CERCA IN IDEAMAGAZINE.NET

 

 MOSTRE ITALIA

Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. III | Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano

Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano
 DA APRILE / FROM APRIL 2018 | Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. III 
www.mudeto.it/yearbook2016_17.htm

Margherita Sarfatti. Il Novecento Italiano nel mondo | Mart, Corso Bettini 43 - 38068 Rovereto (TN) Alla figura di Margherita Sarfatti, giornalista, critica d'arte e promotrice dell'arte italiana tra le due guerre, è dedicato un progetto di ricerca che si sviluppa in due diverse mostre, al Mart e al Museo del Novecento di Milano, in collaborazione con Electa.

Per ricostruire il ruolo della maggiore protagonista del dibattito su classicismo e modernità nel panorama artistico italiano e internazionale, a Rovereto la mostra si avvale dei preziosi documenti del Fondo Sarfatti, conservato presso l'Archivio del '900 del Mart.

Dagli esordi giovanili alla fondazione del gruppo di artisti di Novecento Italiano, la mostra racconta l'ambizioso progetto di espansione culturale della Sarfatti, con particolare attenzione alle esposizioni organizzate in Europa e nelle Americhe.
In mostra capolavori di Boccioni, Bucci, Carrà, Casorati, de Chirico, Dudreville, Funi, Malerba, Marussig, Morandi, Oppi, Medardo Rosso, Severini, Sironi, Wildt.

La mostra Margherita Sarfatti. Il Novecento Italiano nel mondo sarà visibile dal 22 settembre 2018 al 24 febbraio 2019. Lunedì chiuso.


Mart
 > 24 FEB. 2019 
Corso Bettini 43
38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760

Marina Abramovic. The Cleaner | Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi - Firenze Dal 21 settembre 2018 al 20 gennaio 2019 Palazzo Strozzi ospita The Cleaner una grande mostra dedicata a Marina Abramovic, una delle personalità più celebri e controverse dell'arte contemporanea, che con le sue opere ha rivoluzionato l'idea di performance mettendo alla prova il proprio corpo, i suoi limiti e le sue potenzialità di espressione.
L'evento si pone come una straordinaria retrospettiva che riunirà oltre 100 opere offrendo una panoramica sui lavori più famosi della sua carriera, dagli anni Settanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebri performance attraverso un gruppo di performer specificatamente formati e selezionati in occasione della mostra.
L'esposizione nasce dalla collaborazione diretta con l'artista nella volontà di proseguire - dopo Ai Weiwei e Bill Viola - la serie di mostre che hanno portato a esporre a Palazzo Strozzi i maggiori rappresentanti dell'arte contemporanea. Il palazzo verrà nuovamente utilizzato come luogo espositivo unitario, permettendo a Marina Abramovic di confrontarsi per la prima volta con un'architettura rinascimentale e in cui verrà sottolineato lo stretto rapporto che ha avuto e continua ad avere con l'Italia.


Palazzo Strozzi
 > 20 JAN. 2019 
Piazza Strozzi - Firenze
www.palazzostrozzi.org

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d'arte, giunta al culmine negli anni '60. Dal 21 settembre 2018 al 13 gennaio 2019 a CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia saranno esposte oltre 120 opere tra quadri, fotografie, collages, grafiche, che illustrano la varietà e la straordinaria vivacità di questa grande vicenda.
La mostra, curata da Walter Guadagnini - direttore di CAMERA e grande esperto di Pop Art - si inserisce, afferma il Presidente Emanuele Chieli "nella linea di grandi mostre che caratterizza l'attività di CAMERA, filone che vanta precedenti di successo, come le rassegne 'L'Italia di Magnum' (2016) e 'Arrivano i Paparazzi!' (2017). Mostre che intendono indagare un momento storico attraverso un movimento o uno stile fotografico, illuminando contemporaneamente l'aspetto artistico e quello sociale".
Orario: 11.00 - 19.00. Martedì chiuso.


CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia
 > 13 JAN. 2019 
Via delle Rosine 18, 10123 - Torino
www.camera.to
camera@camera.to

Leonor Antunes. The last days in Galliate | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese, 2, 20126 Milano Pirelli HangarBicocca presenta The last days in Galliate la prima grande mostra personale in Italia di Leonor Antunes (Lisbona, 1972). Lo spazio espositivo viene ripensato radicalmente come un unico ambiente scultoreo, dove opere e luce si integrano. Un percorso che rende omaggio alla tradizione modernista di Milano e a figure di spicco che hanno contribuito al suo sviluppo e successo come Franca Helg e Franco Albini.
Leonor Antunes reinterpreta attraverso le sue sculture la storia dell'arte, del design e dell'architettura del Ventesimo secolo, e in particolare la tradizione del Modernismo nelle sue istanze più radicali e di sperimentazione. Oggi è tra gli artisti più interessanti del panorama contemporaneo, con mostre personali nelle maggiori istituzioni internazionali - come Whitechapel Gallery, Londra, San Francisco Museum of Modern Art, San Francisco, New Museum, New York, Kunsthalle Basel, Basilea e Fundação de Serralves, Porto.
Dal 14 settembre 2018 al 13 gennaio 2019. Da giovedi a domenica: 10-22.


Pirelli HangarBicocca
 > 13 JAN. 2019 
Via Chiese, 2, 20126 Milano
Tel 02 6611 1573

Generations | Marignana Arte, Dorsoduro, 141, Rio Terà dei Catecumeni - 30123 Venezia Marignana Arte presenta Generations una mostra collettiva a cura di Ilaria Bignotti con opere di cinque artiste internazionali, nate tra gli anni Settanta e Ottanta: Serena Fineschi, Silvia Infranco, Silvia Inselvini, Sophie Ko e Verónica Vázquez.
Il percorso non solo offre una interessante panoramica dei linguaggi delle ultime due generazioni artistiche, ma anche, come l'etimologia del titolo suggerisce, prova a verificare da un lato quali siano i riferimenti e l'origine della ricerca di tali artiste, dall'altro legge il loro lavoro quale nucleo generativo di un percorso coerente, sfaccettato e in costante evoluzione, a partire da punti saldi concettuali e metodologici.
22 settembre 2018 - 12 gennaio 2019.
Inoltre fino al 24 novembre 2018 si può vedere Project Room. Nancy Genn. Living Painting, un solo show dedicato a Nancy Genn, straordinaria storica artista californiana formatasi in quel bruciante momento che fu il secondo dopoguerra.


Marignana Arte
 > 12 JAN. 2019 
Dorsoduro, 141
Rio Terà dei Catecumeni - 30123 Venezia
Tel +39 041 5227360
info@marignanaarte.it
www.marignanaarte.it

Roy Lichtenstein e la Pop Art Americana | Fondazione Magnani-Rocca, Via Fondazione Magnani-Rocca 4, Mamiano di Traversetolo (Parma) La Fondazione Magnani-Rocca è orgogliosa di presentare Roy Lichtenstein e la Pop Art Americana una retrospettiva dedicata ad uno dei più grandi artisti del XX secolo: Roy Lichtenstein. Il genio della POP ART americana che ha influenzato grafici, designer, pubblicitari ed altri artisti contemporanei tanto che ancora oggi è possibile riscontrare riferimenti allo stile di Lichtenstein in ogni ambito del design e della comunicazione.
Una mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma - che riunisce oltre 80 opere del Maestro e degli altri grandi protagonisti della Pop Art americana; per evidenziare sia la sua originalità che la sua appartenenza a uno specifico clima, sono presenti infatti, a confronto con quelle di Lichtenstein, anche opere iconiche di Andy Warhol, Mel Ramos, Allan D'Arcangelo, Tom Wesselmann, James Rosenquist e Robert Indiana. Un appuntamento unico nel suo genere, reso possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Magnani-Rocca con celebri musei internazionali e prestigiose gallerie e collezioni private.
Fino al 9 dicembre 2018. Lunedì chiuso.


Fondazione Magnani-Rocca
 > 09 DEC. 2018 
Via Fondazione Magnani-Rocca 4
Mamiano di Traversetolo (Parma)

Willy Ronis. Fotografie 1934-1998 | Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle 43 - 30133 Giudecca - VeneziaE' stata presentata alla stampa la più completa retrospettiva mai tenuta in Italia dedicata al fotografo francese Willy Ronis (1910-2009), alla presenza del curatore Matthieu Rivallin, di Denis Curti, Direttore artistico, del prof. Amerigo Restucci del Comitato scientifico della Casa dei Tre Oci e del Direttore della Fondazione di Venezia, Giovanni dell'Olivo.
Coprodotta dal Jeu de Paume di Parigi e dalla Médiathèque de l'architecture et du patrimoine, Ministry of culture - France, con la partecipazione della Fondazione di Venezia, organizzata da Civita Tre Venezie, la rassegna Willy Ronis. Fotografie 1934-1998 presenta 120 immagini vintage, tra cui una decina inedite dedicate a Venezia, in grado di ripercorre l'intera carriera di uno dei maggiori interpreti della fotografia del Novecento e protagonista della corrente umanista francese, insieme a maestri quali Brassaï, Gilles Caron, Henri Cartier-Bresson, Raymond Depardon, Robert Doisneau, Izis, André Kertész, Jacques-Henri Lartigue e Marc Riboud. Fino al 6 gennaio 2019. Orari: Tutti i giorni dalle 10 alle 19. Chiuso martedì.


Casa dei Tre Oci
 > 06 JAN. 2019 
Fondamenta delle Zitelle 43 - 30133 Giudecca - Venezia
info@treoci.org
www.treoci.org

Haegue Yang, Viale Alemagna 6 - 20121 Milano | Triennale di Milano, Viale Alemagna 6 - 20121 MilanoLa Triennale di Milano e Fondazione Furla annunciano la prima mostra personale di Haegue Yang in un'istituzione italiana, Tightrope Walking and Its Wordless Shadow che raccoglie la vasta gamma di mezzi espressivi che contraddistinguono la sua pratica: dal collage al video, dalle sculture performative alle grandi installazioni. L'estrema varietà dei riferimenti e delle visioni prodotte, che si muovono su una sottile linea tra l'indagine sociale e la storia, tra il vissuto personale e la memoria collettiva, genera percorsi immaginifici di grande potenza evocativa in cui oggetti, persone e luoghi sono inestricabilmente interconnessi.
A cura di Bruna Roccasalva, sarà visibile dal 7 settembre al 4 novembre 2018 escluso il lunedì.


Triennale di Milano
 > 04 NOV. 2018 
Viale Alemagna 6 - 20121 Milano
T. +39 02 724341
www.triennale.org

Luigi Carboni, Forme del reale e immagini perdute | Galleria Poggiali - project room, Via Garibaldi, 8 Pietrasanta (LU)Esordio assoluto per l'artista pesarese Luigi Carboni che espone per la prima volta negli spazi della Galleria Poggiali di Pietrasanta (LU).
È fissata per sabato 8 settembre 2018, alle ore 18.30 nella project room di via Garibaldi 8, a Pietrasanta, l'inaugurazione del progetto espressamente concepito dall'artista dal titolo Forme del reale e immagini perdute, e che proseguirà fino al 21 ottobre 2018.
Orari: lunedì - domenica 10.30-12.30 | 18-24.


Galleria Poggiali - project room
 > 21 OCT. 2018 
Via Garibaldi, 8 Pietrasanta (LU)
www.galleriapoggiali.com
info@galleriapoggiali.com

INDART - Industries Join Art | Orangerie, Viale Brianza,1 - MonzaNella splendida cornice dell'Orangerie della Villa Reale di Monza, è ospitata dal 6 al 23 settembre 2018 la prima edizione della mostra INDART - Industries Join Art, un evento innovativo che promuove la produzione artistica sostenuta e supportata da una cultura mecenatistica legata al tessuto industriale del Paese.
La rassegna vede, infatti, protagonisti venti artisti contemporanei abbinati a dieci aziende italiane d'eccellenza che, con il loro talento e la loro creatività, hanno trasformato in venti opere d'arte inedite le materie prime messe a loro disposizione dai partner del progetto.
Comitato scientifico: Flavio Arensi, Valerio Dehò, Alberto Fiz, Franco Marrocco ed Elena Pontiggia. Successivamente la mostra sarà esposta, dal 28 settembre al 5 ottobre 2018, nel Principato di Monaco presso Kamil Art Gallery. Al termine della rassegna verrà organizzata un'asta durante la Cena di Gala che si terrà nell'esclusiva location dello Yacht Club de Monaco.


Villa Reale di Monza, Orangerie
 > 23 SEPT. 2018 
 28 SEPT. - 05 OCT. 2018 (c/o Kamil Art Gallery - Principato di Monaco) 
Viale Brianza,1 - Monza

La Collezione Roberto Casamonti [Alberto Burri: «Rosso nero», 1955,  stoffa, olio, vinavil su tela, 100x86] | Palazzo Bartolini Salimbeni, Piazza Santa Trinita, 1 - Firenze Dal 24 marzo 2018 Firenze avrà un nuovo luogo dedicato all'arte moderna e contemporanea in uno spazio collocato al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni, capolavoro architettonico rinascimentale opera di Baccio d'Agnolo, che si affaccia sull'asse visuale che congiunge Piazza Santa Trinita con la prestigiosa Via Tornabuoni.
L'antica dimora - attentamente restaurata - accoglierà la selezione delle opere che Roberto Casamonti, nella sua lunga attività nel mondo dell'arte, ha raccolto per costituire il corpus principale della propria Collezione. I dipinti e le sculture esposte sono il frutto di anni di appassionate ricerche che danno vita ad una raccolta in grado di rappresentare l'eccezionale evoluzione storico artistica che attraversa per intero il XX secolo.
La Collezione Roberto Casamonti di opere d'arte italiane e straniere si articola in due grandi nuclei: il primo considera opere di artisti agli esordi del Novecento e sino ai primi anni Sessanta, il secondo, dal 1960 ai nostri giorni. In Palazzo Bartolini Salimbeni, la Collezione sarà proposta per sezioni. Il primo nucleo, dal 24 marzo 2018 e sino alla primavera del '19 e, a seguire, il secondo. Al primo appartengono capolavori di Fattori, Boldini, Balla, Viani, Sironi, Severini, Marini, Morandi, de Chirico, Savinio, Prampolini, Casorati, Magnelli, Licini, Picasso, Leger, Soutine, Klee, Chagall, Ernst, Kandinsky, Hartung, Fautrier, Matta, Lam, Dorazio, Accardi, Afro, Vedova, Capogrossi, Burri, Klein, Fontana, Castellani, Manzoni, Lo Savio e numerosi altri.
Per precisa scelta dell'Associazione Culturale, appositamente costituita per gestire e animare questo nuovo spazio culturale, il pubblico potrà ammirare le opere esposte accedendovi gratuitamente, su semplice prenotazione.
24 Marzo 2018 - 10 Marzo 2019. Orari di apertura pubblico: mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica dalle ore 11.30 alle ore 19.00.


Palazzo Bartolini Salimbeni
 > 10 MAR. 2019 
Piazza Santa Trinita, 1- Firenze
T. 055 602030
www.collezionecasamonti.com
prenotazioni@collezionerobertocasamonti.com
info@collezionerobertocasamonti.com

Marco Introini, Francesco Radino, Gli Scali Ferroviari di Milano. Oggi, Prima di Domani | Casa dell'Energia e dell'Ambiente, Piazza Po, 3 - MilanoUna straordinaria mostra, testimonianza del presente e memoria per il futuro è esposta presso la Casa dell'Energia e dell'Ambiente di Milano dal 14 giugno al 28 dicembre 2018. Intitolata Gli Scali Ferroviari di Milano. Oggi, Prima di Domani.
Fotografie di Marco Introini e Francesco Radino
mette in luce con un'inedita campagna fotografica, realizzata dai due grandi fotografi contemporanei Marco Introini e Francesco Radino, i sette scali ferroviari di Milano, attualmente dismessi, ma in fase di riqualificazione.



Casa dell'Energia e dell'Ambiente
 > 28 DEC. 2018 
Piazza Po, 3 - Milano

All'estero & Dr. K. Takes the Waters at Riva: Version A | A plus A Gallery School for Curatorial Studies Venice, San Marco 3073 - Venezia 30124Sedici giovani curatori si sono riuniti a Venezia, da giugno a settembre 2018, per frequentare la School for Curatorial Studies Venice. Da questa esperienza, coordinata dal curatore Saim Demircan, nasce All'estero & Dr. K. Takes the Waters at Riva: Version A, un'esposizione collettiva di artisti internazionali: Whitney Claflin, Stephan Dillemuth, Rochelle Goldberg, Nick Mauss, Sophie Reinhold, Mark Van Yetter e Miriam Yammad presso gli spazi della galleria A plus A di Venezia. Il titolo fa riferimento ai Capitoli 2 e 3 di Vertigo, romanzo di W.G. Sebald, dove l'autore tedesco racconta due viaggi da Vienna a Venezia. Il primo, una sua visita nella citta Lagunare nel 1980, riportato in prima persona, e un secondo viaggio dove Sebald si immagina di essere Dr. K – o meglio Franz Kafka – ispirandosi a una trasferta documentata dello scrittore nel 1913 a Venezia.
Ripetizione, sdoppiamento, melancolia e vertigine. Il destino gioca con loro come fossero marionette e l'impostazione del racconto sembra essere un gioco labirintico.
Dal 1 settembre al 15 dicembre 2018.

A plus A Gallery School for Curatorial Studies Venice
 > 15 DEC. 2018 
San Marco 3073 - Venezia 30124
Tel. 041 2770466
www.aplusa.it
info@aplusa.it

Luoghi della Mente. 20 Anni d'Arte Contemporanea | GAM Galleria d'Arte Moderna 'Achille Forti', Cortile Mercato Vecchio - Verona Studio la Città è lieta di annunciare che le opere di Jacob Hashimoto e Hiroyuki Masuyama saranno esposte all'interno della mostra: Luoghi della Mente. 20 Anni d'Arte Contemporanea. Da Masuyama ad Hashimoto, attraverso Rovaldi, fino agli ultimi lavori del Premio Ottella. Una selezione di opere rende omaggio ai vent'anni della politica di acquisizioni d'arte contemporanea inaugurata nel 1997 dalla GAM. All'interno del percorso espositivo, i visitatori potranno ammirare la grande scultura di Jacob Hashimoto - lavoro che indaga il rapporto tra naturale e artificiale - e la lightbox di Hiroyuki Masuyama, immagine di un volo che unisce in un'unica opera di 10 metri, la vastità del tempo e dello spazio.
Dal 29 marzo al 30 novembre 2018. Da martedì a venerdì 10 - 18, sabato e domenica 11 - 19. Lunedì chiuso.


GAM Galleria d'Arte Moderna 'Achille Forti'
 > 30 NOV. 2018 
Cortile Mercato Vecchio - Verona

1948: la Biennale di Peggy Guggenheim | Project Rooms Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701 - 30123 VeneziaNel 2018 ricorre il 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla XXIV Biennale di Venezia, presso il padiglione greco. Per commemorare questo momento dirompente nella storia dell'arte del XX secolo, la Collezione Peggy Guggenheim presenta 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, mostra-omaggio a cura di Gražina Subelyte, Assistant Curator del museo, allestita nelle Project Rooms dal 25 maggio al 25 novembre 2018.
La mostra ricrea l'ambiente del padiglione greco attraverso documenti, fotografie, lettere e una maquette che per la prima volta ne ricostruisce gli spazi e l'allestimento originario del '48, seguito dall'eminente architetto veneziano Carlo Scarpa, che collabora con la Biennale dal 1948 al 1972.
Sempre in concomitanza con il 70° anniversario dell'esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla Biennale di Venezia, nelle sale di Palazzo Venier dei Leoni saranno straordinariamente esposte, per la prima volta negli ultimi vent'anni, tutte e undici le opere di Jackson Pollock, oggi appartenenti alla collezione. Cinque di queste erano in mostra nel Padiglione del '48 insieme agli altri capolavori delle avanguardie storiche.


Project Rooms Collezione Peggy Guggenheim
 > 25 NOV. 2018 
Dorsoduro 701 - 30123 Venezia
Tel. 041.2405.404/415

Peter Kim. Sull'orlo della forma | Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, Viale Fiorello La Guardia 6 - RomaVasi e matasse informi di fili colorati. Il Vaso, soprattutto, come forma archetipica, luogo a-temporale in cui conservare la memoria del mondo, forma che separa e include, dove convergono il finito e l'infinito.
Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, ideata e curata da Maria Giovanna Musso, sostenuta da De Berg e organizzata da Comediarting, arriva in anteprima assoluta per Roma, al Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese, la mostra dell'artista coreano Peter Kim. Sull'orlo della forma. Per la mostra al Museo Bilotti sono state selezionate le opere di Kim dedicate prevalentemente al tema archetipico del vaso, insieme a una serie di disegni e ad alcune opere più materiche, poste in una cornice che esalti, al tempo stesso, il carattere del luogo espositivo e la peculiarità di un artista ancora poco conosciuto in Italia.
Aperta dal 22 giugno al 4 novembre 2018. Da martedì a venerdì ore 13 - 19 Sabato e domenica ore 10 - 19. Dal 1 ottobre da martedì a venerdì ore 10 - 16. Sabato e domenica ore 10 - 19.


Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese
 > 04 NOV. 2018 
Viale Fiorello La Guardia 6 - Roma
Info 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 19.00)
www.museocarlobilotti.it
www.museiincomune.it

Green Gallerydello STUDIOD3R con Marcello Fantuz / Nino Migliori e i bambini del Nido Scuola MAST | MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RMPiantare un bosco sulla piazza del MAXXI. Creare un'oasi di verde in cui possano trovare riparo gli uccelli del circondario, scegliendo vari tipi di piante rampicanti, fiori e piante a foglia larga e alcuni esemplari tropicali, un giardino aperto a tutti, tra la riserva naturale di Monte Mario e a Villa Ada, i due grandi polmoni verdi che abbracciano il quartiere Flaminio.
Il 12 giugno è stata presentata l'installazione Green Gallery dello STUDIOD3R con Marcello Fantuz, vincitore della settima edizione di YAP Rome at MAXXI, il progetto per il sostegno dei giovani talenti in architettura organizzato in collaborazione con il Museum of Modern Art di New York nell'ambito dello Young Architects Program. Green Gallery, un'oasi di verde nella piazza del MAXXI, farà da sfondo al ricco programma di appuntamenti estivi del museo, che sarà presentato in questa occasione.
Fino al 21 ottobre 2018.
Nino Migliori e i bambini del Nido Scuola MAST raccontano Favole di Luce la mostra con 87 immagini risultato dell'atelier di fotografia del maestro Nino Migliori con i bambini dai 3 ai 5 anni del Nido Scuola MAST, a Bologna, esperienza unica nel panorama nazionale e internazionale condotta a partire dal 2015. Progetto della Fondazione MAST, in collaborazione con il MAXXI. Fino al 22 luglio 2018, Spazio Extra MAXXI.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 21 OCT. 2018 (Green Gallery) 
 > 22 JUL. 2018 (Favole di luce) 
Via Guido Reni, 4/a - 00196 Roma RM
Tel 06 320 1954
www.maxxi.art

Henri Cartier-Bresson, Landscape | Forte di Bard, Bard (Aosta)Dal 17 giugno al 21 ottobre 2018 la mostra realizzata dal Forte di Bard in collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, presenta Landscape, 105 immagini in bianco e nero, personalmente selezionate da Henri Cartier-Bresson, scattate tra gli anni Trenta e gli anni Novanta fra Europa, Asia e America.
Le immagini in bianco e nero di colui che è stato denominato l'"occhio del secolo", sono raggruppate per tema: alberi, neve, nebbia, sabbia, tetti, risaie, treni, scale, ombra, pendenze e corsi d'acqua. A proporre una "promenade" tra paesaggi urbani e paesaggi rurali.
Orari: martedì-venerdì 10-18. Sabato, domenica e festivi 10-19. Aperta tutti i giorni dal 23 luglio al 2 settembre 10-19.30.

Forte di Bard
 > 21 OCT. 2018 
Bard (Aosta)
T. + 39 0125 833811

Vicino. Non qui | Galleria Civica Trento, Via Rodolfo Belenzani, 44 - 38122 Trento TNVicino. Non qui. porta a Trento alcuni creativi trentini, di nascita o di origine, che hanno costruito la propria carriera internazionale in altri contesti territoriali, in Italia e all'estero. Ideato dall'artista trentino Luca Coser, docente all'Accademia di Belle Arti di Brera, con i curatori della Galleria Civica, il progetto espositivo presenta le ricerche di chi si trova ad abitare - idealmente e fisicamente - in un altrove non solo geografico. Nati tra il 1943 e il 1989, gli autori vivono e operano in Belgio, Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna, Svezia, Brasile, Canada, Stati Uniti, e hanno partecipato a rassegne e manifestazioni internazionali. Le opere in mostra sono realizzate con una molteplicità di tecniche e di linguaggi. Ne risulta un racconto a più voci, che svela l'eterogeneità di identità ed esperienze creative. Come in un viaggio, il percorso è scandito da punti di accesso, di transito, di sosta, messi in luce dall'allestimento progettato dal collettivo di architetti Campomarzio.
Fino al 14 ottobre 2018.

Galleria Civica Trento
 > 14 OCT. 2018 
Via Rodolfo Belenzani, 44
38122 Trento TN
T. +39 0461 985511

Argillà 2018 | ISIA Faenza Palazzo Mazzolani, Coso Mazzini 93 - FaenzaL'ISIA di Faenza - istituto di alta formazione nell'ambito del design e della comunicazione - partecipa ad Argillà 2018 presentando presso la sede faentina una nuova mostra dal titolo Botanical Garden, in cui saranno esposti manufatti in ceramica ispirati ad una leggenda, progettati dagli studenti del primo anno del triennio e sviluppati durante il corso di Metodologia della Progettazione I con Modellazione fisica, tenuto dai docenti Silvia Cogo e Giovanni Ruggiero. Piante di ceramica sopravvissute alla storia, una ricchezza costituita da venti specie botaniche che celano, forse, la verità ultima del creato. La leggenda attribuisce questo patrimonio a venerabili del passato quali Ermete Trismegisto, Agrippa e Paracelso. Esemplari che vengono da un tempo remoto, precedente la memoria umana, portate dalle epopee di esploratori cosmici che, sul loro cammino, incontrarono i resti di una civiltà antica denominata degli Anunnaki, un orto composto di piante ed erbe anch'esse di terra. Fino al 13 ottobre 2018.

ISIA Faenza Palazzo Mazzolani
 > 13 OCT. 2018 
Coso Mazzini 93 - Faenza
Tel. +39 0546 22293 - cel. +39 333 4580190
ufficio.stampa@isiafaenza.it
www.isiafaenza.it

Ceramics Now | Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, viale Baccarini 19 - 48018 Faenza (RA)Dal 30 giugno al 7 ottobre 2018 il museo faentino festeggia le sessanta edizioni del Premio Faenza con una mostra particolare Ceramics Now: 17 curatori internazionali hanno scelto una cinquantina artisti contemporanei che lavorano con la ceramica, 53 artisti provenienti da tutto il mondo - dalla Cina agli Stati Uniti, dall'India al Giappone, dalla Nigeria all'Europa - sono stati selezionati da 17 curatori internazionali e raccolti nella mostra "Ceramics Now" al MIC di Faenza per esporre il meglio della ricerca attuale nell'ambito della scultura ceramica e indagare sulle prospettive della ceramica contemporanea oggi.
Quindi non un concorso, ma una mostra curatoriale per festeggiare le sessanta edizioni del Premio Faenza, il Concorso Internazionale della ceramica d'arte contemporanea più longevo del mondo.
Negli anni il Concorso ha visto protagonisti del calibro di Lucio Fontana, Leoncillo Leonardi, Angelo Biancini, Guido Gambone, Pietro Melandri, Carlo Zauli, Fausto Melotti, Mario Ceroli - e stranieri - Eduard Chapallaz, Sueharu Fukami - che hanno fatto non solo la storia della ceramica del XX secolo, ma anche quella della scultura e della pittura.

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza
 > 07 OCT. 2018 
viale Baccarini 19 - 48018 Faenza (RA)
tel. 0546/697301
cel. 339 1228409
www.micfaenza.org

Manu propria. Il segno calligrafico come opera d'arte (Carla Accardi) | Casa d'Arte Futurista Depero, Via Portici, 38 - 38068 Rovereto (TN)La scrittura come forma pittorica ha assunto una posizione di spicco nelle pratiche artistiche del Novecento. Nella seconda metà del secolo diventano sempre più intense le relazioni tra artisti e poeti, le contaminazioni tra i linguaggi, le stratificazioni di immagini e parole. Tra opere, manifesti, edizioni sperimentali e documenti d'archivio, la mostra esplora l'uso estetico del segno calligrafico attraverso cinquant'anni di storia dell'arte: dall'esperienza pittorica di Gastone Novelli e Achille Perilli agli alfabeti dipinti di Carla Accardi, Giuseppe Capogrossi e Antonio Sanfilippo, fino alle ricerche verbo-visuali di artisti come Ugo Carrega e Ben Vautier.
La mostra Manu propria. Il segno calligrafico come opera d'arte è in programma dal 16 giugno al 30 settembre 2018. Mar-Dom 10-18. Lunedì chiuso.


Casa d'Arte Futurista Depero
 > 30 SEP. 2018 
Via Portici, 38 - 38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760

Dal Simbolismo all'Astrazione. Il primo Novecento a Roma nella Collezione Jacorossi [opera di Corrado Cagli] | MUSIA Spazio per l'Arte Contemporanea, Via dei Chiavari 7 - Roma La mostra Dal Simbolismo all'Astrazione. Il primo Novecento a Roma nella Collezione Jacorossi, che ha inaugurato MUSIA, lo spazio per l'arte contemporanea ideato dal collezionista e imprenditore Ovidio Jacorossi, è stata prorogata sino a domenica 30 settembre 2018.
Allestita nella Galleria 7, l'esposizione, curata da Enrico Crispolti in collaborazione con Giulia Tulino, presenta circa cinquanta opere della Collezione Jacorossi articolate entro il quadro di una rigorosa ricostruzione storica delle vicende delle arti plastiche a Roma nella prima metà del Novecento attraverso opere diversamente significative, di autori noti - da De Carolis, Balla, Martini, a Cagli, Leoncillo, Colla, Afro - o piuttosto inattesi - fra Bargellini, Edita Broglio, Di Cocco, i Ferrazzi, Janni.
MUSIA presenta inoltre nel mese di aprile la seconda mostra, che prosegue idealmente il percorso di indagine della scena artistica romana iniziato lo scorso dicembre.
Colore, Immagine, Segno, Oggetto, Comportamento. Il secondo Novecento a Roma nella collezione Jacorossi è dedicata ad una selezione di circa trenta opere realizzate tra la fine degli anni '50 e gli anni '80. L'esposizione ripercorre il cammino dell'arte a Roma attraverso le opere di artisti come Renato Guttuso, Corrado Cagli, Giuseppe Uncini, Franco Angeli, Mario Schfano, Giosetta Fioroni, Mario Ceroli, Nedda Guidi, Titina Maselli, Claudio Abate, Luigi Ontani, Franco Piruca, Joseph Kosuth.
A questa prima esposizione seguiranno nell'autunno del 2018, sempre a cura di Enrico Crispolti, una seconda antologica dedicata a opere significative della collezione relative alla seconda metà del Novecento.


MUSIA Spazio per l'Arte Contemporanea
 > 30 SEP. 2018 
Via dei Chiavari 7 - Roma

Ugo La Pietra, Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell'ambiente urbano dal 1969 al 2017 | CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea, Via del Campanile 13 - Foligno (PG)Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell'ambiente urbano dal 1969 al 2017 è il titolo della nuova mostra dedicata a Ugo La Pietra che il CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno ospita fino al 30 settembre 2018.
Curata da Italo Tomassoni, Giacinto Di Pietrantonio e Giancarlo Partenzi, la mostra ripercorre i molteplici ambiti di indagine di La Pietra per nuclei e tematiche con i suoi lavori più significativi e i documenti correlati all'interno dello spazio urbano.
Tutto il lavoro di La Pietra è sempre legato ai luoghi - arte territoriale e arte per il sociale - in cui le opere si collocano.
Attraverso un centinaio di opere bidimensionali, alcuni brani video, oggetti tridimensionali e un'installazione, la mostra si sviluppa in un percorso ricco di suggestioni visive.
Orari: venerdì 16 - 19, sabato e domenica 10.30 - 12.30 / 16 - 19.


CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea
 > 30 SEP. 2018 
Via del Campanile 13 - Foligno (PG)
www.centroitalianoartecontemporanea.com

One . One Planet One Future Napoli | Castel dell'Ovo, NapoliAnne de Carbuccia e la Fondazione Time Shrine insieme alla Città di Napoli presentano One . One Planet One Future Napoli. L'artista Anne de Carbuccia ha viaggiato nei luoghi più belli, remoti e a rischio del pianeta per documentare con la sua arte quello che abbiamo, quello che abbiamo già perso e quello che possiamo perdere. La Mostra è dedicata alla salvezza del nostro unico pianeta e rivolge a tutti noi un appello profondo.
La mostra avrà luogo all'interno di Castel dell'Ovo nello spazio della Sala delle Carceri, lunga 23 metri e larga 9 metri e con soffitti a volta alti 6 metri.

Le immagini trattano i temi chiave del progetto: Acqua, Plastica, Animali e Culture a Rischio e saranno mostrate fra installazioni video, sonore e di luce che si ispirano ai temi del progetto e al Castello stesso.
Fino al 30 settembre 2018.

Castel dell'Ovo
 > 30 SEP. 2018 
Napoli

IL LEGNO dalla Natura alle Cose | Città Bassa - BergamoAnche IL LEGNO dalla Natura alle Cose, la manifestazione voluta e pensata dal Museo del Falegname Tino Sana che accoglie una quarantina di aziende che lavorano il legno, omaggia Achille Castiglioni, per ricordare il centenario della sua nascita, focalizzando l'attenzione su uno dei tratti dominanti della progettualità del grande maestro: il gioco. Nasce così 100 Achille Castiglioni playing with design and wood, una iniziativa che include la produzione di un puzzle e una installazione site specific per invadere pacificamente, dal 30 maggio fino al 23 settembre 2018 la Città Bassa con sagome bidimensionali fuori scala che riproducono la figura di Castiglioni e una selezione di suoi oggetti che rappresentano la storia, la tradizione e la cultura del design italiano nel mondo, ancora oggi nella produzione Alessi, FLOS, Zanotta, Karakter e Tacchini. Progetto di Basaglia + Rota Nodari Architetti Associati con il patrocinio del Comune di Bergamo.

Città Bassa
 > 23 SEP. 2018 
Bergamo

Armando Orfeo, ARTinCLUB 6 | Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini, Via Roma Capitale 265 - 55041 - Lido di Camaiore - LuccaSabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura "ARTinCLUB 6", organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell'artista Armando Orfeo.

L'iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l'intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l'arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del '900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza.

La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. È aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30.


Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
 > 22 SEP. 2018 
Via Roma Capitale 265
55041 - Lido di Camaiore - Lucca
Infoline: 0584 66103
www.clubipini.com/artinclub6

Steve McCurry Icons | Villa Bardini, Costa S. Giorgio, 2-4 - 50125 FirenzeVilla Bardini ospita un'esposizione dedicata a uno dei mostri sacri della fotografia mondiale, Steve McCurry Icons, autore del celeberrimo ritratto di Sharbat Gula, la giovane profuga afgana che ci scruta con l'intensità abbagliante del suo sguardo magnetico e diventata un'icona assoluta della tragedia di tutte le guerre. La mostra, curata da Biba Giachetti, riunisce oltre 100 scatti tra i migliori del fotografo attraverso 40 anni di viaggi soprattutto in luoghi devastati dalle innumerevoli guerre o dalla povertà che affliggono il pianeta. Dall'Afghanistan alla Birmania, dal Giappone a Cuba fino all'11 settembre, McCurry (Darby, PA, 1950) con la forza dirompente dei suoi scatti accompagna i visitatori in un percorso simbolico e visionario nel complesso universo di emozioni e narrazioni che ci restituiscono la fierezza e la poesia di mondi lontani ma straordinariamente vicini.
Fino al 16 settembre 2018.


Villa Bardini
 > 16 SEP. 2018 
Costa S. Giorgio, 2-4 - 50125 Firenze

Gianfranco Baruchello | MART, Corso Bettini 43 - 38068 Rovereto (TN) Al MART la mostra ideata con Gianfranco Baruchello (Livorno 1924) ripercorre la ricerca di un autore che ha operato oltre i confini tradizionali dell'arte, mettendo in discussione sistemi e convenzioni culturali.
Sperimentatore di linguaggi e tecniche, Baruchello ha avviato la sua attività alla fine degli anni Cinquanta ripensando il mezzo pittorico, praticando l'accostamento, l'assemblaggio, la scrittura, la riduzione di scala. In costante dialogo con l'innovativo pensiero di Marcel Duchamp, l'approdo a nuove forme di espressione passa dai dipinti su vari supporti alla creazione di scatole-oggetti, dal montaggio di film alla realizzazione di azioni e progetti su scala ambientale.
La mostra traccia un itinerario attraverso i principali nuclei di indagine di Baruchello, esplorando lo spazio dell'opera e la relazione tra dimensione reale e dimensione onirica, in una peculiare metodologia adottata tra l'artista e il curatore Gianfranco Maraniello.
Dal 19 maggio al 16 settembre 2018. Mar-dom 10-18, venerdì 10-21, lunedì chiuso.


MART
 > 16 SEP. 2018 
Corso Bettini 43 - 38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760

In occasione del centenario della nascita, il MAXXI dedica una grande esposizione a Bruno Zevi e al suo multiforme lavoro di storico, docente, progettista, politico, broadcaster radiofonico e televisivo.
La mostra, realizzata con la Fondazione Bruno Zevi e curata da Pippo Ciorra e Jean-Louis Cohen, raccoglie riviste, libri, manifesti, documenti audio e video del suo lavoro, insieme ai progetti di 38 tra gli architetti che promuoveva, da Carlo Scarpa a Pier Luigi Nervi, da Franco Albini a Maurizio Sacripanti, da Piero Sartogo a Renzo Piano e molti altri.
Gli Architetti di Zevi. Storia e controstoria dell'architettura italiana 1944-2000 sarà visibile dal 25 aprile al 16 settembre 2018. Chiuso i lunedì, il 1 maggio.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 16 SEP. 2018 
via Guido Reni, 4/a, 00196 Roma RM
Tel +39 06 32.48.61, 320 1954
press@fondazionemaxxi.it

Paolo Masi - Doppio Spazio | Museo arte Gallarate, Via Egidio de Magri, 1 - 21013 Gallarate VALa mostra Paolo Masi - Doppio Spazio propone opere che presentano i passaggi chiave della carriera di Paolo Masi che ha affrontato, decennio dopo decennio, i limiti e le potenzialità dell'oggetto quadro, della pittura astratta e dell'arte come atto politico.
Il percorso critico che rende conto della lunga carriera dell'artista, si distingue e si caratterizza dal punto di vista espositivo, in ciascuno dei due luoghi, mostrando opere di natura differente. Al MAGA saranno visibili le opere installative e ambientali realizzate dall'artista, fin dagli anni Sessanta, con materiali differenti, che puntano a mutare la percezione dello spazio, come la grande installazione della biennale di Venezia del 1978. Nelle cinque Lounge Vip di Malpensa, al Terminal 1, troveranno spazio alcuni nuclei di opere pittoriche storiche e altre più recenti che illustrano la ricerca che l'artista ha affrontato attorno alla pittura di matrice astratto-geometrica.
Il progetto nel suo insieme a cura di Lorenzo Bruni, offre una lettura approfondita della ricerca che l'artista ha affrontato, dalla fine degli anni '50 a oggi, attraverso cicli pittorici che, pur essendo realizzati in decenni distanti tra loro, hanno come soggetto comune il tema della "vibrazione" del segno-colore che si "rivela" in relazione al materiale scelto come supporto. Il percorso espositivo si completa con interventi installativi realizzati con differenti materiali, dai telai a terra alle lastre di plexiglas dipinte con forme geometriche e sospese nel vuoto.
6 maggio - 16 settembre 2018. Martedì - venerdì 10 -13 | 14.30 - 18.30, sabato e domenica 11 - 19. Chiuso lunedì.


Museo arte Gallarate
 > 16 SEP. 2018 
Via Egidio de Magri, 1 - 21013 Gallarate VA
Tel 0331 706011

Matt Mullican, The Feeling of Things | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese, 2, 20126 Milano Pirelli HangarBicocca presenta The Feeling of Things, la più grande retrospettiva mai realizzata sul lavoro di Matt Mullican (Santa Monica, California, 1951), uno degli artisti americani più riconosciuti, attivo dall'inizio degli anni Settanta e pioniere dell'utilizzo dell'ipnosi come pratica performativa nell'arte. Il progetto espositivo, che include migliaia di opere, immerge il visitatore nell'articolata cosmologia dei "cinque mondi" concepita dall'artista: un singolare sistema di rappresentazione della realtà composto da immagini, pittogrammi, icone, codici, segni, simboli e colori. Un vocabolario visivo capace di interpolare tradizioni, studi scientifici, credenze e culture di tempi e geografie differenti per interrogarsi sulle questioni esistenziali di sempre e sugli aspetti più ermetici e profondi della vita.
Dal 12 aprile al 16 settembre 2018 da giovedì a domenica 10-22, da lunedì a mercoledì chiuso.


Pirelli HangarBicocca
 > 16 SEP. 2018 
Via Chiese, 2 - 20126 Milano
Tel 02 6611 1573

Un collezionista di moda. Abiti e documenti dalla raccolta di Francesco Campidori | Filatoio di Caraglio, Via Matteotti, 40 - Caraglio (CN)È uno spaccato di stile e creatività la mostra Un collezionista di moda. Abiti e documenti dalla raccolta di Francesco Campidori, che sarà inaugurata venerdì 6 luglio al Filatoio di Caraglio. In esposizione fino al 16 settembre 2018 più di cento "pezzi", fra abiti, accessori e documenti, della vasta raccolta che Francesco Campidori, fiorentino, modellista di abbigliamento femminile, ha messo insieme con un'attenzione particolare alle produzioni italiane e francesi e al periodo che va dagli anni Cinquanta agli anni Novanta del secolo scorso.
La mostra è un viaggio fra le più grandi firme italiane e francesi: da Valentino Couture a Gianfranco Ferré, da Jean Paul Gaultier a talenti dell'avanguardia contemporanea come Hussein Chalayan o Bernhard Willhelm, da Christian Dior a Charles Jourdan.
Non mancheranno esempi della genialità e del gusto di molti altri protagonisti di sessant'anni di moda, anonimi talenti, meteore, firme dimenticate o scomparse.
Orari: giovedì, venerdì e sabato 14-19. Domenica e festivi 10-19.

Filatoio di Caraglio
 > 16 SEP. 2018 
Via Matteotti, 40 - Caraglio (CN)
tel. 0171.618300
info@fondazionefilatoio.it

Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus - Time | Reggia di Caserta, Via Douhet 2/A - CasertaUnione tra passato e contemporaneità è la mostra Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus - Time a cura di Luca Beatrice, esposta presso la Reggia di Caserta dal 14 giugno al 15 settembre 2018.
L'esposizione, organizzata da Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e da Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, gode del patrocinio del Comune di Caserta, del Madre - fondazione donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta.
Il titolo della mostra è un voluto riferimento al trait d'union che Marco Lodola e Giovanna Fra, grazie alle loro opere, creano fra il Tempus, la dimensione temporale legata all'antichità, al classico, alla storica sede espositiva e il Time, sintesi del mondo contemporaneo.
Il percorso espositivo si compone di una selezione di opere dei due artisti, che dall'ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile.


Reggia di Caserta
 > 15 SEP. 2018 
Via Douhet 2/A - Caserta

Senza Tema. Carta / Paper | Studio la Città, Lungadige Galtarossa, 21 - 37133 VeronaStudio la Città presenta dal 9 giugno alle ore 11.30 al 15 settembre 2018 la mostra: Senza Tema. Carta / Paper, una collettiva tutta dedicata alla produzione su carta di 65 artisti internazionali che, negli anni, hanno esposto con la galleria o sono stati personalmente collezionati dalla sua titolare: Hélène de Franchis. Le opere, selezionate dopo un lungo ed attento lavoro di ricerca, sono proposte con un particolare allestimento a "quadreria": da lavori piccoli a molto grandi, realizzati in un arco temporale piuttosto ampio, partendo da un'incisione di Mauro Reggiani del 1934, fino ai recentissimi acquerelli di Stuart Arends. Parola chiave di questa esposizione è libertà. La libertà di sperimentazione che questo medium ha conferito agli artisti, ma anche la libertà che guida una galleria privata nella scelta di esporre semplicemente seguendo il proprio gusto.
Orari: da martedì a sabato, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00.


Studio la Città
 > 15 SEP. 2018 
Lungadige Galtarossa, 21
37133 Verona

W.W.W. - What Walls Want | Marignana Arte, Dorsoduro 14 - 30123 VeneziaIn occasione della Biennale di Venezia di Architettura, Marignana Arte apre W.W.W. - What Walls Want una nuova mostra a cura di Ilaria Bignotti.
In questo caso specifico, il tema si allinea fortemente sia all'identità della Galleria sia alla direzione curatoriale di Ilaria Bignotti, studiosa nell'ambito dei linguaggi spazialisti e ambientali tra anni '60 e '70 e parimenti nelle indagini contemporanee, con riferimento ai temi della processualità, della resilienza e del site-specific.
Il progetto risente di queste direzioni sin dal titolo che gioca su un doppio binario: da un lato, se letto nelle sue iniziali, www, rimanda immediatamente proprio alla rete, al web, al mondo digitale che esalta le potenzialità dell'opera quale medium di coinvolgimento collettivo e di esperienza immersiva.
Artisti: Mats Bergquist, Alessandro Diaz de Santillana, Riccardo De Marchi, Serena Fineschi, Alberto Gianfreda, Nancy Genn, Silvia Infranco, Artur Lescher, Emil Lukas, Antonio Scaccabarozzi e Roy Thurston.
24 maggio - 15 settembre 2018.


Marignana Arte
 > 15 SEP. 2018 
Dorsoduro 14 - 30123 Venezia

Riccardo Corti, Pensami | Museo della Marineria 'Alberto Gianni', Lungo Canale Est 32 - Viareggio (Lu) Fino al 9 settembre 2018, presso il Museo della Marineria 'Alberto Gianni' sul Lungo Canale Est a Viareggio (Lu), è in corso Pensami, personale del pittore Riccardo Corti.
In esposizione un ciclo di recenti dipinti a olio su tela e su tavola. In questa serie di lavori, Corti raffigura elegiaci pini marittimi che campeggiano in uno spazio atmosferico fortemente evocativo, nel quale l'eleganza dinamica delle forme si combina con la morbidezza delle sfumature. E' una pittura poetica e dalla spiccata valenza simbolica, meticolosa ma incline alla sintesi, nell'ambito di un'indagine estetica mai fine a se stessa.
La mostra, patrocinata dal Comune di Viareggio, è inserita nel ciclo di eventi "Il mare in bottiglia", curato dall'Associazione Amici del Museo della Marineria di Viareggio. E' organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio ed è corredata di catalogo con testo critico di Marco Del Monte.
orario: agosto, 18 - 23 (chiuso lunedì); settembre, 15.30 - 19.30 (chiuso lunedì e martedì).

Museo della Marineria 'Alberto Gianni'
 > 09 SEPT. 2018 
Lungo Canale Est 32 - Viareggio (Lu)
Infoline: 333 2318925

Alik Cavaliere. L'universo verde | Palazzo Reale, MilanoNel ventennale della scomparsa di Alik Cavaliere (Roma 1926 - Milano 1998), artista fra i maggiori della scultura italiana del secondo Novecento, Palazzo Reale ospita dal 27 giugno al 9 settembre 2018 Alik Cavaliere. L'universo verde un'importante antologica ad ingresso gratuito, che ricostruisce il percorso dell'artista, soffermandosi sul tema della natura.
Promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura e Palazzo Reale e realizzata in collaborazione con l'Archivio Alik Cavaliere, la mostra è curata da Elena Pontiggia e ha il suo cuore nella prestigiosa Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale, per estendersi poi ad altre cinque sedi in un percorso ampio e articolato che coinvolge la città di Milano: il Museo del Novecento, Palazzo Litta, Gallerie d'Italia, Università Bocconi e il Centro Artistico Alik Cavaliere.


Palazzo Reale
 > 09 SEP. 2018 
Milano

Abitanti, Sette sguardi sull'Italia di oggi / Walter Swennen, La pittura farà da sé | Triennale di Milano, Viale Alemagna, 6 - 20121 MilanoIl nuovo progetto presentato dal Museo di Fotografia Contemporanea e dalla Triennale di Milano presso il Palazzo dell'Arte, Abitanti, Sette sguardi sull'Italia di oggi, è una riflessione collettiva sul tema dell'abitare contemporaneo realizzata da fotografi under 35. La mostra nasce con la volontà di promuovere lo sviluppo della cultura fotografica contemporanea attraverso campagne di committenza pubblica, valorizzare giovani fotografi italiani, incrementare il patrimonio fotografico delle collezioni pubbliche e sottolineare il ruolo chiave della fotografia per testimoniare, indagare e comprendere le trasformazioni culturali, sociali ed economiche.
La mostra resterà aperta dal 9 giugno al 9 settembre 2018.
Inoltre in occasione della sua prima personale in un'istituzione italiana, Walter Swennen (n. 1946, Bruxelles) presenta alla Triennale di Milano dal 21 giugno al 26 agosto 2018 la sua indagine attorno alle basi ideologiche della pittura. La mostra La pittura farà da sé, a cura di Edoardo Bonaspetti, ripercorre attraverso più di quaranta dipinti realizzati dai primi anni Ottanta ad oggi una realtà espressiva libera e sfuggente, in cui lo spettatore è sollecitato da un'infinita serie di interpretazioni e ipotesi.
Orari di apertura: martedì-domenica 10.30-20.30.


Triennale di Milano
 > 26 AUG. 2018 (Walter Swennen) 
 > 09 SEP. 2018 (Abitanti, Sette sguardi sull'Italia di oggi) 
Viale Alemagna, 6
20121 Milano
T. +39 02 724341
www.triennale.org

 EXHIBITION ARCHIVES 2018  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2017  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2016  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2015  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2014  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2013  [open/close]
a cura di:
Gabriella Masiello

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOP