CERCA IN IDEAMAGAZINE.NET

 

 MOSTRE ITALIA

Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. III | Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano

Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano
 DA APRILE / FROM APRIL 2018 | Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. III 
www.mudeto.it/yearbook2016_17.htm

Henri Cartier-Bresson, Landscape | Forte di Bard, Bard (Aosta)Dal 17 giugno al 21 ottobre 2018 la mostra realizzata dal Forte di Bard in collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, presenta Landscape, 105 immagini in bianco e nero, personalmente selezionate da Henri Cartier-Bresson, scattate tra gli anni Trenta e gli anni Novanta fra Europa, Asia e America.
Le immagini in bianco e nero di colui che è stato denominato l'"occhio del secolo", sono raggruppate per tema: alberi, neve, nebbia, sabbia, tetti, risaie, treni, scale, ombra, pendenze e corsi d'acqua. A proporre una "promenade" tra paesaggi urbani e paesaggi rurali.
Orari: martedì-venerdì 10-18. Sabato, domenica e festivi 10-19. Aperta tutti i giorni dal 23 luglio al 2 settembre 10-19.30.

Forte di Bard
 > 21 OCT. 2018 
Bard (Aosta)
T. + 39 0125 833811

Vicino. Non qui | Galleria Civica Trento, Via Rodolfo Belenzani, 44 - 38122 Trento TNVicino. Non qui. porta a Trento alcuni creativi trentini, di nascita o di origine, che hanno costruito la propria carriera internazionale in altri contesti territoriali, in Italia e all'estero. Ideato dall'artista trentino Luca Coser, docente all'Accademia di Belle Arti di Brera, con i curatori della Galleria Civica, il progetto espositivo presenta le ricerche di chi si trova ad abitare - idealmente e fisicamente - in un altrove non solo geografico. Nati tra il 1943 e il 1989, gli autori vivono e operano in Belgio, Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna, Svezia, Brasile, Canada, Stati Uniti, e hanno partecipato a rassegne e manifestazioni internazionali. Le opere in mostra sono realizzate con una molteplicità di tecniche e di linguaggi. Ne risulta un racconto a più voci, che svela l'eterogeneità di identità ed esperienze creative. Come in un viaggio, il percorso è scandito da punti di accesso, di transito, di sosta, messi in luce dall'allestimento progettato dal collettivo di architetti Campomarzio.
Fino al 14 ottobre 2018.

Galleria Civica Trento
 > 14 OCT. 2018 
Via Rodolfo Belenzani, 44
38122 Trento TN
T. +39 0461 985511

Ceramics Now | Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, viale Baccarini 19 - 48018 Faenza (RA)Dal 30 giugno al 7 ottobre 2018 il museo faentino festeggia le sessanta edizioni del Premio Faenza con una mostra particolare Ceramics Now: 17 curatori internazionali hanno scelto una cinquantina artisti contemporanei che lavorano con la ceramica, 53 artisti provenienti da tutto il mondo - dalla Cina agli Stati Uniti, dall'India al Giappone, dalla Nigeria all'Europa - sono stati selezionati da 17 curatori internazionali e raccolti nella mostra "Ceramics Now" al MIC di Faenza per esporre il meglio della ricerca attuale nell'ambito della scultura ceramica e indagare sulle prospettive della ceramica contemporanea oggi.
Quindi non un concorso, ma una mostra curatoriale per festeggiare le sessanta edizioni del Premio Faenza, il Concorso Internazionale della ceramica d'arte contemporanea più longevo del mondo.
Negli anni il Concorso ha visto protagonisti del calibro di Lucio Fontana, Leoncillo Leonardi, Angelo Biancini, Guido Gambone, Pietro Melandri, Carlo Zauli, Fausto Melotti, Mario Ceroli - e stranieri - Eduard Chapallaz, Sueharu Fukami - che hanno fatto non solo la storia della ceramica del XX secolo, ma anche quella della scultura e della pittura.

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza
 > 07 OCT. 2018 
viale Baccarini 19 - 48018 Faenza (RA)
tel. 0546/697301
cel. 339 1228409
www.micfaenza.org

One . One Planet One Future Napoli | Castel dell'Ovo, NapoliAnne de Carbuccia e la Fondazione Time Shrine insieme alla Città di Napoli presentano One . One Planet One Future Napoli. L'artista Anne de Carbuccia ha viaggiato nei luoghi più belli, remoti e a rischio del pianeta per documentare con la sua arte quello che abbiamo, quello che abbiamo già perso e quello che possiamo perdere. La Mostra è dedicata alla salvezza del nostro unico pianeta e rivolge a tutti noi un appello profondo.
La mostra avrà luogo all'interno di Castel dell'Ovo nello spazio della Sala delle Carceri, lunga 23 metri e larga 9 metri e con soffitti a volta alti 6 metri.

Le immagini trattano i temi chiave del progetto: Acqua, Plastica, Animali e Culture a Rischio e saranno mostrate fra installazioni video, sonore e di luce che si ispirano ai temi del progetto e al Castello stesso.
Fino al 30 settembre 2018.

Castel dell'Ovo
 > 30 SEP. 2018 
Napoli

Un collezionista di moda. Abiti e documenti dalla raccolta di Francesco Campidori | Filatoio di Caraglio, Via Matteotti, 40 - Caraglio (CN)È uno spaccato di stile e creatività la mostra Un collezionista di moda. Abiti e documenti dalla raccolta di Francesco Campidori, che sarà inaugurata venerdì 6 luglio al Filatoio di Caraglio. In esposizione fino al 16 settembre 2018 più di cento "pezzi", fra abiti, accessori e documenti, della vasta raccolta che Francesco Campidori, fiorentino, modellista di abbigliamento femminile, ha messo insieme con un'attenzione particolare alle produzioni italiane e francesi e al periodo che va dagli anni Cinquanta agli anni Novanta del secolo scorso.
La mostra è un viaggio fra le più grandi firme italiane e francesi: da Valentino Couture a Gianfranco Ferré, da Jean Paul Gaultier a talenti dell'avanguardia contemporanea come Hussein Chalayan o Bernhard Willhelm, da Christian Dior a Charles Jourdan.
Non mancheranno esempi della genialità e del gusto di molti altri protagonisti di sessant'anni di moda, anonimi talenti, meteore, firme dimenticate o scomparse.
Orari: giovedì, venerdì e sabato 14-19. Domenica e festivi 10-19.

Filatoio di Caraglio
 > 16 SEP. 2018 
Via Matteotti, 40 - Caraglio (CN)
tel. 0171.618300
info@fondazionefilatoio.it

Stefano Albertini, Luciano Bobba, Max Portale, Italian (POP) Code | Mondadori Megastore, piazza Duomo 1 - MilanoÈ il collettivo artistico ITALIANCODE il protagonista di Italian (POP) Code, la terza mostra della nuova serie di "st art. L'arte per tutti", il progetto di Mondadori Store curato da Angelo Crespi con l'idea di rendere ancora più accessibile l'arte contemporanea e i suoi protagonisti.

Presentata al Mondadori Megastore di Piazza Duomo da Stefano Albertini , Luciano Bobba e Max Portale, i membri del collettivo, il lavoro di ITALIANCODE trasforma in opera d'arte un'icona tipicamente milanese: il tram.

In una sorta di amarcord dai tratti pop, i mezzi vengono declinati, tra Banksy e Rotella, nella loro colorata essenza e presenza, a partire dal mitico "23 Lambrate" che ha segnato per oltre ottant'anni la città di Milano, diventando un simbolo letterario, il cui sferragliare ha gli echi di Testori o del cinema neorealista di Visconti.

Una mostra che profuma di rivisitazione (naturalmente pop) di un'icona distintiva dell'italianità, di un pezzo di storia che, nonostante le nuove vesti pop, continua a portare e contenere la medesima aura e la stessa forza evocativa. La mostra sarà aperta al pubblico sino al 2 settembre 2018. Orari: 9 - 23.

Mondadori Megastore
piazza Duomo 1 - Milano
 > 02 SEP. 2018 
www.mondadoristore.it

Sauro Cavallini | Varie sedi, PietrasantaCinque sculture monumentali di Sauro Cavallini scandiranno l'estate 2018 a Pietrasanta. Sono addirittura tre le location - la Piazzetta San Martino, il Campanile di Sant'Agostino e la Galleria Enrico Paoli - che dal 2 luglio al 31 agosto 2018 ospiteranno ben 35 opere dell'artista ligure, ma toscano d'adozione, scomparso nell'estate di due anni fa.
Si tratta di un'esposizione diffusa e a ingresso libero - promossa dal Centro Studi Sauro Cavallini, organizzata della Galleria Enrico Paoli, curata da Melanie Zefferino e patrocinata dal Comune di Pietrasanta - che hanno scelto proprio la Piccola Atene per l'esordio versiliese e quale vetrina privilegiata di un artista in parte ancora da scoprire, e che per tutto il 2018 è al centro di una serie di iniziative a lui dedicate.

Varie sedi
 > 31 AUG. 2018 
Pietrasanta

Diego Marcon. La miserabile | Palazzo della Triennale, Viale Alemagna, 6 - 20121 MilanoC'è qualcosa di profondamente doloroso e allo stesso tempo comico nel lavoro di Diego Marcon (n. 1985, Busto Arsizio). Vivere è miserabile e non risparmia nessuno. Forse è questa la ragione per cui, in occasione della sua prima mostra personale in un'istituzione, l'artista decide di trasformare lo spazio dell'Impluvium della Triennale di Milano in una camera silenziosa e perturbante.
La mostra Diego Marcon. La miserabile resterà aperta dal 20 luglio al 26 agosto 2018. Martedì - Domenica 10.30 - 20.30. Lunedì chiuso.

Palazzo della Triennale
 > 26 AUG. 2018 
Viale Alemagna, 6 - 20121 Milano
T. +39 02 724341

Giacomo Piussi | Camere con vista | Galleria Susanna Orlando, Via Garibaldi, 30 - Pietrasanta (LU)| via Stagio Stagi, 12 - Pietrasanta (LU)A Pietrasanta, entra nel vivo la stagione espositiva della Galleria Susanna Orlando di via Stagio Stagi, con il vernissage della mostra personale site-specific Giacomo Piussi | Camere con vista a cura di Ivan Quaroni.
Fino al 15 agosto 2018 sarà visibile la mostra appositamente pensata e realizzata per questo spazio da Giacomo Piussi, sulle cui pareti disegnerà una sequenza di stanze ammobiliate in blu acquerellato su sfondo bianco, ispirate ad una casa immaginaria della Versilia. Alle pareti di questa "casa ideale" saranno affissi alcuni quadri dell'artista, una selezione di oli su tela di piccole dimensioni dipinti per questo progetto nel 2018, per un viaggio fantastico tra arte e quotidianità. "Ci si deve immaginare di essere in una casa in Versilia in un'epoca indefinita. La Versilia ha questa capacità di essere fuori dal tempo, di conservare, come in una teca, rituali, gesti, sensazioni che si ripropongono intatte da oltre un secolo" spiega Giacomo Piussi.
Orario dal lunedì alla domenica 11-14 / 17-24.

Galleria Susanna Orlando
 > 15 AUG. 2018 
Via Garibaldi, 30 - Pietrasanta (LU)
via Stagio Stagi, 12 - Pietrasanta (LU)
T +39 0584 70214
info@galleriasusannaorlando.it
www.galleriasusannaorlando.it

La Collezione Roberto Casamonti [Alberto Burri: «Rosso nero», 1955,  stoffa, olio, vinavil su tela, 100x86] | Palazzo Bartolini Salimbeni, Piazza Santa Trinita, 1 - Firenze Dal 24 marzo 2018 Firenze avrà un nuovo luogo dedicato all'arte moderna e contemporanea in uno spazio collocato al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni, capolavoro architettonico rinascimentale opera di Baccio d'Agnolo, che si affaccia sull'asse visuale che congiunge Piazza Santa Trinita con la prestigiosa Via Tornabuoni.
L'antica dimora - attentamente restaurata - accoglierà la selezione delle opere che Roberto Casamonti, nella sua lunga attività nel mondo dell'arte, ha raccolto per costituire il corpus principale della propria Collezione. I dipinti e le sculture esposte sono il frutto di anni di appassionate ricerche che danno vita ad una raccolta in grado di rappresentare l'eccezionale evoluzione storico artistica che attraversa per intero il XX secolo.
La Collezione Roberto Casamonti di opere d'arte italiane e straniere si articola in due grandi nuclei: il primo considera opere di artisti agli esordi del Novecento e sino ai primi anni Sessanta, il secondo, dal 1960 ai nostri giorni. In Palazzo Bartolini Salimbeni, la Collezione sarà proposta per sezioni. Il primo nucleo, dal 24 marzo 2018 e sino alla primavera del '19 e, a seguire, il secondo. Al primo appartengono capolavori di Fattori, Boldini, Balla, Viani, Sironi, Severini, Marini, Morandi, de Chirico, Savinio, Prampolini, Casorati, Magnelli, Licini, Picasso, Leger, Soutine, Klee, Chagall, Ernst, Kandinsky, Hartung, Fautrier, Matta, Lam, Dorazio, Accardi, Afro, Vedova, Capogrossi, Burri, Klein, Fontana, Castellani, Manzoni, Lo Savio e numerosi altri.
Per precisa scelta dell'Associazione Culturale, appositamente costituita per gestire e animare questo nuovo spazio culturale, il pubblico potrà ammirare le opere esposte accedendovi gratuitamente, su semplice prenotazione.
24 Marzo 2018 - 10 Marzo 2019. Orari di apertura pubblico: mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica dalle ore 11.30 alle ore 19.00.


Palazzo Bartolini Salimbeni
 > 10 MAR. 2019 
Piazza Santa Trinita, 1- Firenze
T. 055 602030
www.collezionecasamonti.com
prenotazioni@collezionerobertocasamonti.com
info@collezionerobertocasamonti.com

Marco Introini, Francesco Radino, Gli Scali Ferroviari di Milano. Oggi, Prima di Domani | Casa dell'Energia e dell'Ambiente, Piazza Po, 3 - MilanoUna straordinaria mostra, testimonianza del presente e memoria per il futuro è esposta presso la Casa dell'Energia e dell'Ambiente di Milano dal 14 giugno al 28 dicembre 2018. Intitolata Gli Scali Ferroviari di Milano. Oggi, Prima di Domani.
Fotografie di Marco Introini e Francesco Radino
mette in luce con un'inedita campagna fotografica, realizzata dai due grandi fotografi contemporanei Marco Introini e Francesco Radino, i sette scali ferroviari di Milano, attualmente dismessi, ma in fase di riqualificazione.



Casa dell'Energia e dell'Ambiente
 > 28 DEC. 2018 
Piazza Po, 3 - Milano

Luoghi della Mente. 20 Anni d'Arte Contemporanea | GAM Galleria d'Arte Moderna 'Achille Forti', Cortile Mercato Vecchio - Verona Studio la Città è lieta di annunciare che le opere di Jacob Hashimoto e Hiroyuki Masuyama saranno esposte all'interno della mostra: Luoghi della Mente. 20 Anni d'Arte Contemporanea. Da Masuyama ad Hashimoto, attraverso Rovaldi, fino agli ultimi lavori del Premio Ottella. Una selezione di opere rende omaggio ai vent'anni della politica di acquisizioni d'arte contemporanea inaugurata nel 1997 dalla GAM. All'interno del percorso espositivo, i visitatori potranno ammirare la grande scultura di Jacob Hashimoto - lavoro che indaga il rapporto tra naturale e artificiale - e la lightbox di Hiroyuki Masuyama, immagine di un volo che unisce in un'unica opera di 10 metri, la vastità del tempo e dello spazio.
Dal 29 marzo al 30 novembre 2018. Da martedì a venerdì 10 - 18, sabato e domenica 11 - 19. Lunedì chiuso.


GAM Galleria d'Arte Moderna 'Achille Forti'
 > 30 NOV. 2018 
Cortile Mercato Vecchio - Verona

1948: la Biennale di Peggy Guggenheim | Project Rooms Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701 - 30123 VeneziaNel 2018 ricorre il 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla XXIV Biennale di Venezia, presso il padiglione greco. Per commemorare questo momento dirompente nella storia dell'arte del XX secolo, la Collezione Peggy Guggenheim presenta 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, mostra-omaggio a cura di Gražina Subelyte, Assistant Curator del museo, allestita nelle Project Rooms dal 25 maggio al 25 novembre 2018.
La mostra ricrea l'ambiente del padiglione greco attraverso documenti, fotografie, lettere e una maquette che per la prima volta ne ricostruisce gli spazi e l'allestimento originario del '48, seguito dall'eminente architetto veneziano Carlo Scarpa, che collabora con la Biennale dal 1948 al 1972.
Sempre in concomitanza con il 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla Biennale di Venezia, nelle sale di Palazzo Venier dei Leoni saranno straordinariamente esposte, per la prima volta negli ultimi vent'anni, tutte e undici le opere di Jackson Pollock, oggi appartenenti alla collezione. Cinque di queste erano in mostra nel Padiglione del '48 insieme agli altri capolavori delle avanguardie storiche.


Project Rooms Collezione Peggy Guggenheim
 > 25 NOV. 2018 
Dorsoduro 701 - 30123 Venezia
Tel. 041.2405.404/415

Peter Kim. Sull'orlo della forma | Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, Viale Fiorello La Guardia 6 - RomaVasi e matasse informi di fili colorati. Il Vaso, soprattutto, come forma archetipica, luogo a-temporale in cui conservare la memoria del mondo, forma che separa e include, dove convergono il finito e l'infinito.
Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, ideata e curata da Maria Giovanna Musso, sostenuta da De Berg e organizzata da Comediarting, arriva in anteprima assoluta per Roma, al Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese, la mostra dell'artista coreano Peter Kim. Sull'orlo della forma. Per la mostra al Museo Bilotti sono state selezionate le opere di Kim dedicate prevalentemente al tema archetipico del vaso, insieme a una serie di disegni e ad alcune opere più materiche, poste in una cornice che esalti, al tempo stesso, il carattere del luogo espositivo e la peculiarità di un artista ancora poco conosciuto in Italia.
Aperta dal 22 giugno al 4 novembre 2018. Da martedì a venerdì ore 13 - 19 Sabato e domenica ore 10 - 19. Dal 1 ottobre da martedì a venerdì ore 10 - 16. Sabato e domenica ore 10 - 19.


Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese
 > 04 NOV. 2018 
Viale Fiorello La Guardia 6 - Roma
Info 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 19.00)
www.museocarlobilotti.it
www.museiincomune.it

Green Gallerydello STUDIOD3R con Marcello Fantuz / Nino Migliori e i bambini del Nido Scuola MAST | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RMPiantare un bosco sulla piazza del MAXXI. Creare un'oasi di verde in cui possano trovare riparo gli uccelli del circondario, scegliendo vari tipi di piante rampicanti, fiori e piante a foglia larga e alcuni esemplari tropicali, un giardino aperto a tutti, tra la riserva naturale di Monte Mario e a Villa Ada, i due grandi polmoni verdi che abbracciano il quartiere Flaminio.
Il 12 giugno è stata presentata l'installazione Green Gallery dello STUDIOD3R con Marcello Fantuz, vincitore della settima edizione di YAP Rome at MAXXI, il progetto per il sostegno dei giovani talenti in architettura organizzato in collaborazione con il Museum of Modern Art di New York nell'ambito dello Young Architects Program. Green Gallery, un'oasi di verde nella piazza del MAXXI, farà da sfondo al ricco programma di appuntamenti estivi del museo, che sarà presentato in questa occasione.
Fino al 21 ottobre 2018.
Nino Migliori e i bambini del Nido Scuola MAST raccontano Favole di Luce la mostra con 87 immagini risultato dell'atelier di fotografia del maestro Nino Migliori con i bambini dai 3 ai 5 anni del Nido Scuola MAST, a Bologna, esperienza unica nel panorama nazionale e internazionale condotta a partire dal 2015. Progetto della Fondazione MAST, in collaborazione con il MAXXI. Fino al 22 luglio 2018, Spazio Extra MAXXI.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 21 OCT. 2018 (Green Gallery) 
 > 22 JUL. 2018 (Favole di luce) 
Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RM
Tel 06 320 1954
www.maxxi.art

Manu propria. Il segno calligrafico come opera d'arte (Carla Accardi) | Casa d'Arte Futurista Depero, Via Portici, 38 - 38068 Rovereto (TN)La scrittura come forma pittorica ha assunto una posizione di spicco nelle pratiche artistiche del Novecento. Nella seconda metà del secolo diventano sempre più intense le relazioni tra artisti e poeti, le contaminazioni tra i linguaggi, le stratificazioni di immagini e parole. Tra opere, manifesti, edizioni sperimentali e documenti d'archivio, la mostra esplora l'uso estetico del segno calligrafico attraverso cinquant'anni di storia dell'arte: dall'esperienza pittorica di Gastone Novelli e Achille Perilli agli alfabeti dipinti di Carla Accardi, Giuseppe Capogrossi e Antonio Sanfilippo, fino alle ricerche verbo-visuali di artisti come Ugo Carrega e Ben Vautier.
La mostra Manu propria. Il segno calligrafico come opera d'arte è in programma dal 16 giugno al 30 settembre 2018. Mar-Dom 10-18. Lunedì chiuso.


Casa d'Arte Futurista Depero
 > 30 SEP. 2018 
Via Portici, 38 - 38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760

Dal Simbolismo all'Astrazione. Il primo Novecento a Roma nella Collezione Jacorossi [opera di Corrado Cagli] | MUSIA Spazio per l'Arte Contemporanea, Via dei Chiavari 7 - Roma La mostra Dal Simbolismo all'Astrazione. Il primo Novecento a Roma nella Collezione Jacorossi, che ha inaugurato MUSIA, lo spazio per l'arte contemporanea ideato dal collezionista e imprenditore Ovidio Jacorossi, è stata prorogata sino a domenica 30 settembre 2018.
Allestita nella Galleria 7, l'esposizione, curata da Enrico Crispolti in collaborazione con Giulia Tulino, presenta circa cinquanta opere della Collezione Jacorossi articolate entro il quadro di una rigorosa ricostruzione storica delle vicende delle arti plastiche a Roma nella prima metà del Novecento attraverso opere diversamente significative, di autori noti - da De Carolis, Balla, Martini, a Cagli, Leoncillo, Colla, Afro - o piuttosto inattesi - fra Bargellini, Edita Broglio, Di Cocco, i Ferrazzi, Janni.
MUSIA presenta inoltre nel mese di aprile la seconda mostra, che prosegue idealmente il percorso di indagine della scena artistica romana iniziato lo scorso dicembre.
Colore, Immagine, Segno, Oggetto, Comportamento. Il secondo Novecento a Roma nella collezione Jacorossi è dedicata ad una selezione di circa trenta opere realizzate tra la fine degli anni '50 e gli anni '80. L'esposizione ripercorre il cammino dell'arte a Roma attraverso le opere di artisti come Renato Guttuso, Corrado Cagli, Giuseppe Uncini, Franco Angeli, Mario Schfano, Giosetta Fioroni, Mario Ceroli, Nedda Guidi, Titina Maselli, Claudio Abate, Luigi Ontani, Franco Piruca, Joseph Kosuth.
A questa prima esposizione seguiranno nell'autunno del 2018, sempre a cura di Enrico Crispolti, una seconda antologica dedicata a opere significative della collezione relative alla seconda metà del Novecento.


MUSIA Spazio per l'Arte Contemporanea
 > 30 SEP. 2018 
Via dei Chiavari 7 - Roma

Ugo La Pietra, Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell'ambiente urbano dal 1969 al 2017 | CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea, Via del Campanile 13 - Foligno (PG)Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell'ambiente urbano dal 1969 al 2017 è il titolo della nuova mostra dedicata a Ugo La Pietra che il CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno ospita fino al 30 settembre 2018.
Curata da Italo Tomassoni, Giacinto Di Pietrantonio e Giancarlo Partenzi, la mostra ripercorre i molteplici ambiti di indagine di La Pietra per nuclei e tematiche con i suoi lavori più significativi e i documenti correlati all'interno dello spazio urbano.
Tutto il lavoro di La Pietra è sempre legato ai luoghi - arte territoriale e arte per il sociale - in cui le opere si collocano.
Attraverso un centinaio di opere bidimensionali, alcuni brani video, oggetti tridimensionali e un'installazione, la mostra si sviluppa in un percorso ricco di suggestioni visive.
Orari: venerdì 16 - 19, sabato e domenica 10.30 - 12.30 / 16 - 19.


CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea
 > 30 SEP. 2018 
Via del Campanile 13 - Foligno (PG)
www.centroitalianoartecontemporanea.com

IL LEGNO dalla Natura alle Cose | Città Bassa - BergamoAnche IL LEGNO dalla Natura alle Cose, la manifestazione voluta e pensata dal Museo del Falegname Tino Sana che accoglie una quarantina di aziende che lavorano il legno, omaggia Achille Castiglioni, per ricordare il centenario della sua nascita, focalizzando l'attenzione su uno dei tratti dominanti della progettualità del grande maestro: il gioco. Nasce così 100 Achille Castiglioni playing with design and wood, una iniziativa che include la produzione di un puzzle e una installazione site specific per invadere pacificamente, dal 30 maggio fino al 23 settembre 2018 la Città Bassa con sagome bidimensionali fuori scala che riproducono la figura di Castiglioni e una selezione di suoi oggetti che rappresentano la storia, la tradizione e la cultura del design italiano nel mondo, ancora oggi nella produzione Alessi, FLOS, Zanotta, Karakter e Tacchini. Progetto di Basaglia + Rota Nodari Architetti Associati con il patrocinio del Comune di Bergamo.

Città Bassa
 > 23 SEP. 2018 
Bergamo

Armando Orfeo, ARTinCLUB 6 | Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini, Via Roma Capitale 265 - 55041 - Lido di Camaiore - LuccaSabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura "ARTinCLUB 6", organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell'artista Armando Orfeo.

L'iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l'intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l'arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del '900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza.

La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. È aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30.


Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
 > 22 SEP. 2018 
Via Roma Capitale 265
55041 - Lido di Camaiore - Lucca
Infoline: 0584 66103
www.clubipini.com/artinclub6

Steve McCurry Icons | Villa Bardini, Costa S. Giorgio, 2-4 - 50125 FirenzeVilla Bardini ospita un'esposizione dedicata a uno dei mostri sacri della fotografia mondiale, Steve McCurry Icons, autore del celeberrimo ritratto di Sharbat Gula, la giovane profuga afgana che ci scruta con l'intensità abbagliante del suo sguardo magnetico e diventata un'icona assoluta della tragedia di tutte le guerre. La mostra, curata da Biba Giachetti, riunisce oltre 100 scatti tra i migliori del fotografo attraverso 40 anni di viaggi soprattutto in luoghi devastati dalle innumerevoli guerre o dalla povertà che affliggono il pianeta. Dall'Afghanistan alla Birmania, dal Giappone a Cuba fino all'11 settembre, McCurry (Darby, PA, 1950) con la forza dirompente dei suoi scatti accompagna i visitatori in un percorso simbolico e visionario nel complesso universo di emozioni e narrazioni che ci restituiscono la fierezza e la poesia di mondi lontani ma straordinariamente vicini.
Fino al 16 settembre 2018.


Villa Bardini
 > 16 SEP. 2018 
Costa S. Giorgio, 2-4 - 50125 Firenze

Gianfranco Baruchello | MART, Corso Bettini 43 - 38068 Rovereto (TN) Al MART la mostra ideata con Gianfranco Baruchello (Livorno 1924) ripercorre la ricerca di un autore che ha operato oltre i confini tradizionali dell'arte, mettendo in discussione sistemi e convenzioni culturali.
Sperimentatore di linguaggi e tecniche, Baruchello ha avviato la sua attività alla fine degli anni Cinquanta ripensando il mezzo pittorico, praticando l'accostamento, l'assemblaggio, la scrittura, la riduzione di scala. In costante dialogo con l'innovativo pensiero di Marcel Duchamp, l'approdo a nuove forme di espressione passa dai dipinti su vari supporti alla creazione di scatole-oggetti, dal montaggio di film alla realizzazione di azioni e progetti su scala ambientale.
La mostra traccia un itinerario attraverso i principali nuclei di indagine di Baruchello, esplorando lo spazio dell'opera e la relazione tra dimensione reale e dimensione onirica, in una peculiare metodologia adottata tra l'artista e il curatore Gianfranco Maraniello.
Dal 19 maggio al 16 settembre 2018. Mar-dom 10-18, venerdì 10-21, lunedì chiuso.


MART
 > 16 SEP. 2018 
Corso Bettini 43 - 38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760

In occasione del centenario della nascita, il MAXXI dedica una grande esposizione a Bruno Zevi e al suo multiforme lavoro di storico, docente, progettista, politico, broadcaster radiofonico e televisivo.
La mostra, realizzata con la Fondazione Bruno Zevi e curata da Pippo Ciorra e Jean-Louis Cohen, raccoglie riviste, libri, manifesti, documenti audio e video del suo lavoro, insieme ai progetti di 38 tra gli architetti che promuoveva, da Carlo Scarpa a Pier Luigi Nervi, da Franco Albini a Maurizio Sacripanti, da Piero Sartogo a Renzo Piano e molti altri.
Gli Architetti di Zevi. Storia e controstoria dell'architettura italiana 1944-2000 sarà visibile dal 25 aprile al 16 settembre 2018. Chiuso i lunedì, il 1 maggio.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 16 SEP. 2018 
via Guido Reni, 4/a, 00196 Roma RM
Tel +39 06 32.48.61, 320 1954
press@fondazionemaxxi.it

Paolo Masi - Doppio Spazio | Museo arte Gallarate, Via Egidio de Magri, 1 - 21013 Gallarate VALa mostra Paolo Masi - Doppio Spazio propone opere che presentano i passaggi chiave della carriera di Paolo Masi che ha affrontato, decennio dopo decennio, i limiti e le potenzialità dell'oggetto quadro, della pittura astratta e dell'arte come atto politico.
Il percorso critico che rende conto della lunga carriera dell'artista, si distingue e si caratterizza dal punto di vista espositivo, in ciascuno dei due luoghi, mostrando opere di natura differente. Al MAGA saranno visibili le opere installative e ambientali realizzate dall'artista, fin dagli anni Sessanta, con materiali differenti, che puntano a mutare la percezione dello spazio, come la grande installazione della biennale di Venezia del 1978. Nelle cinque Lounge Vip di Malpensa, al Terminal 1, troveranno spazio alcuni nuclei di opere pittoriche storiche e altre più recenti che illustrano la ricerca che l'artista ha affrontato attorno alla pittura di matrice astratto-geometrica.
Il progetto nel suo insieme a cura di Lorenzo Bruni, offre una lettura approfondita della ricerca che l'artista ha affrontato, dalla fine degli anni '50 a oggi, attraverso cicli pittorici che, pur essendo realizzati in decenni distanti tra loro, hanno come soggetto comune il tema della "vibrazione" del segno-colore che si "rivela" in relazione al materiale scelto come supporto. Il percorso espositivo si completa con interventi installativi realizzati con differenti materiali, dai telai a terra alle lastre di plexiglas dipinte con forme geometriche e sospese nel vuoto.
6 maggio - 16 settembre 2018. Martedì - venerdì 10 -13 | 14.30 - 18.30, sabato e domenica 11 - 19. Chiuso lunedì.


Museo arte Gallarate
 > 16 SEP. 2018 
Via Egidio de Magri, 1 - 21013 Gallarate VA
Tel 0331 706011

Matt Mullican, The Feeling of Things | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese, 2, 20126 Milano Pirelli HangarBicocca presenta The Feeling of Things, la più grande retrospettiva mai realizzata sul lavoro di Matt Mullican (Santa Monica, California, 1951), uno degli artisti americani più riconosciuti, attivo dall'inizio degli anni Settanta e pioniere dell'utilizzo dell'ipnosi come pratica performativa nell'arte. Il progetto espositivo, che include migliaia di opere, immerge il visitatore nell'articolata cosmologia dei "cinque mondi" concepita dall'artista: un singolare sistema di rappresentazione della realtà composto da immagini, pittogrammi, icone, codici, segni, simboli e colori. Un vocabolario visivo capace di interpolare tradizioni, studi scientifici, credenze e culture di tempi e geografie differenti per interrogarsi sulle questioni esistenziali di sempre e sugli aspetti più ermetici e profondi della vita.
Dal 12 aprile al 16 settembre 2018 da giovedì a domenica 10-22, da lunedì a mercoledì chiuso.


Pirelli HangarBicocca
 > 16 SEP. 2018 
Via Chiese, 2 - 20126 Milano
Tel 02 6611 1573

Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus - Time | Reggia di Caserta, Via Douhet 2/A - CasertaUnione tra passato e contemporaneità è la mostra Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus - Time a cura di Luca Beatrice, esposta presso la Reggia di Caserta dal 14 giugno al 15 settembre 2018.
L'esposizione, organizzata da Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e da Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, gode del patrocinio del Comune di Caserta, del Madre - fondazione donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta.
Il titolo della mostra è un voluto riferimento al trait d'union che Marco Lodola e Giovanna Fra, grazie alle loro opere, creano fra il Tempus, la dimensione temporale legata all'antichità, al classico, alla storica sede espositiva e il Time, sintesi del mondo contemporaneo.
Il percorso espositivo si compone di una selezione di opere dei due artisti, che dall'ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile.


Reggia di Caserta
 > 15 SEP. 2018 
Via Douhet 2/A - Caserta

Senza Tema. Carta / Paper | Studio la Città, Lungadige Galtarossa, 21 - 37133 VeronaStudio la Città presenta dal 9 giugno alle ore 11.30 al 15 settembre 2018 la mostra: Senza Tema. Carta / Paper, una collettiva tutta dedicata alla produzione su carta di 65 artisti internazionali che, negli anni, hanno esposto con la galleria o sono stati personalmente collezionati dalla sua titolare: Hélène de Franchis. Le opere, selezionate dopo un lungo ed attento lavoro di ricerca, sono proposte con un particolare allestimento a "quadreria": da lavori piccoli a molto grandi, realizzati in un arco temporale piuttosto ampio, partendo da un'incisione di Mauro Reggiani del 1934, fino ai recentissimi acquerelli di Stuart Arends. Parola chiave di questa esposizione è libertà. La libertà di sperimentazione che questo medium ha conferito agli artisti, ma anche la libertà che guida una galleria privata nella scelta di esporre semplicemente seguendo il proprio gusto.
Orari: da martedì a sabato, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00.


Studio la Città
 > 15 SEP. 2018 
Lungadige Galtarossa, 21
37133 Verona

W.W.W. - What Walls Want | Marignana Arte, Dorsoduro 14 - 30123 VeneziaIn occasione della Biennale di Venezia di Architettura, Marignana Arte apre W.W.W. - What Walls Want una nuova mostra a cura di Ilaria Bignotti.
In questo caso specifico, il tema si allinea fortemente sia all'identità della Galleria sia alla direzione curatoriale di Ilaria Bignotti, studiosa nell'ambito dei linguaggi spazialisti e ambientali tra anni '60 e '70 e parimenti nelle indagini contemporanee, con riferimento ai temi della processualità, della resilienza e del site-specific.
Il progetto risente di queste direzioni sin dal titolo che gioca su un doppio binario: da un lato, se letto nelle sue iniziali, www, rimanda immediatamente proprio alla rete, al web, al mondo digitale che esalta le potenzialità dell'opera quale medium di coinvolgimento collettivo e di esperienza immersiva.
Artisti: Mats Bergquist, Alessandro Diaz de Santillana, Riccardo De Marchi, Serena Fineschi, Alberto Gianfreda, Nancy Genn, Silvia Infranco, Artur Lescher, Emil Lukas, Antonio Scaccabarozzi e Roy Thurston.
24 maggio - 15 settembre 2018.


Marignana Arte
 > 15 SEP. 2018 
Dorsoduro 14 - 30123 Venezia

Alik Cavaliere. L'universo verde | Palazzo Reale, MilanoNel ventennale della scomparsa di Alik Cavaliere (Roma 1926 - Milano 1998), artista fra i maggiori della scultura italiana del secondo Novecento, Palazzo Reale ospita dal 27 giugno al 9 settembre 2018 Alik Cavaliere. L'universo verde un'importante antologica ad ingresso gratuito, che ricostruisce il percorso dell'artista, soffermandosi sul tema della natura.
Promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura e Palazzo Reale e realizzata in collaborazione con l'Archivio Alik Cavaliere, la mostra è curata da Elena Pontiggia e ha il suo cuore nella prestigiosa Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale, per estendersi poi ad altre cinque sedi in un percorso ampio e articolato che coinvolge la città di Milano: il Museo del Novecento, Palazzo Litta, Gallerie d'Italia, Università Bocconi e il Centro Artistico Alik Cavaliere.


Palazzo Reale
 > 09 SEP. 2018 
Milano

Abitanti, Sette sguardi sull'Italia di oggi / Walter Swennen, La pittura farà da sé | Triennale di Milano, Viale Alemagna, 6 - 20121 MilanoIl nuovo progetto presentato dal Museo di Fotografia Contemporanea e dalla Triennale di Milano presso il Palazzo dell'Arte, Abitanti, Sette sguardi sull'Italia di oggi, è una riflessione collettiva sul tema dell'abitare contemporaneo realizzata da fotografi under 35. La mostra nasce con la volontà di promuovere lo sviluppo della cultura fotografica contemporanea attraverso campagne di committenza pubblica, valorizzare giovani fotografi italiani, incrementare il patrimonio fotografico delle collezioni pubbliche e sottolineare il ruolo chiave della fotografia per testimoniare, indagare e comprendere le trasformazioni culturali, sociali ed economiche.
La mostra resterà aperta dal 9 giugno al 9 settembre 2018.
Inoltre in occasione della sua prima personale in un'istituzione italiana, Walter Swennen (n. 1946, Bruxelles) presenta alla Triennale di Milano dal 21 giugno al 26 agosto 2018 la sua indagine attorno alle basi ideologiche della pittura. La mostra La pittura farà da sé, a cura di Edoardo Bonaspetti, ripercorre attraverso più di quaranta dipinti realizzati dai primi anni Ottanta ad oggi una realtà espressiva libera e sfuggente, in cui lo spettatore è sollecitato da un'infinita serie di interpretazioni e ipotesi.
Orari di apertura: martedì-domenica 10.30-20.30.


Triennale di Milano
 > 26 AUG. 2018 (Walter Swennen) 
 > 09 SEP. 2018 (Abitanti, Sette sguardi sull'Italia di oggi) 
Viale Alemagna, 6
20121 Milano
T. +39 02 724341
www.triennale.org

WORK - Buongiorno Ceramica | ISIA Faenza, Corso Mazzini, 93 Faenza L'ISIA di Faenza - istituto di alta formazione nell'ambito del design e della comunicazione - in occasione della manifestazione Buongiorno Ceramica, la festa diffusa della Ceramica Italiana che vede Faenza tra le città protagoniste, presenta la mostra WORK a cura di Andrea Anastasio che sarà installata all'interno degli spazi dell'istituto.
La mostra, da poco proposte anche alla design week milenese, è la testimonianza di come l'attività didattica e culturale dell'ISIA di Faenza sia espressione delle eccellenze del territorio che la ospita come pure della ricerca internazionale, coniugando genius loci e innovazione nel campo del design.
Infatti un importante spazio negli insegnamenti e nella vita degli studenti è dedicato alla ceramica, grazie anche ai laboratori pratici e alla nuova istituzione di un corso di Design ceramico - un unicum delle università italiane, dove lo studio della progettazione va di pari passo con la realizzazione manuale e oggi anche digitale del prodotto.
20 maggio - 4 settembre 2018. Orari: fino al 30 giugno lunedì - venerdì 9-18, dal 1° luglio lunedì - venerdì 9-15.


ISIA Faenza
 > 04 SEP. 2018 
Corso Mazzini, 93 Faenza
tel. +39 0546 22293

Josef Albers in Messico | Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro, 701-704 - 30123 VeneziaÈ stata presentata alla stampa la mostra Josef Albers in Messico, a cura di Lauren Hinkson, allestita negli spazi espositivi della Collezione Peggy Guggenheim dal 19 maggio al 3 settembre 2018.
Questa mostra permette la riscoperta di un aspetto ancora poco noto della produzione di Albers, ovvero la sua fotografia, messa in relazione alle architetture precolombiane del Messico. Inoltre è sembrata un'ottima occasione per esporre a Palazzo Venier dei Leoni tre sculture precolombiane appartenenti alla collezione di Peggy Guggenheim. Il suo primo viaggio in Messico risale al 1935, in questa occasione l'artista viene a contatto con la magnificenza delle forme architettoniche dei siti archeologici della Mesoamerica. Poco dopo scriverà all'amico Vasily Kandinsky, con cui insegnò al Bauhaus, "il Messico è senz'altro la terra promessa dell'arte astratta". Albers ha sempre sostenuto, nell'arco della sua carriera, che la sua arte doveva "aprire gli occhi".


Collezione Peggy Guggenheim
 > 03 SEP. 2018 
Dorsoduro, 701-704 - 30123 Venezia

Nico Vascellari, Revenge | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RMÈ rimasto chiuso al buio per una settimana in uno spazio di circa 4 metri quadri, ha colpito per ore una enorme scultura in bronzo facendola risuonare nello spazio, ha cantato su un palco la cui scenografia era sorretta dalla sua famiglia, si è seduto sul guardrail di una strada a quattro corsie con le auto che sfrecciavano a pochi centimetri da lui: è Nico Vascellari (Vittorio Veneto 1976) artista e performer tra i più interessanti della scena artistica contemporanea, cui il MAXXI dedica il focus Revenge a cura di Bartolomeo Pietromarchi dall'8 giugno al 2 settembre 2018, con orario 11-19. L'ingresso alla performance è previsto da via Masaccio 5.

MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 02 SEP. 2018 
Via Guido Reni, 4/a
00196 Roma RM
Tel 06 320 1954
www.maxxi.art

#dreamers68 | Museo di Roma in Trastevere, Piazza S. Egidio 1/b - RomaIn occasione del 50° anniversario del 1968, AGI Agenzia Italia ricostruisce l'archivio storico di quell'anno, recuperando il patrimonio di tutte le storiche agenzie italiane e internazionali, organizzando #dreamers68 l'affascinante mostra fotografica e multimediale che sarà allestita al Museo di Roma in Trastevere.
Un viaggio nel tempo fra 178 immagini, tra le quali più di 60 inedite; 19 archivi setacciati in Italia e all'estero; 15 filmati originali che ricostruiscono più di 210 minuti della nostra storia di cui 12 minuti inediti; 40 prime pagine di quotidiani e riviste riprese dalle più importanti testate nazionali; e inoltre una ricercata selezione di memorabilia: un juke boxe, un ciclostile, una macchina da scrivere Valentine, la Coppa originale vinta dalla Nazionale italiana ai Campionati Europei, la fiaccola delle Olimpiadi di Città del Messico.
Tutti questi temi verranno raccontati attraverso la cronaca, gli usi, i costumi e le tradizioni in diverse sezioni tematiche, dando vita e facendo immergere il pubblico in questo lungo e intenso racconto nell'Italia del '68 .
Ad accogliere i visitatori ci saranno i grandi "sognatori del futuro"; attraverso le figure e le parole di Martin Luther King e Bob Kennedy il pubblico sarà guidato all'interno della cronaca internazionale del '68 .
Fino al 2 settembre 2018. Da martedì a domenica ore 10.00 - 20.00.


Museo di Roma in Trastevere
 > 02 SEP. 2018 
Piazza S. Egidio 1/b - Roma

Federico Seneca. Segno e Forma nella Pubblicità | Museo Nazionale della Collezione Salce, Treviso Il nuovo Museo Nazionale della Collezione Salce fa posto ad una grandiosa monografica interamente riservata a Federico Seneca, il "papà dei Baci Perugina".
La mostra Federico Seneca. Segno e Forma nella Pubblicità illustra l'intero percorso creativo di Federico Seneca, dagli esordi belle époque agli sviluppi futuristi alla teatralità di matrice bauhaus, arrivando a delineare una personalità originale e unica nel panorama della grafica pubblicitaria universalmente inteso.
"E' attraverso gli splendidi manifesti - dichiara Marta Mazza - ma anche attraverso bozzetti disegnati e scultorei di proprietà privata, totalmente inediti fino a questa mostra, che si rende omaggio al grande direttore artistico della Perugina e della Buitoni, al geniale creatore delle immagini per il Bacio di cioccolato, per la pastina glutinata e ancora, per altre prestigiose committenze come Modiano, Ramazzotti, Cinzano, Talmone, Chlorodont, Lane BBB, Agipgas, di indimenticabili personaggi dalla valenza plastica e teatrale, perfetto preludio alle invenzioni della pubblicità animata per la televisione".
A completare l'esposizione, un ampio catalogo e un video realizzato da Ultrafragola, con interviste alle curatrici della mostra e al figlio dell'artista, Bernardino Seneca.
Aperta fino al 2 settembre 2018.


Museo Nazionale della Collezione Salce
 > 02 SEP. 2018 
Treviso
www.collezionesalce.beniculturali.it

Monaco, Vienna - Trieste - Roma. Il Primo Novecento al Revoltella | Civico Museo Revoltella, Trieste È un continuo dialogo tra il dentro e il fuori quello che si può ammirare al quinto piano della Galleria d'Arte Moderna del Museo "Revoltella" dal 25 gennaio al 2 settembre 2018.

Il "dentro" è rappresentato dalle fondamentali proposte di artisti triestini e giuliani. Il "fuori" è offerto dalla superba collezione di artisti italiani, e non solo, patrimonio del Museo.

Il titolo dell'esposizione - Monaco, Vienna - Trieste - Roma. Il Primo Novecento al Revoltella - richiama l'influenza di Monaco di Baviera e di Vienna su Trieste, negli anni in cui il capoluogo giuliano apparteneva all'Impero d'Austria-Ungheria, e l'interscambio - parallelo e successivo - tra gli artisti della città e del territorio e l'Italia.

Il percorso, ideato da Susanna Gregorat, conservatore del "Revoltella", si sviluppa su sette sezioni, a documentare questi flussi e queste influenze, dagli anni delle Secessioni a quelli del "ritorno all'ordine", coprendo una storia che dagli albori del Novecento si inoltra nel "secolo lungo", sino a lambire il secondo conflitto mondiale.


Civico Museo Revoltella
 > 02 SEP. 2018 
Trieste
www.museorevoltella.it

Prix Pictet. Space | CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia, Via delle Rosine, 18 - TorinoFino al 26 agosto 2018 con la mostra Prix Pictet. Space saranno esposte a CAMERA le fotografie dei dodici finalisti del Prix Pictet, importante premio fotografico internazionale dedicato al tema della sostenibilità:

Mandy Barker (Regno Unito), Saskia Groneberg (Germania),
Beate Gütschow (Germania), Rinko Kawauchi (Giappone),
Benny Lam (Hong Kong), Richard Mosse (Irlanda),
Munem Wasif (Bangladesh), Sohei Nishino (Giappone),
Sergey Ponomarev (Russia), Thomas Ruff (Germania),
Michael Wolf (Germania), Pavel Wolberg (Russia).



CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia
 > 26 AUG. 2018 
Via delle Rosine, 18 - Torino

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura | Triennale di Milano, Viale Emilio Alemagna, 6 -20121 MilanoDal 25 maggio al 26 agosto 2018, la Triennale di Milano ospiterà Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura, una retrospettiva sul grande fotografo emiliano a cura di Michele Nastasi promossa dal Museo di Fotografia Contemporanea di Milano-Cinisello Balsamo e dalla Triennale di Milano. Protagoniste dell'esposizione sono le opere fotografiche originali di Luigi Ghirri presenti nell'archivio della rivista Lotus e di quello del suo direttore Pierluigi Nicolin , a testimonianza dell'originalità e dell'attualità con cui sono stati interpretati il mondo dell'architettura e del paesaggio nel lavoro di ricerca editoriale.
Lo Studio Calzoni Architetti | Sonia Calzoni , la cui progettualità si basa su una forte attenzione verso la città, il tessuto e gli abitanti, si confronta con un progetto di ambito museale che verrà valorizzato dalle fotografie metafisiche di Ghirri, come mezzo per comprendere a fondo l'architettura e in modo particolare la forma della città.


Triennale di Milano
 > 26 AUG. 2018 
Viale Emilio Alemagna, 6 -20121 Milano
Tel 02 724341

Giosetta Fioroni. Viaggio Sentimentale | Museo del Novecento, Via Marconi, 1 - MilanoIl Comune di Milano|Cultura e il Museo del Novecento presentano Giosetta Fioroni. Viaggio Sentimentale, mostra realizzata in collaborazione con la casa editrice Electa, a cura di Flavio Arensi ed Elettra Bottazzi.
Per la prima volta Milano dedica a Giosetta Fioroni una grande mostra antologica, con oltre 160 opere capaci di raccontare al pubblico la complessità tematica e linguistica del suo intero percorso artistico.
Figura di riferimento della cosiddetta Scuola di Piazza del Popolo a Roma insieme a Franco Angeli, Mario Schifano, Tano Festa e tutti gli artisti che hanno animato la galleria "La tartaruga" di Plinio de Martiis, Giosetta Fioroni rappresenta un'eccezione nel panorama italiano dell'arte e anche per questo è diventata una protagonista della scena artistica internazionale. Fuori dal coro, fuori dalle mode, lucida ed esplosiva, l'artista ha sviluppato in oltre sessanta anni di attività un linguaggio visivo forte ed eloquente fatto di simboli, segni ed emozioni: muovendosi a suo agio tra pittura, disegno, performance, video, teatro, ceramica e moda, ha sempre intrecciato il suo lavoro alla sua vita in modo audace e romantico. Il percorso espositivo, oltre al piano terra del Palazzo dell'Arengario, si snoda nelle sale che affacciano su piazzetta Reale, allestite in senso cronologico per offrire una panoramica completa dell'attività pittorica dell'artista, grazie al progetto di allestimento di Massimo Curzi che ha lavorato immaginando di condurre il visitatore dentro lo studio dell'artista.
Dal 6 aprile al 26 agosto 2018.


Museo del Novecento
 > 26 AUG. 2018 
Via Marconi, 1 - Milano
T. +39 02 884 440 61 | F. +39 02 884 440 62 c.museo900@comune.milano.it

Arte come rivelazione. Dalla collezione Luigi e Peppino Agrati | Gallerie d'Italia, Piazza Scala, Milano Intesa Sanpaolo è lieta di presentare la mostra Arte come rivelazione. Dalla collezione Luigi e Peppino Agrati - dal 16 maggio al 19 agosto 2018 alle Gallerie d'Italia - Piazza Scala, Milano - a cura di Luca Massimo Barbero.
La mostra presenterà lavori unici di artisti internazionali quali Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Robert Rauschenberg, Christo, e maestri italiani come Lucio Fontana, Piero Manzoni, Mario Schifano, Alberto Burri, Fausto Melotti. Dall'Informale alla Pop Art, dall'Arte Povera alla Conceptual Art fino agli sviluppi degli anni Ottanta, la collezione attraversa e intreccia i movimenti che hanno segnato il percorso dell'arte non solo italiana ma internazionale nella seconda metà del Novecento.


Gallerie d'Italia
 > 19 AUG. 2018 
Piazza Scala, Milano

The House Electric. Jochen Holz, M-L-XL studio, Richard Wheater | A plus A gallery School for curatorial Studies Venice, San Marco 3073 - Venezia 30124 In occasione della Biennale Internazionale di Architettura di Venezia, la galleria A plus A presenta dal 17 maggio all'11 agosto 2018, la mostra The House Electric, con opere di Jochen Holz, M-L-XL studio e Richard Wheater. Nel 1855 il poeta statunitense Walt Whitman celebra con la poesia "Canto il Corpo Elettrico" il corpo umano come il veicolo primario con cui esperire il mondo in cui anima e corpo sono equivalenti. Nella mostra gli stessi temi vengono ripresi per essere applicati all'ambiente domestico, di cui si esplorano due elementi fondamentali: la luce al neon e i mobili. Ogni lavoro esposto condivide rimandi sensuali, in un rapporto di connessione e dialogo con la poesia. In particolare nella parte finale, il poema si articola in una lunga lista in cui sono elencate parti del corpo, alcune evidenti, alcune oscure, altre interne o minuscole. La struttura verbale viene eliminata, lasciando che siano gli oggetti ad assumere la funzione di soggetti. Un processo che rileviamo anche nel percorso della mostra che si costruisce attraverso l'orchestrazione dei singoli elementi di design in dialogo con le opere d'arte.

A plus A gallery School for curatorial Studies Venice
 > 11 AUG. 2018 
San Marco 3073 - Venezia 30124
Tel. 041 2770466
www.aplusa.it | info@aplusa.it

Romero Britto. Da Miami a Milano | Deodato Arte, Via Nerino 2 - MilanoCon una personale dedicata, Romero Britto arriva a Milano per la prima volta presso la galleria Deodato Arte, nella sede di via Nerino. L'artista neo pop brasiliano nei suoi lavori sperimenta e coniuga elementi del cubismo, della street art e della pop art e si contraddistingue per l'utilizzo di colori sgargianti e forme semplici.
La mostra Romero Britto. Da Miami a Milano offre una selezione di venti opere fra cui tele, sculture, serigrafie, di grandi, medie e piccole dimensioni, accomunate dalla componente cromatica, sempre protagonista di tutti i suoi lavori.
Dal 1 giugno al 10 agosto 2018. Martedì - sabato 10.30-14.00 e 15.00-19.00.


Deodato Arte
 > 10 AUG. 2018 
Via Nerino 2 - Milano
Tel. 02 80886294
galleria@deodato.com

Selma Selman, I will buy my freedom when | Trieste Contemporanea, Via del Monte 2/1 Trieste ItalySabato 9 giugno presso lo Studio Tommaseo è stata inaugurata la personale I will buy my freedom when di Selma Selman, vincitrice del Premio Giovane Emergente Europeo Trieste Contemporanea 2017, e sarà possibile visitarla fino al 31 luglio 2018.
La mostra si è aperta con una performance inedita dell'artista intitolata Superposition e basata sull'idea di combattere con il corpo per proteggersi dagli altri e da se stessa.
La mostra, curata da Daniele Capra, raccoglie una decina di opere recenti che spaziano da video a lavori su carta, fino ad opere di natura concettuale appositamente realizzate per lo spazio triestino.
Orario: da martedì a sabato 17 - 20.


Trieste Contemporanea
 > 31 JUL. 2018 
Via del Monte 2/1 Trieste Italy
Tel +39040639187
info@triestecontemporanea.it
www.triestecontemporanea.it

Un nuovo volo su Solaris | Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus, Piazza San Firenze 5 - FirenzeSarà la suggestiva Sala della Musica del Complesso di San Firenze ad ospitare dal 28 maggio al 31 luglio 2018 la mostra Un nuovo volo su Solaris, promossa dal Museo Anatolij Zverev di Mosca (Museo AZ) e dalla Fondazione Franco Zeffirelli e ispirata al film del regista Andrej Tarkovski dei primi anni Settanta del Novecento. Il progetto rappresenta un connubio tra il capolavoro del grande regista russo e alcune opere pittoriche, grafiche e scultoree degli artisti anticonformisti russi provenienti dalla collezione del Museo AZ e dalla collezione privata di Natalia Opaleva, direttore generale del museo moscovita nonché produttrice della mostra.
La mostra - ideata e curata da Polina Lobacevskaja - costituisce il finale della trilogia di esposizioni le cui prime due parti, ispirate rispettivamente ai film di Tarkovskij Stalker e Andrej Rublev, sono state presentate nel Museo AZ di Mosca nel 2016 e nel 2017.
Nel film "Solaris" (1972) di Andrej Tarkovskij erano stati messi insieme una serie di modelli esemplari dell'arte mondiale, di oggetti creati sulla Terra e selezionati dal regista per rivivere su un altro pianeta.
Per il progetto espositivo, il Museo AZ propone una sua nuova selezione di opere d'arte afferenti a un patrimonio congeniale a Andrej Tarkovskij: si tratta infatti di lavori dei suoi contemporanei, i maestri dell'underground sovietico attivi tra gli anni '60 e gli anni '80 del Novecento.


Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
 > 31 JUL. 2018 
Piazza San Firenze 5 - Firenze
Tel. 055-281038
www.fondazionefrancozeffirelli.com
info@fondazionefrancozeffirelli.com

Aron Demetz. Autarchia | MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli, iazza Museo 19 - NapoliSi è inaugurata la personale di Aron Demetz. Autarchia al Museo Archeologico Nazionale di Napoli. La sua ricerca lo ha posto in dialogo con la tradizione classica. Le sculture sono presentate con impianto installativo ed offrono al visitatore la lettura contemporanea di Demetz di quei valori simbolo di un'arte senza tempo.

Le circa quaranta opere - allestite nelle sale delle collezioni Farnese, nell'atrio e nei giardini - compongono un'esposizione dal carattere antologico, visitabile fino al 29 luglio 2018. Aperto dal mercoledì al lunedì dalle ore 9.00 alle 19.30.



MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli
 > 29 JUL. 2018 
Piazza Museo 19 - Napoli
www.museoarcheologiconapoli.it

Jacopo Ceccarelli, 2501: Milano | Wunderkammern, Via Ausonio 1° - MilanoWunderkammern è lieta di presentare nella sede milanese la nuova mostra dell'artista 2501: Milano (Jacopo Ceccarelli, Milano, 1981) è un artista italiano. tra i più importanti della scena attuale dell'Urban Art che ha maturato il suo stile entrando in contatto con la scuola sudamericana di Street Art. Le sue mostre, sia personali che collettive, sono state ospitate da musei d'eccellenza come il MACRO a Roma, La Triennale di Milano, il Museo Pecci di Prato, La Reggia di Caserta e la Fondazione Edward De Valle di Santo Domingo. Nel 2017 ha vinto una residenza alla Galleria Libertad Queretaro in Messico e ha esposto durante Miami Art Basel con un'installazione del progetto LA MACCHINA. Nel 2015 ha partecipato a "Urban Art Renaissance", mostra collettiva presentata alla Fabbrica del Vapore di Milano e nel 2013 ha esposto alla 55esima edizione della Biennale di Venezia con un evento satellite ufficiale: Back 2 Back.
Fino al 28 luglio 2018, orari di apertura: dal martedì al sabato dalle 11 alle 19.


Wunderkammern
 > 28 JUL. 2018 
Via Ausonio 1° - Milano
Tel +39 0284078959
www.wunderkammern.net
wunderkammern@wunderkammern.net

Filippo Berta, Christian Fogarolli, PERSONA | Casa Testori, Largo Angelo Testori, 13 - Novate Milanese (MI)Casa Testori presenta PERSONA di Filippo Berta e Christian Fogarolli, un progetto espositivo a cura di Carlo Sala.

I due artisti hanno lavorato attorno al tema che è evidenziato dal titolo "Persona". Un titolo semplice che però evidenzia una questione capitale per il nostro tempo.

La mostra occupa il piano terra della dimora natale di Giovanni Testori ed è in programma dal 10 giugno al 22 luglio 2018.




Casa Testori
 > 22 JUL. 2018 
Largo Angelo Testori, 13 - Novate Milanese (MI)

Pirelli HangarBicocca presenta The Dream Machine is Asleep, dal 15 febbraio al 22 luglio 2018, la mostra personale di Eva Kot'átková, a cura di Roberta Tenconi, concepita come un percorso di immagini e parole, un mondo labirintico e surreale che invita a produrre sogni e a sviluppare l'immaginazione, mettendo in luce le fantasie individuali, le paure e le sfide della società contemporanea.
Per questa mostra Eva Kot'átková ha sviluppato un progetto inedito e immersivo dove opere esistenti sono affiancate a nuove produzioni, tra installazioni, sculture, oggetti fuori scala, collage e momenti performativi. Partendo dalla visione del corpo umano come una macchina, un grande organismo il cui funzionamento necessita di revisioni, rigenerazione e riposo, e dall'idea del sonno come momento in cui attraverso i sogni si creano nuove visioni e mondi paralleli, la mostra esplora le nostre proiezioni e i pensieri più intimi, le ansie e il disorientamento del vivere contemporaneo.
Aperto da giovedì a domenica 10-22. Da lunedì a mercoledì chiuso.


Pirelli HangarBicocca
 > 22 JUL. 2018 
Via Chiese, 2, 20126 Milano MI
Tel: 02 6611 1573

Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano | Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi - Firenze Dal 16 marzo al 22 luglio 2018 Palazzo Strozzi ospita la mostra Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano: uno straordinario viaggio tra arte, politica e società nell'Italia tra gli anni Cinquanta e il periodo della contestazione del Sessantotto attraverso ottanta opere di artisti come Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto. L'esposizione, a cura di Luca Massimo Barbero, vede per la prima volta riunite assieme opere emblematiche del fermento culturale italiano del secondo dopoguerra, gli anni del cosiddetto "miracolo economico", momento di trasformazione profonda della società italiana fino alla fatidica data del 1968. È in questo ventennio che prende forma una nuova idea di arte, proiettata nella contemporaneità attraverso una straordinaria vitalità di linguaggi, materie e forme. Un itinerario artistico, quello della mostra, che parte dalla diatriba tra Realismo e Astrazione, prosegue con il trionfo dell'Arte Informale per arrivare alle sperimentazioni su immagini, gesti e figure della Pop Art in giustapposizione con le esperienze della pittura monocroma fino ai nuovi linguaggi dell'Arte Povera e dell'Arte Concettuale.
Tutti i giorni inclusi i festivi 10.00-20.00. Giovedì: 10.00-23.00.


Palazzo Strozzi
 > 22 JUL. 2018 
Piazza Strozzi - Firenze
Tel +39 055 2645155
info@palazzostrozzi.org

Ferruccio Gard. Intrecci Dinamici | Museo Boncompagni Ludovisi, Via Boncompagni, 18 - RomaDall'11 maggio al 15 luglio 2018, il Polo Museale del Lazio presenterà al Museo Boncompagni Ludovisi la mostra Ferruccio Gard. Intrecci Dinamici. Ferruccio Gard è riconosciuto come uno dei maestri e dei precursori delle ricerche Optical-cinetiche internazionali, le sue opere sono state esposte in diverse edizioni della Biennale di Venezia e alla Quadriennale di Roma.

Per la mostra del Museo Boncompagni Ludovisi, Lorenzo Canova, storico dell'arte, critico d'arte e docente di storia dell'arte contemporanea all'Università del Molise, ha curato una selezione dell'ultima produzione dell'artista, insieme ad alcune nuovissime sculture astratto-cinetiche.


Museo Boncompagni Ludovisi
 > 15 JUL. 2018 
Via Boncompagni, 18 - Roma

Nell'ambito del programma di attività espositive del CAMUSAC, si potrà vedere Clinamen mostra antologica di Renato Ranaldi a cura di Bruno Corà.
Clinamen, nelle riflessioni di Lucrezio sul pensiero epicureo, è condizione naturale e spontanea a una deviazione materiale e concettuale che consente l'avvento di nuove fenomenologie.
Nelle modalità formative del lavoro artistico di Ranaldi esso si verifica come prassi di incontro e contrasto tra entità esistenti o prodotte dall'artista stesso mediante le quali dar vita a forme nuove.
Nei vasti ambienti del Museo di Cassino sono esposti un cospicuo numero di lavori, di differente datazione, recanti il denominatore comune di una devianza ideativa e linguistica nei confronti di presunte normative che tanto la tradizione artistica quanto l'attualità e l'oscillazione dei gusti, che la caratterizzano, imporrebbero di osservare. Sono pertanto presenti in mostra sculture quali veri complessi plastici e una serie di "Fuoriquadro" di diversi anni e misure, oltre ad alcune nuove installazioni realizzate in situ negli ambienti del museo in occasione della mostra.
Aperto dal 9 marzo al 9 luglio 2018 da martedì a domenica dalle 15 alle 19.


Cassino Museo Arte Contemporane
 > 09 JUL. 2018 
Via Casilina Nord 1 - Cassino (FR)
Tel. +39 3355259956
info@camusac.com | www.camusac.com

Beppe Francesconi, Armando Orfeo, Valente Taddei, Fantastic fly | Galleria Europa, lungomare Europa 41 - Lido di Camaiore (Lu)Sabato 30 giugno 2018 alle ore 21, presso la Galleria Europa sul lungomare Europa 41 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la rassegna di pittura Fantastic fly.
In esposizione recenti dipinti di Beppe Francesconi, Armando Orfeo e Valente Taddei. Nella pittura italiana contemporanea esiste un consolidato filone espressivo collegato al fantastico: i tre artisti invitati a questa rassegna procedono ciascuno in modo personale per costruire un proprio universo chimerico, un originale registro visionario, un diario onirico privato.
Mostra aperta fino a domenica 8 luglio 2018. tutti i giorni, 21 - 23.30.


Galleria Europa
 > 08 JUL. 2018 
lungomare Europa 41 - Lido di Camaiore (Lu)
Infoline: 333 2318295
www.mercurioviareggio.com

The Independent, WunderMoRE | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a - 00196 RomaSono i progetti mai realizzati di artisti del XX e XXI secolo i protagonisti della mostra WunderMoRE, nuovo appuntamento di The Independent progetto pluriennale di ricerca del MAXXI sugli spazi e il pensiero indipendenti, ideato dal Direttore artistico Hou Hanru e curato da Elena Motisi e Giulia Ferracci con Simone Ciglia.
Per raccontare questi progetti fino all'8 luglio 2018 nel Foyer Carlo Scarpa al secondo piano viene allestita una quadreria di immagini e materiali che negli anni sono state raccolti dall'archivio di MoRE Museum of refused and unrealised art projects (www.moremuseum.org), museo digitale che li raccoglie, conserva ed espone on-line.
Dal martedì al venerdì 11-19, sabato 11-22 domenica, 11-19. Chiuso i lunedì.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 08 JUL. 2018 
Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma
Tel 06 320 1954

Do Ho Suh | Victoria Miro Venice Il Capricorno, San Marco 1994 - 30124 VeneziaVictoria Miro presenta nella sua galleria veneziana la personale dedicata a Do Ho Suh che espone le sue opere realizzate durante l'STPI Creative Workshop a Singapore e che fanno parte del suo progetto a lunga gittata "Rubbing/Loving".

L'artista coreano accarezza e inguaina con colori o sottilissimi strati di carta dai toni pastello interni e oggetti di uso quotidiano che così rivelano e immortalano dettagli e aspetti del mondo che lo circonda.


Fino al 7 luglio 2018.


Victoria Miro Venice Il Capricorno
 > 07 JUL. 2018 
San Marco 1994 - 30124 Venezia

La Cardi Gallery Milan presenta la mostra personale di sculture e disegni di Fred Sandback (1943-2003) realizzata in collaborazione con l'Estate of Fred Sandback; è accompagnata da un catalogo riccamente illustrato con un saggio di Germano Celant.
L'artista americano lavorava con vari materiali come metallo, corde elastiche e, successivamente, con matasse acriliche per delineare o divaricare spazi tridimensionali creando sonorizzazioni e forme volumetriche.
Le otto sculture sono collocate all'interno della Cardi Gallery, lateralmente a una cospicua selezione di disegni e fotocopie che chiariscono l'evoluzione della sua ricerca sul concetto di spazio.
Dal 22 febbraio al 6 luglio 2018.


Cardi Gallery Milan
 > 06 JUL. 2018 
Corso Di Porta Nuova 38 - 20121 Milano
t. (+39) 02.45478189
mail@cardigallery.com
www.cardigallery.com

Dorfles-Testori. MATTI. A 40 anni dalla Legge Nella settimana del compimento dei 40 anni di una delle più celebri leggi italiane - la "180" del 13 maggio 1978 detta "Basaglia", dal nome del suo più strenuo e combattivo promulgatore, Casa Testori omaggia legge e fautore allestendo una mostra che, solo in apparenza, può sembrare lontana dall'epicentro della battaglia politico-istituzionale di allora. In modo inedito e trasversale, attraverso il doppio confronto Gillo Dorfles/Giovanni Testori, la mostra intende comprendere il pensiero basagliano e ciò che lo mosse nell'intraprendere una delle più grandi rivoluzioni del '900. Un omaggio all'uomo che, per primo in Italia, decise, con gesto contraddittoriamente intriso di senso civico e passione intellettuale, di abbattere i cancelli e aprire le porte dei manicomi.
In tal senso la mostra Dorfles-Testori. MATTI. A 40 anni dalla Legge "180". Un omaggio a Franco Basaglia, a cura di Fabio Francione e Davide Dall'Ombra cortocircuita le generose utopie di Franco Basaglia utilizzando le esperienze di vita e di arte sia di Gillo Dorfles sia di Giovanni Testori che, a distanza di circa un quarantennio l'uno dall'altro, volsero la loro attenzione alla follia andando a dipingere uomini e donne che la malattia mentale aveva reso vulnerabili e sofferenti.
Dal 20 maggio al 1 luglio 2018. Orari: martedì - venerdì 10-13 / 14-18; weekend e festivi 15-20.


Casa Testori
 > 01 JUL. 2018 
largo A. Testori 13 - Novate Milanese
tel. +39.02.36589697
www.casatestori.it | info@casatestori.it

On the road. Via Emilia 187 a.C. | Musei Civici di Reggio Emilia La lunga linea da Est a Ovest, che sembra segnare la rotta del Sole sulla Terra, la Via Emilia, percorsa dal 187 avanti Cristo dai legionari del console Marco Emilio Lepido, da mercanti in viaggio dal Mediterraneo o dal resto d'Europa, da coloni stanziali con i loro attrezzi e raccolti, da viandanti in cerca di fortuna e cavalieri coperti di gloria, ancora oggi - inossidabile al tempo - è luogo di identità, di lavoro e di vita per chi la percorre e per chi la abita. E oggi, inanellando le città che sono nate con lei 2.200 anni fa e ancor prima, la Via consolare ospita un fiume di mezzi, pubblici, privati, commerciali, a motore, elettrici, a "propulsione umana" come la bicicletta.
Quell'intuizione di Marco Emilio Lepido, in altre parole, è oggi un asse strategico della mobilità e della logistica italiana.
La mostra On the road. Via Emilia 187 a.C., articolata in 400 reperti, diversi dei quali di assoluta importanza storico-archeologica, offre al pubblico un racconto su due livelli: il "sotto", ovvero la storia antica di questa colossale opera viaria, e il "sopra", ovvero l'attualità della Via Emilia. Le immagini "storiche" che Anas propone a corredo della grande esposizione giungono a completare quel progetto culturale e allestitivo, contribuendo in maniera significativa alla sua declinazione nel Contemporaneo.
Perché da 22 secoli la Via Emilia è più una dimensione che un puro itinerario stradale.
Fino al 1 luglio 2018.


Musei Civici di Reggio Emilia
 > 01 JUL. 2018 
Tel. 0522.456477-456805

Cinema! Storie, protagonisti, paesaggi | Palazzo Roverella  - Rovigo Una ampia rassegna, al Roverella, da conto della singolare attrazione che il cinema ha provato, e continua a nutrire, per il Delta del Po, la dove il Grande Fiume si confonde con l'Adriatico.
Si calcola che le acque, i lembi di sabbia, le piane dell'ampio Delta siano state protagoniste, più che semplice scenario, di almeno 500 tra film, documentari, fiction televisive, girati dai più grandi registi fra i quali Luchino Visconti, Roberto Rossellini, Giuseppe De Santis, Michelangelo Antonioni, Alberto Lattuada, Mario Soldati, Pupi Avati, Ermanno Olmi e Carlo Mazzacurati ma anche tanti altri, da Goffredo Alessandrini a Comencini ai Fratelli Taviani, Bertolucci, Luigi Magni, Bigas Luna, Silvio Soldini...
Cinema! Storie, protagonisti, paesaggi, questo il titolo della mostra curata da Alberto Barbera e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova con Accademia dei Concordi e Comune di Rovigo, sarà a Palazzo Roverella dal 23 marzo al primo luglio 2018.
Il percorso della ricostruzione, focalizzata sull'area del Polesine, è affidato all'utilizzo di diverse tipologie di materiali, esposti in originale o in copie, stampe e ingrandimenti realizzati per l'occasione: foto di scena e di set, manifesti, locandine e materiali pubblicitari, documenti originali, sceneggiature, materiali d'archivio, videomontaggi di sequenze di film, documentari e sceneggiati TV, interviste filmate ai protagonisti.
Rovigo Convention & Visitors Bureau, in occasione dell'evento, promuove IDEEweekend per scoprire quel patrimonio artistico culturale presente nella città di Rovigo e nel Delta del Po, dove storia e natura, tradizione e innovazione sono espressione della ricchezza delle piccole destinazioni turistiche italiane.


Palazzo Roverella
Rovigo
 > 01 JUL. 2018 
www.palazzoroverella.com
www.rovigoconventionbureau.com

Enzo Sbarrai, Back to Black | Galleria B4, Via Vinazzetti 4/b (zona universitaria) - BolognaBack to Black è la mostra personale del fotografo Enzo Sbarra in cui l'artista ripercorre un suo lontano lavoro sulla natura che è memore degli studi sulle nature morte seicentesche napoletane come quelle svolti da Giacomo, Giovanni Battista e Giuseppe Recco. Da quelle antiche immagini, Enzo Sbarra fa emergere il "vero" dall'oscurità in una forma intima e sussurrata.
I quadri sono foto impresse nella memoria, opere classiche che svelano nella tecnica la loro contemporaneità proprio per quell'essere e non essere, quasi archetipi di un rapporto con la Natura che l'uomo ha perduto. Sono residui di una condivisione smarrita, dove l'unica traccia animale è solo una pelle svuotata.
Fino al venerdì 29 giugno, mar-sab, 17-20, ingresso libero.


Galleria B4
 > 29 JUN. 2018 
Via Vinazzetti 4/b (zona universitaria) - Bologna

Si riparano opere d'arte anche usate / Reggia di Caserta, Via San Niccolò 18r - 50125 FirenzeDal 10 aprile al 29 giugno 2018 la Fondazione Adolfo Pini presenta - durante la Milano Art Week in concomitanza con miart - la mostra Labyrinth, un progetto site-specific realizzato dall'artista Jimmie Durham, a cura di Gabi Scardi.
Jimmie Durham è una delle maggiori personalità artistiche del presente. Intellettuale, saggista e poeta, oltre che artista visivo, dagli anni Sessanta il suo lavoro evidenzia il sistema di convenzioni all'interno delle quali viviamo; convenzioni che riguardano le idee, i comportamenti, la storia e le sue interpretazioni.
Per la Fondazione Adolfo Pini l'artista crea un nuovo progetto, appositamente concepito, lavorando sullo spazio esistente e sulle sue strutture. In particolare, Durham porta all'esterno ciò che normalmente è "dentro" il corpo dell'architettura; rende visibili i materiali che lo compongono, rivela ciò che sta sotto il rivestimento: i "visceri", le "interiora"; il rimosso; Innards, appunto. Per estensione, l'artista affronta così la questione di ciò a cui si dà spazio o ciò che si cela; di ciò che si dice o si omette.
Orari: da lunedì a venerdì ore 10.00 - 13.00 | 15.00 - 17.00.


Fondazione Adolfo Pini
 > 29 JUN. 2018 
Corso Garibaldi 2 - Milano
Tel. 02 874502
www.fondazionepini.it

Si riparano opere d'arte anche usate / Reggia di Caserta, Via San Niccolò 18r - 50125 Firenze Sabato 31 marzo alle 18 la Galleria Susanna Orlando apre il suo secondo spazio espositivo a Pietrasanta. La nuova galleria è nata dall'esigenza di Susanna di proseguire la sua personale ricerca, iniziata oltre quarant'anni fa a Forte dei Marmi, di confrontarsi e far confrontare gli artisti con ambienti di piccole dimensioni.
Si riparano opere d'arte anche usate "statement" di Giuseppe Chiari è stato lo spunto per creare questa mostra ma soprattutto per raccontare lo spirito del nuovo spazio espositivo che si va ad inaugurare. È anche l'occasione per sottolineare la "mission" di Susanna Orlando: proteggere e sostenere l'opera da quando esce dallo studio dell'artista, avvolgendola con le preziose cornici che lei definisce "un'abbraccio", per poi proseguire con le calde atmosfere degli allestimenti che la accolgono, fino alla finale destinazione a casa del collezionista dove spesso decidono insieme la sua ideale collocazione.
In mostra, che sarà visitabile fino al 27 giugno 2018, saranno presenti altri "statement" di Chiari, tavole di Vautier, allumini di Lazzeri, terracotte di Deodato, bronzi di Piussi.


Galleria Susanna Orlando
 > 27 JUN. 2018 
Via Garibaldi, 30 - Pietrasanta (LU)

Valente Taddei, Line, surface, light | Vela Massimo Rebecchi, Piazza dei Mercanti 2 - LuccaDal 25 maggio al 24 giugno 2018, presso il concept store Vela Massimo Rebecchi a Lucca, è allestita Line, surface, light, personale del pittore Valente Taddei.
In esposizione una serie di recenti dipinti a olio e china su carta: sintetici lavori dal taglio narrativo, nei quali un minuscolo individuo - inconfondibile protagonista delle opere di Taddei - si ritrova in situazioni costantemente in bilico tra ironia e paradosso. L'artista propone una lettura metaforica della condizione umana, sdrammatizzando, con sottile ironia, il senso di vuoto e di caducità che l'uomo può provare di fronte al proprio destino.
La mostra, organizzata da BessArte in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio, è corredata di catalogo con testo critico di Marco Del Monte.
Aperta dal lunedì al venerdì, 10- 19.30; sabato e domenica, 10 - 20.


Vela Massimo Rebecchi
 > 24 JUN. 2018 
Piazza dei Mercanti 2 - Lucca
Infoline: 0583 050627

Promossa dal Comune di Conegliano e da Civita Tre Venezie, la mostra di Palazzo Sarcinelli, Teodoro Wolf Ferrari. La modernità del paesaggio, presenta un'inedita riflessione dedicata al pittore veneziano Teodoro Wolf Ferrari (Venezia, 1878-San Zenone degli Ezzelini, 1945). La rassegna, curata da Giandomenico Romanelli con Franca Lugato, si pone come obiettivo di indagare alcuni aspetti fondamentali, ma meno conosciuti, della storia dell'arte italiana, facendo luce sulla figura emblematica e ancora da approfondire di Wolf Ferrari. In mostra verrà presentata un'accurata selezione di oltre 60 opere, sapientemente individuate presso collezioni private, gallerie, dimore di appassionati e intenditori, dove la produzione dell'artista si è principalmente concentrata, diffondendosi in un territorio nel quale non mancano rinvenimenti di qualità e nuove scoperte. Sarà, così, possibile entrare nell'atelier di questo "poeta del paesaggio" e contemplare attraverso dipinti, acquarelli, pannelli decorativi, vetrate, studi per cartoline, riuniti assieme per la prima volta, le dolci colline che vanno da Asolo a Conegliano fino alle alture del Grappa o i più cupi e inquietanti scenari che raccolgono un profondo sentimento del mistero.
Fino al 24 giugno 2018.


Palazzo Sarcinelli
 > 24 JUN. 2018 
Via XX Settembre, 132 - 31015 Conegliano TV
Tel: 0438 413116
www.mostrawolfferrari.it/it/

Protagonista della nona edizione della rassegna internazionale I Colori del Sacro è il corpo.
Il corpo inteso nei suoi aspetti fisici, nel rapporto con ciò che lo circonda, con l'ambiente, con le persone e anche con il Sacro; nel rapporto e nel confronto con la diversità e la disabilità.
"I Colori del Sacro" è da sempre un'occasione di esplorazione, di confronto e di dialogo: il linguaggio dell'illustrazione è per sua vocazione universale, abbatte le barriere e arriva dritto al bersaglio, alla sensibilità di chi osserva; è in grado di trasmettere informazioni e emozioni, a tutti, con immediatezza. Un centinaio gli illustratori invitati e selezionati che ci racconteranno la loro personale visione del corpo, tra questi Martin Jarrie (Francia), Gabriel Pacheco (Messico), Javier Zabala (Spagna) e gli italiani Anna Castagnoli, Giovanni Manna, Simone Rea.
Fino al 24 giugno 2018.


Museo Diocesano
 > 24 JUN. 2018 
Piazza Duomo - Padova

Daniela Caciagli, Riccardo Corti, Guido Morelli, Valente Taddei, Ensemble [Guido Morelli, Paesaggio con ombra e volo basso, 2012, olio su tela, cm 60 x 80] | Palazzo Carli, Via San Lorenzo a Sillico di Pieve Fosciana (Lu)Nei locali di Palazzo Carli a Sillico di Pieve Fosciana (Lu), sabato 5 maggio 2018 alle ore 17 si inaugura la rassegna di pittura Ensemble, organizzata dall'Associazione Polis Sillico in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio.
In mostra recenti dipinti di Daniela Caciagli, Riccardo Corti, Guido Morelli e Valente Taddei. I quattro autori vantano nutriti curricula, con personali e collettive in Italia e all'estero. Seppur differenti tra loro per cifra stilistica e formazione estetica, sono uniti da un profondo spirito di ricerca nell'ambito della pittura figurativa contemporanea.
Fino al 24 giugno 2018 sabato, 16 - 19; domenica, 10 - 12 / 16 - 19; altri giorni, su appuntamento.


Palazzo Carli
Via San Lorenzo a Sillico di Pieve Fosciana (Lu)
 > 24 JUN. 2018 
infoline: 328 6232904

Sisyu, Satori, la percezione dello spirito | Fondazione Luciana Matalon, Foro Buonaparte 67 - MilanoLa Fondazione Luciana Matalon ospita dal 11 maggio al 23 giugno 2018 la prima personale in Italia dell'artista e calligrafa giapponese Sisyu dal titolo Satori, la percezione dello spirito, che con un approccio filosofico unisce tradizione e innovazione.
L'esposizione, a cura di Nello Taietti, presenta una selezione di circa 40 opere fra cui grandi dipinti su tela che reinterpretano l'arte classica (anche quella erotica) giapponese; sculture calligrafiche sospese che proiettano le loro lunghe ombre sulle pareti dando un valore aggiunto alla tridimensionalità; una grande installazione video, che mette in scena le scritture attraverso suggestivi giochi di luci e ombre, svelano nel complesso la versatilità dell'arte di Sisyu. Nota infatti per aver incorporato la calligrafia giapponese in altre forme d'arte quali la scultura, le arti multimediali e la pittura, considera l'arte come un processo in continuo divenire in cui si uniscono e mescolano sculture, luci e ombre.
Orari martedì - sabato dalle 10 alle 19. Chiuso domenica e lunedì.


Fondazione Luciana Matalon
 > 23 JUN. 2018 
Foro Buonaparte 67 - Milano
Tel. 02 878781
fineart@fondazionematalon.org
www.fondazionematalon.org

L'elica e la luce. Le futuriste. 1912-1944 | MAN Museo d'Arte della Provincia di Nuoro, Via Sebastiano Satta, 27 - 08100 Nuoro Dopo i progetti sull'espressionismo tedesco e le coppie dell'avanguardia russa, il MAN è lieto di presentare L'elica e la luce. Le futuriste. 1912-1944 a cura di Chiara Gatti e Raffaella Resch, una mostra dedicata al futurismo e le donne. Si completa in questo modo la trilogia dal taglio inedito, realizzata con la direzione artistica di Lorenzo Giusti e focalizzata sui movimenti dell'avanguardia storica.
La presenza delle donne nell'arte del Novecento è stata messa in luce da diversi studi a partire dalla fine degli anni settanta: al di là dell'intenzione di scoprire un genere, uno specifico femminile in arte, sono state compiute ricognizioni storico-critiche che hanno portato o riportato in luce personalità eccezionali, opere di alto valore, esistenze dalle trame complesse, di cui prima si ignoravano addirittura le date di nascita o morte, e ci hanno restituito un panorama dell'arte delle donne nelle avanguardie, fino a quel momento rimasto in secondo piano.
Un caso ancora aperto e controverso è il ruolo delle donne nel futurismo, movimento programmaticamente misogino, che fin dalla sua fondazione proclamava il disprezzo della donna e costruiva una visione dell'arte totalizzante su valori quali la forza, la velocità, la guerra, da cui il genere femminile doveva rimanere escluso.
La mostra rintraccia - attraverso oltre 100 opere fra dipinti, sculture, carte, tessuti, maquette teatrali e oggetti d'arte applicata - l'operato di queste donne che hanno lavorato dagli anni dieci fino agli anni quaranta, firmando i manifesti teorici del futurismo, partecipando alle mostre, sperimentando innovazioni di stile e di materiali in ambiti trasversali quali le arti decorative, la scenografia, la fotografia e il cinema, ma anche la danza, la letteratura e il teatro. Figure indipendenti, artiste e intellettuali di primo piano nella ricerca estetica d'inizio secolo.
Dal 9 marzo al 10 giugno 2018. Orario invernale: 10-13/15-19. Orario estivo: 10-20. Lunedì chiuso.


MAN Museo d'Arte della Provincia di Nuoro
 > 10 JUN. 2018 
Via Sebastiano Satta, 27 - 08100 Nuoro
Tel 0784/252110 | f.0784/36243
info@museoman.it | www.museoman.it

La mostra Stati d'animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni si propone di posare uno sguardo nuovo sull'arte italiana di fine Ottocento. Nella rassegna verrà infatti indagata per la prima volta la poetica degli stati d'animo e con essa uno dei fondamentali apporti del nostro paese all'arte moderna. Dipinti di Giovanni Segantini, Gaetano Previati, Umberto Boccioni, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Angelo Morbelli, Medardo Rosso, Giacomo Balla, Carlo Carrà e altri importanti opere dell'arte italiana e internazionale tra Otto e Novecento, conducono i visitatori in un viaggio nei territori dello spirito.
3 marzo - 10 giugno 2018. Aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00. Aperto anche Pasqua, Lunedì dell'Angelo, 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno.


Palazzo dei Diamanti
 > 10 JUN. 2018 
Ferrara

 EXHIBITION ARCHIVES 2018  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2017  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2016  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2015  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2014  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2013  [open/close]
a cura di:
Gabriella Masiello

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP