzo Bartolini Salimbeni, Piazza Santa Trinita, 1 - Firenze Dal 24 marzo 2018 Firenze avrà un nuovo luogo dedicato all'arte moderna e contemporanea in uno spazio collocato al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni, capolavoro architettonico rinascimentale opera di Baccio d'Agnolo, che si affaccia sull'asse visuale che congiunge Piazza Santa Trinita con la prestigiosa Via Tornabuoni.
L'antica dimora - attentamente restaurata - accoglierà la selezione delle opere che Roberto Casamonti, nella sua lunga attività nel mondo dell'arte, ha raccolto per costituire il corpus principale della propria Collezione. I dipinti e le sculture esposte sono il frutto di anni di appassionate ricerche che danno vita ad una raccolta in grado di rappresentare l'eccezionale evoluzione storico artistica che attraversa per intero il XX secolo.
La Collezione Roberto Casamonti di opere d'arte italiane e straniere si articola in due grandi nuclei: il primo considera opere di artisti agli esordi del Novecento e sino ai primi anni Sessanta, il secondo, dal 1960 ai nostri giorni. In Palazzo Bartolini Salimbeni, la Collezione sarà proposta per sezioni. Il primo nucleo, dal 24 marzo 2018 e sino alla primavera del '19 e, a seguire, il secondo. Al primo appartengono capolavori di Fattori, Boldini, Balla, Viani, Sironi, Severini, Marini, Morandi, de Chirico, Savinio, Prampolini, Casorati, Magnelli, Licini, Picasso, Leger, Soutine, Klee, Chagall, Ernst, Kandinsky, Hartung, Fautrier, Matta, Lam, Dorazio, Accardi, Afro, Vedova, Capogrossi, Burri, Klein, Fontana, Castellani, Manzoni, Lo Savio e numerosi altri.
Per precisa scelta dell'Associazione Culturale, appositamente costituita per gestire e animare questo nuovo spazio culturale, il pubblico potrà ammirare le opere esposte accedendovi gratuitamente, su semplice prenotazione.
24 Marzo 2018 - 10 Marzo 2019. Orari di apertura pubblico: mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica dalle ore 11.30 alle ore 19.00.


Palazzo Bartolini Salimbeni
 > 10 MAR. 2019 
Piazza Santa Trinita, 1- Firenze
T. 055 602030
www.collezionecasamonti.com
prenotazioni@collezionerobertocasamonti.com
info@collezionerobertocasamonti.com

Rania Matar. From Woman to Woman: Becoming / Da Donna a Donna: Crescendo | c|e Contemporary, Via Gerolamo Tiraboschi 2/76 - 20135 MilanoAlla c|e Contemporary è in corso la prima personale italiana dell'artista fotografa Rania Matar, nata in Libano, naturalizzata statunitense, residente a Boston. I suoi lavori focalizzano l'attenzione su donne e bambine, nate negli Stati Uniti o in Medio Oriente, accomunate da una stessa ricerca di identità.
La poetica di Rania Matar è volta ad analizzare, attraverso il ritratto in interni e in esterni, il momento evolutivo del soggetto femminile a partire dalle scelte di comportamento, abbigliamento, spazi e modalità di divertimento.
Le opere dell'artista rivelano come il modellarsi dell'identità femminile di giovani appartenenti a parti del mondo così diverse come Stati Uniti e Medio Oriente, trascenda le barriere culturali e geografiche.
Rania Matar. From Woman to Woman: Becoming / Da Donna a Donna: Crescendo, a cura di Viana Conti con Christine Enrile, sarà visibile fino al 28 febbraio 2019.

c|e Contemporary
 > 28 FEB. 2019 
Via Gerolamo Tiraboschi 2/76 - 20135 Milano
t. +39 0245483822 - m. +39 348 90.31.514
www.cecontemporary.com

Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen | Fondazione Ferrero, Via Vivaro, 49 - 12051 Alba La mostra Dal nulla al sogno. Dada e Surrealismo dalla Collezione del Museo Boijmans Van Beuningen, immaginata da Marco Vallora secondo una logica espositiva che riflette le suggestioni surrealiste, nel modo di presentare le opere e di concepire un'arte non più soltanto museale e assopita, si svolgerà alla Fondazione Ferrero di Alba, dal 27 ottobre 2018 al 25 febbraio 2019.
Una decina di sezioni, dai titoli avvincenti, s'inseguono, in una sorta di corridoio-fantasma dell'immaginario fantastico d'avanguardia, opere di grandissimo livello ed impatto. Alcune anche ben riconoscibili, perché son diventate copertine di volumi, che abbiamo tutti cari, nelle nostre librerie (di Man Ray, Magritte, Dalí, Max Ernst, ecc.) .
I lavori dialogano tra loro, in sintonia o contrappunto, e seguono una progressione prevalentemente tematica con attenzione alla diacronia degli eventi. Rispecchiando alcune problematiche e alcuni temi che concorrono a distinguere la poetica nichilista del Dadaismo da quella più propositiva del Surrealismo: il caso, il brutto estetico, il sogno, l'inconscio, il rapporto con l'antico, il legame tra arte e ideologia.
Feriali dalle 15 - 19, sabato e festivi 10 - 19. Chiuso tutti i martedì, il 24-25-31 dicembre 2018 e il 1° gennaio 2019.

Fondazione Ferrero
 > 25 FEB. 2019 
Via Vivaro, 49 - 12051 Alba

Margherita Sarfatti. Il Novecento Italiano nel mondo | Mart, Corso Bettini 43 - 38068 Rovereto (TN) Alla figura di Margherita Sarfatti, giornalista, critica d'arte e promotrice dell'arte italiana tra le due guerre, è dedicato un progetto di ricerca che si sviluppa in due diverse mostre, al Mart e al Museo del Novecento di Milano, in collaborazione con Electa.

Per ricostruire il ruolo della maggiore protagonista del dibattito su classicismo e modernità nel panorama artistico italiano e internazionale, a Rovereto la mostra si avvale dei preziosi documenti del Fondo Sarfatti, conservato presso l'Archivio del '900 del Mart.

Dagli esordi giovanili alla fondazione del gruppo di artisti di Novecento Italiano, la mostra racconta l'ambizioso progetto di espansione culturale della Sarfatti, con particolare attenzione alle esposizioni organizzate in Europa e nelle Americhe.
In mostra capolavori di Boccioni, Bucci, Carrà, Casorati, de Chirico, Dudreville, Funi, Malerba, Marussig, Morandi, Oppi, Medardo Rosso, Severini, Sironi, Wildt.

La mostra Margherita Sarfatti. Il Novecento Italiano nel mondo sarà visibile dal 22 settembre 2018 al 24 febbraio 2019. Lunedì chiuso.


Mart
 > 24 FEB. 2019 
Corso Bettini 43
38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760

LOW FORM. Imaginaries and Visions in the Age of Artificial Intelligence | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma Un avatar che si interroga sul senso della vita, due robot che esplorano la relazione tra uomo e macchina, una live simulation che si auto genera all'infinito costruendo mondi sempre diversi, forme ibride di sapore dada-surrealista, la figura della Bellona di Rubens ridisegnata ossessivamente da un software, gli andamenti della Borsa che diventano colori di pitture astratte; tutto questo e molto altro è LOW FORM. Imaginaries and Visions in the Age of Artificial Intelligence un viaggio nell'immaginario tecnologico e surreale degli artisti di oggi tra sogni generati da computer, algoritmi creativi e avatar che si interrogano sul senso dell'esistenza.
Il progetto a cura di Bartolomeo Pietromarchi porta al MAXXI i lavori di 16 artisti internazionali dal 20 ottobre 2018 al 24 febbraio 2019.
Orario di apertura: 11.00 - 19.00 (mart, merc, ven, sab, dom) 11.00 - 22.00 (giovedì), chiuso il lunedì.

MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 24 FEB. 2019 
Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma
T. 06 32.48.61
www.maxxi.art

Mario Merz. Igloos | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese 2 - Milano Pirelli HangarBicocca presenta Igloos, la mostra dedicata a Mario Merz (Milano 1925-Milano, 2003), tra gli artisti più rilevanti del secondo dopoguerra, riunendo il corpus delle opere più iconiche dell'artista, gli igloo, datate tra il 1968 e l'anno della sua scomparsa.
Il progetto espositivo, curato da Vicente Todolí e realizzato in collaborazione con la Fondazione Merz, si espande negli spazi delle Navate e del Cubo di Pirelli HangarBicocca e pone il visitatore al centro di una costellazione di oltre trenta opere di grandi dimensioni a forma di igloo, un paesaggio inedito dal forte impatto visivo.
A cinquant'anni dalla creazione del primo igloo, la mostra offre l'occasione per osservare lavori di Mario Merz di importanza storica e dalla portata innovativa, provenienti da numerose collezioni private e museali internazionali - tra cui il Reina Sofía di Madrid, la Tate di Londra, la Nationalgalerie di Berlino, parte del gruppo Staatliche Museen zu Berlin, e Van Abbemuseum di Eindhoven -, raccolte ed esposte insieme per la prima volta in Italia.
Dal 25 ottobre 2018 al 24 febbraio 2019. Da giovedi a domenica: 10-22.

Pirelli HangarBicocca
 > 24 FEB. 2019 
Via Chiese 2 - Milano
T (+39) 02 66 11 15 73

Mimmo Rotella. Manifesto | Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, Viale delle Belle Arti, 131 - Roma La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la Fondazione Mimmo Rotella e il Mimmo Rotella Institute di Milano, sono lieti di annunciare la prossima apertura il 30 ottobre 2018 della mostra Mimmo Rotella. Manifesto.
L'esposizione, a cura di Germano Celant con Antonella Soldaini, si propone come la più completa ricognizione scientifica sulla produzione di Mimmo Rotella (Catanzaro,1918 - Milano, 2006) nell'anno del centesimo anniversario dalla sua nascita. Il progetto di allestimento della mostra scaturisce dalla configurazione del Salone Centrale della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea e interpreta lo spazio espositivo come una vasta 'piazza' interna circondata da pareti o facciate di edifici: "Tale interpretazione urbana ha sollecitato", come afferma Celant, "un display che non fosse composto da frammenti, ma si integrasse con la piazza, entrandone a far parte.
Mettendo insieme questi elementi - l'aspetto urbano del luogo, la spinta a concretare una retrospettiva con un numero elevato di opere - e considerando il caratteristico linguaggio dell'artista focalizzato sul manifesto, è emersa la concezione di 'tappezzare' la piazza e i suoi edifici con sei grandi cartelloni o billboards, dal formato in media 3 x 10 metri circa, come se il pubblico si trovasse a camminare e a fruire dell'opera di Rotella in un contesto cittadino". Fino al 10 febbraio 2019. Orari di apertura dal martedì alla domenica: 8.30 - 19.30.

Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea
 > 10 FEB. 2019 
Viale delle Belle Arti, 131 - Roma

RE.USE. Scarti, oggetti, ecologia nell'arte contemporanea | Museo Santa Caterina - Sala Ipogea e Ala Foffano, Museo Casa Robegan, Ca' dei Ricchi - Piano NobileDal 27 ottobre 2018 al 10 febbraio 2019 Treviso ospiterà la mostra RE.USE. Scarti, oggetti, ecologia nell'arte contemporanea a cura di Valerio Dehò. L'esposizione, composta da 87 opere di 58 artisti internazionali, sarà dislocata in tre diversi spazi espositivi della città, di cui due sedi museali, quali il Museo di Santa Caterina e il Museo Casa Robegan, ed uno privato, il piano Nobile di Ca' dei Ricchi.
Attraverso le opere di grandi artisti come Marcel Duchamp, Piero Manzoni, Michelangelo Pistoletto, Alberto Burri, Mimmo Rotella, Tony Cragg, Christo e Damien Hirst solo per citarne alcuni, l'esposizione si propone di documentare in un arco cronologico che va dai primi decenni del Novecento fino ai giorni nostri, il rapporto continuo che l'arte ha avuto con gli oggetti d'uso comune e con gli scarti. La mostra sarà, quindi, un vero e proprio viaggio per ammirare la nascita, l'evoluzione e lo stato attuale del concetto di riutilizzo con finalità etica ed estetica nel mondo dell'arte moderna e contemporanea.

Museo Santa Caterina - Sala Ipogea e Ala Foffano
 > 10 FEB. 2019 
Piazzetta M. Botter, 1 - Treviso

Museo Casa Robegan
 > 10 FEB. 2019 
Via A. Canova, 38 - Treviso

Ca' dei Ricchi - Piano Nobile
 > 10 FEB. 2019 
Via Barberia, 25 - Treviso
www.trevisoricercaarte.org/re-use
T. +39(0)422 419990 | +39 339 6443542

Suazes, in collaborazione con Fondazione Cassamarca di Treviso e Magnum Photos, organizza, presso gli spazi di Casa dei Carraresi, una grande mostra dedicata ad uno dei più importanti fotografi contemporanei, Elliott Erwitt. Una selezione che viene, con tali dimensioni, per la prima volta esposta in Italia, raggruppando oltre ottanta fotografie accompagnate da video, documenti e altro materiale dedicato al tema.
La mostra intitolata Elliott Erwitt: i cani sono come gli umani, solo con più capelli, curata da Marco Minuz, raccoglie una straordinaria selezione di fotografie dedicate a questo tema. In un percorso che spazia dagli anni cinquanta fino ai giorno nostri e che documenta la profondità e l'acutezza del lavoro fotografico di Erwitt su questo specifico tema.
Fino al 3 febbraio 2019. Da martedì a venerdì: 10 - 18, sabato, domenica e festivi: 10 - 20.

Casa dei Carraresi - Treviso
 > 03 FEB. 2019 
Informazioni e prenotazioni: 0422.513150

A Rovereto A Journey through Mud and Confusion with small Glimpses of Air (Un viaggio attraverso il fango e la confusione con piccole boccate d'aria) è la più ampia rassegna mai dedicata al dirompente duo svedese Djurberg & Berg, Leone d'Argento alla Biennale di Venezia del 2009. Un sogno a occhi aperti in un mondo surreale e dissacrante, attraverso le contraddizioni del nostro tempo.
Lei è una grande protagonista della scena artistica contemporanea internazionale. Lui è un musicista particolarmente noto negli ambienti dell'elettronica e della sperimentazione. Personaggi grotteschi, scenari allucinati, ritmi vorticosi. Il mondo di Nathalie Djurberg e Hans Berg irrompe nelle sale del Mart. È questa la più ampia rassegna mai realizzata dedicata al famoso duo, tra installazioni ambientali, paesaggi immersivi, realtà virtuale, il Mart come non l'avete mai visto. Fino al 27 gennaio 2019.

MART ROVERETO
 > 27 JAN. 2019 
Corso Bettini 43, 38068 - Rovereto (TN)
T 0464 438887
Numero verde 800 397760
info@mart.trento.it

A Achille Castiglioni | Triennale di Milano,  Viale Alemagna 6 - 20121 MilanoIn occasione del centenario dalla sua nascita, la Triennale di Milano dedica ad Achille Castiglioni (1918-2002), uno dei più importanti maestri del design italiano, una grande mostra monografica, di Patricia Urquiola in collaborazione con Federica Sala. L'esposizione analizza l'opera di Castiglioni in maniera trasversale, dal design all'architettura, dagli allestimenti alle mostre. La cura e il progetto di allestimento sono affidati a Patricia Urquiola, architetto e designer che non solo ha mosso i primi passi insieme a Castiglioni (nel 1989 si laurea con lui al Politecnico di Milano), ma ne ha saputo raccogliere l'eredità e la capacità di sorprendere attraverso il progetto.
Achille Castiglioni è stato senza dubbio uno dei padri fondatori della professione e del sistema del design italiano.
A Achille Castiglioni si conclude il 20 gennaio 2019.

Triennale di Milano
 > 20 JAN. 2019 
Viale Alemagna 6
20121 Milano
T. +39 02 724341
www.triennale.org

Marina Abramovic. The Cleaner | Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi - Firenze Dal 21 settembre 2018 al 20 gennaio 2019 Palazzo Strozzi ospita The Cleaner una grande mostra dedicata a Marina Abramovic, una delle personalità più celebri e controverse dell'arte contemporanea, che con le sue opere ha rivoluzionato l'idea di performance mettendo alla prova il proprio corpo, i suoi limiti e le sue potenzialità di espressione.
L'evento si pone come una straordinaria retrospettiva che riunirà oltre 100 opere offrendo una panoramica sui lavori più famosi della sua carriera, dagli anni Settanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebri performance attraverso un gruppo di performer specificatamente formati e selezionati in occasione della mostra.
L'esposizione nasce dalla collaborazione diretta con l'artista nella volontà di proseguire - dopo Ai Weiwei e Bill Viola - la serie di mostre che hanno portato a esporre a Palazzo Strozzi i maggiori rappresentanti dell'arte contemporanea. Il palazzo verrà nuovamente utilizzato come luogo espositivo unitario, permettendo a Marina Abramovic di confrontarsi per la prima volta con un'architettura rinascimentale e in cui verrà sottolineato lo stretto rapporto che ha avuto e continua ad avere con l'Italia.


Palazzo Strozzi
 > 20 JAN. 2019 
Piazza Strozzi - Firenze
www.palazzostrozzi.org

A seguito del grande successo riscosso dalla mostra e in previsione di un 2019 che vedrà Peggy Guggenheim protagonista di un ricco programma espositivo e di lunga serie di attività che ripercorreranno i 70 anni dal suo trasferimento a Palazzo Venier dei Leoni e dalla prima mostra qui organizzata di scultura contemporanea, oltre a ricordare i 40 anni della sua scomparsa, è stata prorogata fino al 14 gennaio 2019 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, a cura di Gražina Subelyte, Assistant Curator del museo, allestita nelle Project Rooms. Nell'anno del 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla XXIV Biennale di Venezia, presso il padiglione greco, il museo ha voluto commemorare questo momento dirompente nella storia dell'arte del XX secolo con una esposizione, raccolta ma molto mirata, che ricrea fedelmente l'ambiente del padiglione.

Peggy Guggenheim Collection Palazzo Venier dei Leoni
 > 14 JAN. 2019 
Dorsoduro 701 - 30123 Venezia
Tel. 041.2405.404/415

Il Comune di Ravenna-Assessorato alla Cultura e il Museo d'Arte della città di Ravenna, presentano dal 6 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019 la mostra ?War is over. Arte e Conflitti tra mito e contemporaneità a cura di Angela Tecce e Maurizio Tarantino realizzata grazie al prezioso contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Edison, Marcegaglia, Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali Regione Emilia-Romagna.
Non si dà pace senza guerra e viceversa. Sembra questo il modo inevitabile di affrontare la questione, ma la mostra propone un altro punto di vista: il contrario della guerra non è la pace ma il dialogo, il conflitto dominato, la dialettica. La separazione interiore da una realtà insopportabile. E null'altro svela meglio questa realtà quanto il lavoro degli artisti.
Orario: martedì - sabato: 9 - 18; domenica 10 - 18. Chiuso lunedì.

Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
 > 13 JAN. 2018 


In corso alla GAMeC, fino al 6 gennaio 2019, la grande mostra Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile, a cura di Sara Fumagalli e Lorenzo Giusti, che presenta un dialogo inedito tra materia, arte e scienza. Sviluppata con la consulenza scientifica del fisico Diederik Sybolt Wiersma e con la partecipazione di BergamoScienza, l'esposizione è il primo appuntamento di un ciclo triennale dedicato alla materia e annovera opere di grande prestigio.
Oltre 80 lavori si snodano lungo le tre le sezioni che compongono il percorso espositivo: la prima, Informe, presenta capolavori di Jean Fautrier, Lucio Fontana, Piero Manzoni e Antoni Tàpies posti in dialogo con le Combustioni e i Cretti di Alberto Burri, le statue "colanti" di Cameron Jamie e le astrazioni screpolate di Ryan Sullivan, per citarne alcuni. Uomo-Materia mette invece a confronto una forte componente materica e la presenza dell'elemento antropomorfo, tra cui le sculture di Auguste Rodin e Medardo Rosso; le teste di Hans Josephsohn e le figure "intrappolate" di Alberto Giacometti; i dipinti di Karel Appel e Asger Jorn. Infine, Invisibile accoglie lavori che guardano agli aspetti più nascosti della materia: dalle Tessiturologie di Dubuffet alle composizioni degli artisti del Movimento Arte Nucleare - Enrico Baj, Sergio Dangelo e Joe Colombo, fino alle ricerche di Jol Thomson, Hicham Berrada e Thomas Ruff. La mostra si chiude con una suggestiva installazione ambientale di Evelina Domnitch & Dmitry Gelfand.

Galleria d'arte moderna e contemporanea
 > 06 JAN. 2019 
Via San Tomaso, 53 - Bergamo
gamec.it

La vetreria M.V.M. Cappellin e il giovane Carlo Scarpa 1925-1931 | Le Stanze del Vetro, Isola di San Giorgio Maggiore - VeneziaLa vetreria M.V.M. Cappellin e il giovane Carlo Scarpa 1925-1931, curata da Marino Barovier e dedicata alla vetreria gestita da Giacomo Cappellin tra il 1921 e il 1931, è la mostra autunnale de Le Stanze del Vetro, aperta al pubblico sull'Isola di San Giorgio Maggiore dal 10 settembre 2018 al 6 gennaio 2019.
L'esposizione ripercorre per la prima volta la storia della vetreria nella sua complessità, focalizzandosi in particolare sul periodo 1925-1931, quando il giovane Carlo Scarpa entrò in azienda e iniziò così la sua lunga e rivoluzionaria carriera di design del vetro. Negli anni della sua attività la fornace si qualificò come la migliore alla pari della V.S.M. Venini & C. con cui rivaleggiò idealmente, realizzando una produzione di qualità eccezionale, sia per i tessuti vitrei impiegati (dai vetri trasparenti agli straordinari vetri opachi) sia per il design degli oggetti, caratterizzato da una elegante modernità.
Al lavoro di Giacomo Cappellin si affiancò, a partire dal 1926, il giovane architetto veneziano Carlo Scarpa, che resterà in azienda fino al 1931: se in alcuni casi Scarpa si fece interprete dello stesso Cappellin, ben presto riuscì ad assumere una certa autonomia nella progettazione dei modelli, che si distinsero soprattutto per il ricorrere di forme geometriche.
La mostra presenterà la ricchezza della produzione della vetreria che, grazie alle continue ricerche sulla materia vitrea e sulla forma, ha prodotto sempre nuove serie di vetri realizzando opere di qualità eccezionale, talvolta con risultati inediti.

Le Stanze del Vetro
 > 06 JAN. 2019 
Isola di San Giorgio Maggiore - Venezia

Fondazione Cariverona apre al pubblico la sua sede, lo storico Palazzo Pellegrini a Verona, con la mostra Un nuovo gesto, una nuova materia. Opere del dopoguerra italiano dalla collezione di Fondazione Cariverona dedicata alle opere della sua collezione che più rappresentano la stagione informale e ospitata in uno spazio appositamente restaurato e visitabile per la prima volta in questa rinnovata veste. La selezione delle opere fa parte di un più ampio progetto di condivisione con il pubblico della collezione di Fondazione Cariverona all'interno della nuova sala espositiva, che insieme al cortile monumentale ospiterà esempi della più vasta raccolta conservata dall'istituzione.
L'inaugurazione di questo spazio raccolto al piano terra dell'importante atrio di Palazzo Pellegrini, coincide con le giornate di ArtVerona, la fiera d'arte giunta quest'anno alla sua quattordicesima edizione. La rassegna in corso dal 13 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019 raggruppa una serie di 15 opere emblematiche realizzate tra il 1945 e il 1961 e selezionate da Luca Massimo Barbero - direttore artistico della collezione.

Fondazione Cariverona | Palazzo Pellegrini
 > 06 JAN. 2019 
Via A. Forti 3 - Verona

Testimonianze. Composizioni materiche e oggettuali dagli anni '60 ad oggi | Galleria d'Arte 2000 & Novecento, Via Sessi, 1/F - Reggio EmiliaLa Galleria d'Arte 2000 & Novecento di Reggio Emilia presenta, dal 13 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019, le Testimonianze. Composizioni materiche e oggettuali dagli anni '60 ad oggi di dodici artisti italiani ed internazionali che, attraverso composizioni materiche ed oggettuali, hanno segnato la storia dell'arte dagli anni '60 ad oggi.
In mostra opere di Carla Accardi, Valerio Adami, Gianfranco Ferroni, Marco Gastini, Piero Gilardi, Giorgio Griffa, Herbet Hamak, Elio Marchegiani, Paola Pezzi, Piero Ruggeri, Giulio Turcato, Graham Sutherland.

Galleria d'Arte 2000 & Novecento
 > 13 JAN. 2019 
Via Sessi, 1/F - Reggio Emilia

Mats Bergquist. Rest | Galleria San Fedele, Piazza San Fedele, MilanoL'artista svedese Mats Bergquist sarà protagonista nella prossima stagione espositiva al San Fedele in una mostra personale dal 27 ottobre al 19 dicembre 2018.
Bergquist parte da supporti lignei e con un lungo processo di sottilissime stratificazioni materiche ottiene volumi che si presentano con superfici concave o convesse. La consistenza fisica dell'opera è quindi dovuta a un lento e progressivo gesto di sovrapposizione di materia (colle, gesso, pigmenti e tecnica ad encausto su legno e in seguito su tela), fino a quando il piano dell'oggetto risulta liscio e perfettamente levigato. La superficie non presenta alcun tipo di segni, di forme imitative o naturalistiche. A una prima impressione sono spazi di "vuoto".
La mostra Mats Bergquist. Rest è a cura di Bruno Corà e Andrea Dall'Asta SJ.
Martedì - sabato 16-19. Al mattino su appuntamento, chiuso i festivi.

Galleria San Fedele
 > 19 DEC. 2018 
Piazza San Fedele, Milano
Tel 02 863 52 233

Piero Dorazio. 10 capolavori | Tornabuoni Arte, Via Fatebenefratelli 34/36, Milano - 20121 Tornabuoni Arte propone, dal 25 ottobre al 10 dicembre, nella sua sede milanese una attenta monografica di Piero Dorazio. 10 capolavori.
Per questo importante omaggio milanese al Maestro romano, Roberto Casamonti ha personalmente scelto alcune tele che, come opportunamente recita il titolo della rassegna, sono altrettanti suoi capolavori.
A cominciare da "Nel cuore verde", opera del 1965, che nell'anno seguente partecipò alla Biennale di Venezia e che qui è stata scelta come immagine della mostra ed alcuni bellissimi reticoli degli anni '60 .
"Per me, afferma Casamonti, Dorazio è stato molto di più che un protagonista vero della pittura astratta europea e un importante intellettuale che ha saputo contribuire a rafforzare legami tra il nostro Paese, l'Europa e gli Stati Uniti. E' stato un amico caro.
Al di là di ogni dubbio, aggiunge Roberto Casamonti, Dorazio ha avuto un ruolo chiave nell'arte del suo momento, un avanguardista di primo piano della pittura astratta europea. E allo stesso tempo, scrittore, critico d'arte, colto polemista, docente per un decennio all'Università di Pennsylvenia, sperimentatore nell'ambito delle arti decorative e del design urbano, organizzatore di eventi, osservatore attento e avveduto commentatore della ricerca artistica contemporanea. Un artista e intellettuale che la ricchezza e la poliedricità dei suoi interessi rendono oggi difficilmente incasellabile in classificazioni rigide".

Tornabuoni Arte
 > 10 DEC. 2018 
Via Fatebenefratelli 34/36, Milano - 20121
tel. e fax +39 02.6554841
milano@tornabuoniarte.it

È stata presentata alla stampa la mostra Osvaldo Licini. Che un vento di follia totale mi sollevi, a cura di Luca Massimo Barbero, allestita negli spazi espositivi della Collezione Peggy Guggenheim dal 22 settembre 2018 al 14 gennaio 2019.
"Licini è un poeta della pittura" così ha esordito Barbero nel suo racconto di questa attesissima mostra a cui ha lavorato per anni, "un pittore segreto, che chiuso nel suo paese natio, Monte Vidon Corrado, ha saputo guardare attraverso la natura, attraverso quei colli già resi celebri dai versi di Giacomo Leopardi, creando una pittura che è poesia". Attraverso undici sale e novantotto opere il curatore ha ricostruito la vicenda artistica di Licini, dirompente quanto tormentata, dal 1913 al 1958, anno in cui fu insignito del Gran Premio per la pittura alla XXIX Biennale di Venezia, e della sua prematura scomparsa. Dalla prima fase figurativa degli anni '20 si passa all'astrattismo degli anni '30 fino ad approdare ai quei misteriosi personaggi sognanti, l'Olandese volante, l'Amalassunta e l'Angelo ribelle. Così Barbero ha cercato di "tessere lo sguardo dell'osservatore intorno alle opere dell'artista marchigiano, che con le sue molteplici sfaccettature, è stato un cristallo puro della pittura italiana del '900".


Peggy Guggenheim Collection
 > 14 JAN. 2019 
Dorsoduro 701- 30123 Venezia
Tel. 041.2405.404/415

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d'arte, giunta al culmine negli anni '60. Dal 21 settembre 2018 al 13 gennaio 2019 a CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia saranno esposte oltre 120 opere tra quadri, fotografie, collages, grafiche, che illustrano la varietà e la straordinaria vivacità di questa grande vicenda.
La mostra, curata da Walter Guadagnini - direttore di CAMERA e grande esperto di Pop Art - si inserisce, afferma il Presidente Emanuele Chieli "nella linea di grandi mostre che caratterizza l'attività di CAMERA, filone che vanta precedenti di successo, come le rassegne 'L'Italia di Magnum' (2016) e 'Arrivano i Paparazzi!' (2017). Mostre che intendono indagare un momento storico attraverso un movimento o uno stile fotografico, illuminando contemporaneamente l'aspetto artistico e quello sociale".
Orario: 11.00 - 19.00. Martedì chiuso.


CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia
 > 13 JAN. 2019 
Via delle Rosine 18, 10123 - Torino
www.camera.to
camera@camera.to

Leonor Antunes. The last days in Galliate | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese, 2, 20126 Milano Pirelli HangarBicocca presenta The last days in Galliate la prima grande mostra personale in Italia di Leonor Antunes (Lisbona, 1972). Lo spazio espositivo viene ripensato radicalmente come un unico ambiente scultoreo, dove opere e luce si integrano. Un percorso che rende omaggio alla tradizione modernista di Milano e a figure di spicco che hanno contribuito al suo sviluppo e successo come Franca Helg e Franco Albini.
Leonor Antunes reinterpreta attraverso le sue sculture la storia dell'arte, del design e dell'architettura del Ventesimo secolo, e in particolare la tradizione del Modernismo nelle sue istanze più radicali e di sperimentazione. Oggi è tra gli artisti più interessanti del panorama contemporaneo, con mostre personali nelle maggiori istituzioni internazionali - come Whitechapel Gallery, Londra, San Francisco Museum of Modern Art, San Francisco, New Museum, New York, Kunsthalle Basel, Basilea e Fundação de Serralves, Porto.
Dal 14 settembre 2018 al 13 gennaio 2019. Da giovedi a domenica: 10-22.


Pirelli HangarBicocca
 > 13 JAN. 2019 
Via Chiese, 2, 20126 Milano
Tel 02 6611 1573

Generations | Marignana Arte, Dorsoduro, 141, Rio Terà dei Catecumeni - 30123 Venezia Marignana Arte presenta Generations una mostra collettiva a cura di Ilaria Bignotti con opere di cinque artiste internazionali, nate tra gli anni Settanta e Ottanta: Serena Fineschi, Silvia Infranco, Silvia Inselvini, Sophie Ko e Verónica Vázquez.
Il percorso non solo offre una interessante panoramica dei linguaggi delle ultime due generazioni artistiche, ma anche, come l'etimologia del titolo suggerisce, prova a verificare da un lato quali siano i riferimenti e l'origine della ricerca di tali artiste, dall'altro legge il loro lavoro quale nucleo generativo di un percorso coerente, sfaccettato e in costante evoluzione, a partire da punti saldi concettuali e metodologici.
22 settembre 2018 - 12 gennaio 2019.
Inoltre fino al 24 novembre 2018 si può vedere Project Room. Nancy Genn. Living Painting, un solo show dedicato a Nancy Genn, straordinaria storica artista californiana formatasi in quel bruciante momento che fu il secondo dopoguerra.


Marignana Arte
 > 12 JAN. 2019 
Dorsoduro, 141
Rio Terà dei Catecumeni - 30123 Venezia
Tel +39 041 5227360
info@marignanaarte.it
www.marignanaarte.it

Willy Ronis. Fotografie 1934-1998 | Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle 43 - 30133 Giudecca - VeneziaE' stata presentata alla stampa la più completa retrospettiva mai tenuta in Italia dedicata al fotografo francese Willy Ronis (1910-2009), alla presenza del curatore Matthieu Rivallin, di Denis Curti, Direttore artistico, del prof. Amerigo Restucci del Comitato scientifico della Casa dei Tre Oci e del Direttore della Fondazione di Venezia, Giovanni dell'Olivo.
Coprodotta dal Jeu de Paume di Parigi e dalla Médiathèque de l'architecture et du patrimoine, Ministry of culture - France, con la partecipazione della Fondazione di Venezia, organizzata da Civita Tre Venezie, la rassegna Willy Ronis. Fotografie 1934-1998 presenta 120 immagini vintage, tra cui una decina inedite dedicate a Venezia, in grado di ripercorre l'intera carriera di uno dei maggiori interpreti della fotografia del Novecento e protagonista della corrente umanista francese, insieme a maestri quali Brassaï, Gilles Caron, Henri Cartier-Bresson, Raymond Depardon, Robert Doisneau, Izis, André Kertész, Jacques-Henri Lartigue e Marc Riboud. Fino al 6 gennaio 2019. Orari: Tutti i giorni dalle 10 alle 19. Chiuso martedì.


Casa dei Tre Oci
 > 06 JAN. 2019 
Fondamenta delle Zitelle 43 - 30133 Giudecca - Venezia
info@treoci.org
www.treoci.org

È trascorso poco più di un anno dal successo di "Evocative Surfaces", la grande mostra al Museo di Palazzo Grimani durante la scorsa Biennale d'Arte di Venezia che ha consacrato Beverly Barkat nello scenario artistico contemporaneo.
Il legame con l'Italia continua e Beverly Barkat presenterà a Roma "After the Tribes", un'installazione site specific curata da Giorgia Calò col supporto di Nomas Foundation, su invito del Polo Museale del Lazio e dell'Ufficio culturale dell'Ambasciata di Israele in Italia, che inaugurerà il 10 ottobre nei suggestivi spazi del Museo Boncompagni Ludovisi.
Fino al 31 dicembre 2018 con orario 9.30 - 19.00, chiuso il lunedì.

Museo Boncompagni Ludovisi
 > 31 DEC. 2018 
Via Boncompagni 18 - Roma

Marco Introini, Francesco Radino, Gli Scali Ferroviari di Milano. Oggi, Prima di Domani | Casa dell'Energia e dell'Ambiente, Piazza Po, 3 - MilanoUna straordinaria mostra, testimonianza del presente e memoria per il futuro è esposta presso la Casa dell'Energia e dell'Ambiente di Milano dal 14 giugno al 28 dicembre 2018. Intitolata Gli Scali Ferroviari di Milano. Oggi, Prima di Domani.
Fotografie di Marco Introini e Francesco Radino
mette in luce con un'inedita campagna fotografica, realizzata dai due grandi fotografi contemporanei Marco Introini e Francesco Radino, i sette scali ferroviari di Milano, attualmente dismessi, ma in fase di riqualificazione.



Casa dell'Energia e dell'Ambiente
 > 28 DEC. 2018 
Piazza Po, 3 - Milano

All'estero & Dr. K. Takes the Waters at Riva: Version A | A plus A Gallery School for Curatorial Studies Venice, San Marco 3073 - Venezia 30124Sedici giovani curatori si sono riuniti a Venezia, da giugno a settembre 2018, per frequentare la School for Curatorial Studies Venice. Da questa esperienza, coordinata dal curatore Saim Demircan, nasce All'estero & Dr. K. Takes the Waters at Riva: Version A, un'esposizione collettiva di artisti internazionali: Whitney Claflin, Stephan Dillemuth, Rochelle Goldberg, Nick Mauss, Sophie Reinhold, Mark Van Yetter e Miriam Yammad presso gli spazi della galleria A plus A di Venezia. Il titolo fa riferimento ai Capitoli 2 e 3 di Vertigo, romanzo di W.G. Sebald, dove l'autore tedesco racconta due viaggi da Vienna a Venezia. Il primo, una sua visita nella citta Lagunare nel 1980, riportato in prima persona, e un secondo viaggio dove Sebald si immagina di essere Dr. K – o meglio Franz Kafka – ispirandosi a una trasferta documentata dello scrittore nel 1913 a Venezia.
Ripetizione, sdoppiamento, melancolia e vertigine. Il destino gioca con loro come fossero marionette e l'impostazione del racconto sembra essere un gioco labirintico.
Dal 1 settembre al 15 dicembre 2018.

A plus A Gallery School for Curatorial Studies Venice
 > 15 DEC. 2018 
San Marco 3073 - Venezia 30124
Tel. 041 2770466
www.aplusa.it
info@aplusa.it

Sabato 29 settembre 2018 alle ore 18,30, la Galleria Poggiali inaugura nella sede di Firenze la mostra Making Time a cura di Lorenzo Bruni, costituita da opere di tre artisti internazionali: Slater Bradley (San Francisco, 1975), Park Chan-kyong (Seul, 1965) e Grazia Toderi (Padova, 1963). Il progetto propone tre mostre autonome di artisti di fama mondiale, ciascuna costituita e caratterizzata da "media" eterogenei che, in anteprima assoluta, presenta al pubblico europeo le ultime produzioni assieme ad opere storiche usualmente non fruibili nei musei italiani, sviluppate nei tre differenti ambienti della galleria fiorentina ed appositamente pensate per questa.
Oltre alla volontà di creare tre eventi espositivi in un'unica soluzione, la novità della mostra consiste anche nell'aver considerato la scelta da parte del singolo artista di far dialogare opere prodotte in periodi disparati alla stregua di un intervento site specific.
La mostra, visitabile dal martedì al sabato (ore 9-13 e 15-19), resterà visibile fino al 15 dicembre 2018.


Galleria Poggiali
 > 15 DEC. 2018 
Via della Scala, 35/a | Via Benedetta, 3r - Firenze
Cel. +39.334.9236625
tel. +39.055.287748 www.galleriapoggiali.com

Roy Lichtenstein e la Pop Art Americana | Fondazione Magnani-Rocca, Via Fondazione Magnani-Rocca 4, Mamiano di Traversetolo (Parma) La Fondazione Magnani-Rocca è orgogliosa di presentare Roy Lichtenstein e la Pop Art Americana una retrospettiva dedicata ad uno dei più grandi artisti del XX secolo: Roy Lichtenstein. Il genio della POP ART americana che ha influenzato grafici, designer, pubblicitari ed altri artisti contemporanei tanto che ancora oggi è possibile riscontrare riferimenti allo stile di Lichtenstein in ogni ambito del design e della comunicazione.
Una mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma - che riunisce oltre 80 opere del Maestro e degli altri grandi protagonisti della Pop Art americana; per evidenziare sia la sua originalità che la sua appartenenza a uno specifico clima, sono presenti infatti, a confronto con quelle di Lichtenstein, anche opere iconiche di Andy Warhol, Mel Ramos, Allan D'Arcangelo, Tom Wesselmann, James Rosenquist e Robert Indiana. Un appuntamento unico nel suo genere, reso possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Magnani-Rocca con celebri musei internazionali e prestigiose gallerie e collezioni private.
Fino al 9 dicembre 2018. Lunedì chiuso.


Fondazione Magnani-Rocca
 > 09 DEC. 2018 
Via Fondazione Magnani-Rocca 4
Mamiano di Traversetolo (Parma)

Luoghi della Mente. 20 Anni d'Arte Contemporanea | GAM Galleria d'Arte Moderna 'Achille Forti', Cortile Mercato Vecchio - Verona Studio la Città è lieta di annunciare che le opere di Jacob Hashimoto e Hiroyuki Masuyama saranno esposte all'interno della mostra: Luoghi della Mente. 20 Anni d'Arte Contemporanea. Da Masuyama ad Hashimoto, attraverso Rovaldi, fino agli ultimi lavori del Premio Ottella. Una selezione di opere rende omaggio ai vent'anni della politica di acquisizioni d'arte contemporanea inaugurata nel 1997 dalla GAM. All'interno del percorso espositivo, i visitatori potranno ammirare la grande scultura di Jacob Hashimoto - lavoro che indaga il rapporto tra naturale e artificiale - e la lightbox di Hiroyuki Masuyama, immagine di un volo che unisce in un'unica opera di 10 metri, la vastità del tempo e dello spazio.
Dal 29 marzo al 30 novembre 2018. Da martedì a venerdì 10 - 18, sabato e domenica 11 - 19. Lunedì chiuso.


GAM Galleria d'Arte Moderna 'Achille Forti'
 > 30 NOV. 2018 
Cortile Mercato Vecchio - Verona

1948: la Biennale di Peggy Guggenheim | Project Rooms Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701 - 30123 VeneziaNel 2018 ricorre il 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla XXIV Biennale di Venezia, presso il padiglione greco. Per commemorare questo momento dirompente nella storia dell'arte del XX secolo, la Collezione Peggy Guggenheim presenta 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, mostra-omaggio a cura di Gražina Subelyte, Assistant Curator del museo, allestita nelle Project Rooms dal 25 maggio al 25 novembre 2018.
La mostra ricrea l'ambiente del padiglione greco attraverso documenti, fotografie, lettere e una maquette che per la prima volta ne ricostruisce gli spazi e l'allestimento originario del '48, seguito dall'eminente architetto veneziano Carlo Scarpa, che collabora con la Biennale dal 1948 al 1972.
Sempre in concomitanza con il 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla Biennale di Venezia, nelle sale di Palazzo Venier dei Leoni saranno straordinariamente esposte, per la prima volta negli ultimi vent'anni, tutte e undici le opere di Jackson Pollock, oggi appartenenti alla collezione. Cinque di queste erano in mostra nel Padiglione del '48 insieme agli altri capolavori delle avanguardie storiche.


Project Rooms Collezione Peggy Guggenheim
 > 25 NOV. 2018 
Dorsoduro 701 - 30123 Venezia
Tel. 041.2405.404/415

FuturDome presenta il più completo percorso monografico dedicato ad Andrè Komatsu (1978, San Paolo). Una mostra che attraversa l'intera carriera dell'artista Brasiliano e ne traccia un itinerario in parallelo con la mostra personale, Estrela Escura, in occasione della 33esima Biennale di San Paolo.
Ordem Casual trae titolo e impulso da una residenza che l'artista brasiliano ha svolto nel 2010 in FuturDome, quando il palazzo era in completo ripristino, e Komatsu aveva realizzato la sua prima serie fotografica dal titolo, per l'appunto, Ordem Casual.
Fino al 23 novembre 2018, la mostra presenta, assieme alle tracce delle prime performance di Komatsu, nel centro del cortile il muro che condensa il linguaggio architettonico urbano, descrivendo l'ordinamento sociale e politico attuale. Orario 16-19, chiuso il lunedì.


FuturDome
 > 23 NOV. 2018 
via Giovanni Paisiello 6 - 20131 Milano
Tel +39 393.4040233
info@futurdome.com

Mito e Materia. L'immaginario fantastico di Ugo La Pietra incontra la Manifattura Rometti | Galleria Fatto ad Arte, Via della Moscova 60 - MilanoCeramiche Rometti, la storica manifattura umbra nata nel 1927, presenta la mostra Mito e Materia. L'immaginario fantastico di Ugo La Pietra incontra la Manifattura Rometti dal 10 ottobre al 17 novembre 2018 alla Galleria Fatto ad Arte a Milano.

Da una collaborazione avviata nel 2016 con Ugo La Pietra sono nate tre collezioni che hanno trovato nella Galleria Fatto ad Arte, da sempre luogo di studio ed esposizione dell'alto artigianato artistico, la loro perfetta collocazione.

La mostra sarà anche l'occasione per celebrare l'80° compleanno di Ugo La Pietra, attraverso l'incontro della creatività del designer con il savoir faire delle ceramiche d'arte Rometti.

Galleria Fatto ad Arte
 > 17 NOV. 2018 
Via della Moscova 60 - Milano

Haegue Yang, Viale Alemagna 6 - 20121 Milano | Triennale di Milano, Viale Alemagna 6 - 20121 MilanoLa Triennale di Milano e Fondazione Furla annunciano la prima mostra personale di Haegue Yang in un'istituzione italiana, Tightrope Walking and Its Wordless Shadow che raccoglie la vasta gamma di mezzi espressivi che contraddistinguono la sua pratica: dal collage al video, dalle sculture performative alle grandi installazioni. L'estrema varietà dei riferimenti e delle visioni prodotte, che si muovono su una sottile linea tra l'indagine sociale e la storia, tra il vissuto personale e la memoria collettiva, genera percorsi immaginifici di grande potenza evocativa in cui oggetti, persone e luoghi sono inestricabilmente interconnessi.
A cura di Bruna Roccasalva, sarà visibile dal 7 settembre al 4 novembre 2018 escluso il lunedì.


Triennale di Milano
 > 04 NOV. 2018 
Viale Alemagna 6 - 20121 Milano
T. +39 02 724341
www.triennale.org

Peter Kim. Sull'orlo della forma | Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, Viale Fiorello La Guardia 6 - RomaVasi e matasse informi di fili colorati. Il Vaso, soprattutto, come forma archetipica, luogo a-temporale in cui conservare la memoria del mondo, forma che separa e include, dove convergono il finito e l'infinito.
Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, ideata e curata da Maria Giovanna Musso, sostenuta da De Berg e organizzata da Comediarting, arriva in anteprima assoluta per Roma, al Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese, la mostra dell'artista coreano Peter Kim. Sull'orlo della forma. Per la mostra al Museo Bilotti sono state selezionate le opere di Kim dedicate prevalentemente al tema archetipico del vaso, insieme a una serie di disegni e ad alcune opere più materiche, poste in una cornice che esalti, al tempo stesso, il carattere del luogo espositivo e la peculiarità di un artista ancora poco conosciuto in Italia.
Aperta dal 22 giugno al 4 novembre 2018. Da martedì a venerdì ore 13 - 19 Sabato e domenica ore 10 - 19. Dal 1 ottobre da martedì a venerdì ore 10 - 16. Sabato e domenica ore 10 - 19.


Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese
 > 04 NOV. 2018 
Viale Fiorello La Guardia 6 - Roma
Info 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 19.00)
www.museocarlobilotti.it
www.museiincomune.it

A poco più di due anni dalla sua scomparsa, l'artista Sauro Cavallini (1927 - 2016) è protagonista di una grande mostra con oltre 70 opere nella Sala delle Esposizioni dell'Accademia delle Arti del Disegno, a Firenze. Con il titolo Sauro Cavallini - Luce e Ombra, la mostra antologica curata da Domenico Viggiano propone l'intera parabola artistica di Cavallini: dalle prime creazioni di grafica degli anni '60 alle grandi sculture in ferro e bronzo, fino alle tempere dell'ultimo, prolifico periodo.
L'iniziativa espositiva è visitabile dal 5 al 30 ottobre 2018. Da martedì a sabato: ore 10-13 e 17-19. Domenica: ore 10-13.

Accademia delle Arti del Disegno
 > 30 OCT. 2018 
Via Ricasoli n.68 (angolo Piazza San Marco) - Firenze

La mostra personale di Tomoko Nagao (Nagoya, 1976), esposta dal 27 settembre al 27 ottobre 2018 presso la galleria Deodato Arte di Milano è incentrata sulla recente spettacolare e inedita produzione dell'artista giapponese che da anni contamina la grande arte occidentale con i miti della cultura manga nel solco della tendenza micro-Pop.
Il nuovo ciclo presentato in quest'occasione è quello dei Flowers, la recente produzione in vettoriale che rappresenta una rievocazione in chiave Pop dei classici vasi di fiori fiamminghi, tratti in particolare da Jan Brueghel: lo splendore delle varietà floreali, la magnificenza dei colori sono tradotti in superficie attraverso singolare rielaborazione digitale. Martedì - sabato 10.30-14 e 15-19.


Deodato Arte
 > 27 OCT. 2018 
Via Nerino 2 - Milano
Tel. 02 80886294
galleria@deodato.com

Sabato 29 settembre 2018 alle ore 9.30, presso la Torre Guinigi a Lucca, si inaugura Silence, personale del pittore Guido Morelli, curata dalla galleria BessArte di Lucca.
In esposizione recenti oli su tela e tecniche miste su carta. Si tratta di raffinati lavori dall'impronta materica, nei quali sono raffigurati sintetici paesaggi naturali: questi ultimi non sono però evocazioni di luoghi reali, bensì composizioni, in cui ciò che conta è la ricerca di una determinata struttura, di una forma fondata su un gioco di rispondenze e su un equilibrio di spazi. Quella di Morelli è una pittura per così dire 'mentale', in cui è accentuata la dimensione della memoria: l'artista si concentra su un linguaggio psicologico del dipinto, allontanandosi da qualsiasi aspetto descrittivo e mirando a una pura fusione di cromatismi e luminosità.
La mostra, patrocinata dal Comune di Lucca, è organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. Rimarrà aperta fino al 26 ottobre 2018, tutti i giorni, con orario 9.30 - 18.30.


Torre Guinigi
 > 26 OCT. 2018 
Via Sant'Andrea, 45 - Lucca
Infoline: 0583 050627
Web: www.bessarte.it

Luigi Carboni, Forme del reale e immagini perdute | Galleria Poggiali - project room, Via Garibaldi, 8 Pietrasanta (LU)Esordio assoluto per l'artista pesarese Luigi Carboni che espone per la prima volta negli spazi della Galleria Poggiali di Pietrasanta (LU).
È fissata per sabato 8 settembre 2018, alle ore 18.30 nella project room di via Garibaldi 8, a Pietrasanta, l'inaugurazione del progetto espressamente concepito dall'artista dal titolo Forme del reale e immagini perdute, e che proseguirà fino al 21 ottobre 2018.
Orari: lunedì - domenica 10.30-12.30 | 18-24.


Galleria Poggiali - project room
 > 21 OCT. 2018 
Via Garibaldi, 8 Pietrasanta (LU)
www.galleriapoggiali.com
info@galleriapoggiali.com

Green Gallerydello STUDIOD3R con Marcello Fantuz / Nino Migliori e i bambini del Nido Scuola MAST | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RMPiantare un bosco sulla piazza del MAXXI. Creare un'oasi di verde in cui possano trovare riparo gli uccelli del circondario, scegliendo vari tipi di piante rampicanti, fiori e piante a foglia larga e alcuni esemplari tropicali, un giardino aperto a tutti, tra la riserva naturale di Monte Mario e a Villa Ada, i due grandi polmoni verdi che abbracciano il quartiere Flaminio.
Il 12 giugno è stata presentata l'installazione Green Gallery dello STUDIOD3R con Marcello Fantuz, vincitore della settima edizione di YAP Rome at MAXXI, il progetto per il sostegno dei giovani talenti in architettura organizzato in collaborazione con il Museum of Modern Art di New York nell'ambito dello Young Architects Program. Green Gallery, un'oasi di verde nella piazza del MAXXI, farà da sfondo al ricco programma di appuntamenti estivi del museo, che sarà presentato in questa occasione.
Fino al 21 ottobre 2018.
Nino Migliori e i bambini del Nido Scuola MAST raccontano Favole di Luce la mostra con 87 immagini risultato dell'atelier di fotografia del maestro Nino Migliori con i bambini dai 3 ai 5 anni del Nido Scuola MAST, a Bologna, esperienza unica nel panorama nazionale e internazionale condotta a partire dal 2015. Progetto della Fondazione MAST, in collaborazione con il MAXXI. Fino al 22 luglio 2018, Spazio Extra MAXXI.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 21 OCT. 2018 (Green Gallery) 
 > 22 JUL. 2018 (Favole di luce) 
Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RM
Tel 06 320 1954
www.maxxi.art

Henri Cartier-Bresson, Landscape | Forte di Bard, Bard (Aosta)Dal 17 giugno al 21 ottobre 2018 la mostra realizzata dal Forte di Bard in collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, presenta Landscape, 105 immagini in bianco e nero, personalmente selezionate da Henri Cartier-Bresson, scattate tra gli anni Trenta e gli anni Novanta fra Europa, Asia e America.
Le immagini in bianco e nero di colui che è stato denominato l'"occhio del secolo", sono raggruppate per tema: alberi, neve, nebbia, sabbia, tetti, risaie, treni, scale, ombra, pendenze e corsi d'acqua. A proporre una "promenade" tra paesaggi urbani e paesaggi rurali.
Orari: martedì-venerdì 10-18. Sabato, domenica e festivi 10-19. Aperta tutti i giorni dal 23 luglio al 2 settembre 10-19.30.

Forte di Bard
 > 21 OCT. 2018 
Bard (Aosta)
T. + 39 0125 833811

 EXHIBITION ARCHIVES 2018  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2017  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2016  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2015  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2014  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2013  [open/close]
a cura di:
Gabriella Masiello

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP