CERCA IN IDEAMAGAZINE.NET

 

 MOSTRE ITALIA

Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. IV | Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano

Associazione MUDETO - Museo del Design Toscano
 DA OTTOBRE / FROM OCTOBER 2020 | Annuario MuDeTo Yearbook - Vol. IV 
www.mudeto.it/yearbook2017_18.htm

Chiara Fumai. Poems I Will Never Release 2007-2017 | Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Viale della Repubblica, 277 - 59100 Prato Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato riapre con un ricco calendario di mostre.
Chiara Fumai. Poems I Will Never Release 2007-2017 a cura di Milovan Farronato e Francesco Urbano Ragazzi in collaborazione con Cristiana Perrella. Attraverso un corpus molto completo di opere - che traducono in forma materiale le performance dell'artista, pur rispettandone l'intento programmatico di non documentarle - la mostra approfondisce la personalità creativa di Chiara Fumai, che ha lavorato in modo marcato sui linguaggi performativi e sull'estetica femminista del XXI secolo. Dall'8 maggio al 3 ottobre 2021.

Marialba Russo. Cult Fiction a cura di Cristiana Perrella.
Marialba Russo espone per la prima volta la serie fotografica Cult Fiction, che riprende in modo sistematico i manifesti dei film a luci rosse apparsi nelle strade di Napoli tra il 1978 e il 1980.
Marialba Russo. Cult Fiction | Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Viale della Repubblica, 277 - 59100 PratoManifesti rappresentativi sia della spinta verso la liberazione sessuale di quegli anni, che di una raffigurazione ancora fortemente oggettificata del corpo della donna.Dall'8 maggio al 6 giugno. 2021.

After us a cura di Julian Rosenfeldt.
La vita sulla terra sta cambiando a una velocità senza fiato e tra mille contraddizioni. Le opere, selezionate dall'artista tedesco dalla collezione della Fondazione In Between Art Film, mostrano una diagnosi poetica ma acuta del presente attraverso lo sguardo di artisti che si concentrano sui problemi e sui fenomeni del nostro tempo. Dall'8 maggio al 6 giugno 2021.

Cambio è il frutto dell'indagine del duo di designer Formafantasma (Andrea Trimarchi e Simone Farresin) sulle responsabilità politiche e ecologiche dell'industria del legno. Caratterizzata da un approccio multidisciplinare, la mostra vuole sollecitare lo sviluppo della consapevolezza su questo tema e presenta dati e ricerche sotto forma di interviste, installazioni di oggetti, video, più una serie di casi studio che forniscono approfondimenti sul modo in cui il legno viene acquistato e utilizzato.
After us | Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Viale della Repubblica, 277 - 59100 Prato La mostra, commissionata da Serpentine Galleries, è a cura di Hans Ulrich Obrist e Rebecca Lewin in collaborazione con Cristiana Perrella.

Al Centro Pecci, le riflessioni condotte dal progetto originario diventano oggetto di inediti accostamenti e suggestioni ulteriori offerte dal dialogo con il contesto toscano e italiano, come il confronto con la pluriennale ricerca di Giuseppe Penone sugli alberi. Dal 15 maggio al 24 ottobre 2021.

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
 > 06 JUN. 2021 (After us / Cult Fiction) 
 > 03 OCT. 2021 (Chiara Fumai) 
 > 24 OCT. 2021 (Formafantasma / Giuseppe Penone) 
Viale della Repubblica, 277 - 59100 Prato

VIAGGIO CONTROCORRENTE Arte italiana 1920-1945 | GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, Via Magenta, 31 - 10128 Torino La GAM di Torino inaugura VIAGGIO CONTROCORRENTE Arte italiana 1920-1945. Opere dalle collezioni di Giuseppe Iannaccone, della GAM e dei Musei Reali di Torino in favore della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro una mostra dedicata a un periodo storico molto intenso per l'arte italiana, tra la fine della Grande Guerra e il termine della Seconda Guerra Mondiale: 25 anni di storia raccontati con circa 130 opere attinte dal patrimonio del museo e da alcune opere scelte dalla Galleria Sabauda, facendo ruotare le due raccolte pubbliche intorno a una significativa selezione di 73 capolavori dalla ricca collezione privata dell'Avvocato Giuseppe Iannaccone di Milano.
La raccolta riunisce dunque le opere di artisti le cui ricerche hanno sviluppato visioni individuali e collettive controcorrente rispetto alle politiche culturali fasciste di ritorno all'ordine e classicità monumentale novecentista.

VIAGGIO CONTROCORRENTE Arte italiana 1920-1945 | GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, Via Magenta, 31 - 10128 TorinoDalla poesia del quotidiano di Ottone Rosai e Filippo De Pisis all'espressionismo della Scuola di via Cavour (Mario Mafai, Scipione, Antonietta Raphaël), dal lavoro di scavo nel reale di Fausto Pirandello, Renato Guttuso e Alberto Ziveri, alle correnti dei Sei di Torino (Jessie Boswell, Gigi Chessa, Nicola Galante, Carlo Levi, Francesco Menzio, Enrico Paulucci) e del Chiarismo lombardo (Angelo Del Bon, Francesco De Rocchi, Umberto Lilloni), fino alle forze innovatrici dei pittori e scultori di Corrente (Ernesto Treccani, Renato Birolli, Lucio Fontana, Aligi Sassu, Arnaldo Badodi, Luigi Broggini, Giuseppe Migneco, Italo Valenti, Bruno Cassinari, Ennio Morlotti, Emilio Vedova), la collezione rappresenta un'originale e importante testimonianza di una stagione creativa, complessa e vitale, dell'arte italiana del Novecento.
L'esposizione si articola in sezioni tematiche: Interni; Figure; Allegorie e Ritratti; Nature morte; Paesaggi / vedute ed è accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale.
Dal 5 maggio al 12 settembre 2021.

GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino
 > 12 SEP. 2021 
Via Magenta, 31 - 10128 Torino
Informazioni e orari di apertura: www.gamtorino.it/it

Vico Magistretti. Architetto milanese | Triennale Milano, Viale Alemagna, 6 - 20121 Milano Triennale Milano rende omaggio all'architetto e designer milanese Vico Magistretti (1920-2006) con una grande esposizione che ne ripercorre l'intero percorso progettuale, iniziato proprio al Palazzo dell'Arte negli anni del secondo dopoguerra, dove ottiene i primi riconoscimenti per il suo lavoro.
Inizialmente prevista nel 2020 per celebrare il centenario della nascita di Magistretti, la mostra Vico Magistretti. Architetto milanese, realizzata in collaborazione con la Fondazione Vico Magistretti e curata da Gabriele Neri, espone il prezioso patrimonio di disegni, schizzi, modelli, fotografie, prototipi e pezzi originali conservati nell'archivio dell'architetto milanese, insieme a materiali provenienti dagli archivi di aziende, istituzioni e privati. Il progetto allestitivo è stato affidato a Lorenzo Bini/BINOCLE.
Suddivisa in sezioni tematiche, l'esposizione presenta al pubblico il lavoro di Vico Magistretti per la prima volta in maniera unitaria, in un percorso in cui architettura e design, in tutte le loro molteplici declinazioni, sono intrecciati al fine di restituire l'ampiezza della sua attività, offrendo così un'interpretazione critica aggiornata ed estesa oltre la celebrazione delle sue icone più famose.
11 maggio - 12 settembre 2021 martedì - domenica, ore 11.00 - 20.00.

Triennale Milano
 > 12 SEP. 2021 
Viale Alemagna, 6 - 20121 Milano
T +39 02 724341
www.triennale.org

Dolls and Goddesses. Dolls and Goddesses | CASCINA I.D.E.A., Via Guglielmo Marconi 26, Agrate Conturbia (NO)Immersa nelle campagne del novarese CASCINA I.D.E.A., il complesso rurale trasformato da Nicoletta Rusconi Art Projects in luogo dedicato all'arte e alla sperimentazione, dal 15 maggio 2021 presenta Dolls and Goddesses, la mostra personale di Vannessa Safavi (Losanna, 1980) a cura di Marco Tagliafierro.
Le opere presentate sono il risultato di una ricerca teorica e formale condotta dalla Safavi sul ruolo della donna nella società occidentale, con un particolare focus sulla figura della donna artista.
Fino a settembre 2021.
Visita su appuntamento scrivendo a: federica@nicolettarusconi.com

CASCINA I.D.E.A.
 > SEP. 2021 
Via Guglielmo Marconi 26, Agrate Conturbia (NO)
federica@nicolettarusconi.com

Cesare Viel | Base / Progetti per l'arte, Via San Niccolo 18r / Firenze Base / Progetti per l'arte presenta sabato 15 maggio 2021, dalle ore 11:00 alle ore 19:00, la mostra che l'artista Cesare Viel ha ideato specificatamente per il luogo e per la ripartenza delle attività dopo il lockdown. La mostra è definita da un un dialogo inedito tra opere sonore, video, presenze enigmatiche e un banner che si fa strumento di interazione non solo con lo spazio espositivo, ma anche con la città fiorentina per mezzo di un happening diffuso. Happening che vedrà particolari eventi attivarsi dal 1 Giugno. Il titolo FUORI BASE, DENTRO BASE rimanda da una parte al rapporto di prossimità che gli esseri umani hanno dovuto vivere nel corso della presente pandemia e alla impossibilità di aprire i luoghi d'arte come lo spazio di Base.
Fino al 22 giugno 2021 martedì-venerdì 18-20 | come vetrina 20-24. Per appuntamenti oltre l'orario d'apertura:
+39 3286927 778 / +39 3292298 348 / +39 347 7210222

Base / Progetti per l'arte
 > 22 JUN. 2021 
Via San Niccolo 18r / Firenze

Il Museo Novecento di Firenze, dedicato all'arte del XX secolo riapre con quattro mostre.

Henry Moore. Il disegno dello scultore | Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella, 10 - 50123 FirenzeA quasi cinquant'anni dalla memorabile mostra al Forte di Belvedere del 1972 che vide protagonista Henry Moore il maestro della scultura inglese, il Museo Novecento decide di rendergli omaggio con Henry Moore. Il disegno dello scultore, mostra curata da Sebastiano Barassi, e Sergio Risaliti. La mostra vedrà il museo fiorentino ospitare una corposa selezione di disegni, circa settanta, assieme a grafiche e sculture. Con questa mostra preparata negli ultimi due anni il Museo Novecento si posiziona a livello internazionale. Le forme naturali - rocce, ciottoli, radici e tronchi -, gli animali, ma anche i teschi e poi la relazione tra il creatore e la materia, esemplificata anche dai disegni che ritraggono le mani dell'artista o l'artista al lavoro nel paesaggio, divengono il fulcro della mostra. Fino al 18 luglio 2021.

Il tavolo dell'architetto | Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella, 10 - 50123 FirenzePer il ciclo Il tavolo dell'architetto, nel loggiato al piano terra del museo, si inaugura GENDER GAP, a cura di Laura Andreini, una galleria allestita con i progetti e le maquettes di 20 architette internazionali: Carmen Andriani, Sandy Attia, Cristina Celestino, Izaskun Chinchilla, Maria Claudia Clemente, Isotta Cortesi, Liz Diller, Lina Ghothmeh, Carla Juaçaba, Fuesanta Nieto, Simona Ottieri, Carme Pigem, Guendalina Salimei, Marella Santangelo, Maria Alessandra Segantini, Benedetta Tagliabue, Monica Tricario, Patricia Viel, Paola Vigano e la stessa Laura Andreini.
La mostra propone una riflessione sulla figura professionale delle donne nel mondo dell'architettura, partendo da una città come Firenze, segnata da figure di grandi architetti dal Trecento al Novecento, da Arnolfo di Cambio a Michelucci, da Brunelleschi e Michelangelo a Nervi e all'architettura Radicale. Nel 2004 Zaha Hadid dichiarava che era "molto, molto difficile per le donne distinguersi nel campo dell'architettura, ancora dominato dagli uomini". Visibile fino al 10 ottobre 2021.

Chiara Gambirasio, Istruzioni di volo | Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella, 10 - 50123 FirenzeIstruzioni di volo è la prima personale in un museo pubblico di Chiara Gambirasio (Bergamo, 1996).
La giovane artista presenta una serie di lavori site-specific costruiti in dialogo con il loggiato delle ex leopoldine. Il loggiato al primo piano del museo, come di consueto dedicato agli artisti emergenti, ospita la giovanissima Chiara Gambirasio, classe 1996.
La sua ricerca sconfina tra varie discipline artistiche, ma sottende come minimo comune denominatore il principio essenzialmente pittorico di rappresentazione della realtà attraverso il colore.
Per definire questo suo modo di procedere, l'artista stessa ha coniato la parola Kenoscromia, ovvero vibrazione cromatica nel e del vuoto.
A cura di Sergio Risaliti visibile fino al 10 ottobre 2021.

CGiulia Cenci, Tallone di ferro | Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella, 10 - 50123 FirenzeGiulia Cenci (Cortona, 1988) finalista al Maxxi Bvlgari Prize 2020 è la nuova protagonista del ciclo Duel con la personale Tallone di ferro, un duello dialettico tra la giovane artista toscana e il capolavoro di Arturo Martini Leone di Monterosso - Chimera proveniente dalla collezione permanente del Museo Novecento.
Fino al 22 agosto 2021.


Museo Novecento
 > 10 OCT. 2021 (Il tavolo dell'architetto) 
 > 10 OCT. 2021 (Istruzioni di volo) 
 > 22 AUG. 2021 (Tallone di ferro) 
 > 18 JUL. 2021 (Il disegno dello scultore) 
Piazza Santa Maria Novella, 10 - 50123 Firenze
www.museonovecento.it

Resisting the Trouble - Moving Images in Times of Crisis | Manifattura Tabacchi, Via delle Cascine, 33 - FirenzeDopo vari rinvii il 4 maggio aprirà a Firenze la mostra Resisting the Trouble - Moving Images in Times of Crisis a cura di Leonardo Bigazzi. Allestita negli spazi di Manifattura Tabacchi, ex fabbrica di sigari, oggi al centro di un importante progetto di rigenerazione urbana, la mostra rimarrà visitabile fino al 4 giugno 2021. Prodotta e organizzata da Lo schermo dell'arte con NAM - Not A Museum, il programma d'arte contemporanea di Manifattura Tabacchi, la mostra inaugura una collaborazione tra le due istituzioni che proseguirà anche con la 14a edizione del Festival che si terrà nel prossimo autunno dal 10 al 14 novembre 2021.
La mostra presenta le opere realizzate dai 12 artisti partecipanti alla nona edizione di VISIO-European Programme on Artists' Moving Images, un progetto di ricerca e residenza dedicato ad artisti under 35. I dodici film, video e installazioni presenti negli spazi dell'ex complesso industriale, riflettono su alcune delle questioni più urgenti generate dall'attuale crisi mondiale, proponendo visioni alternative per ripensare il presente e immaginare il futuro.
Orari: martedì-venerdì 18-21 sabato, domenica e festivi 14-21. Prenotazione obbligatoria con 24h di anticipo: manifatturatabacchi.eventbrite.it.

Manifattura Tabacchi
 > 04 JUN. 2021 
Via delle Cascine, 33 - Firenze
www.manifatturatabacchi.com

Neïl Beloufa, Digital Mourning [photo ©: Luisa Carcavale / courtesy:  Ansa.it] | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese 2, MilanoDa giovedì 29 aprile 2021 Pirelli HangarBicocca riapre le porte al pubblico garantendo un'esperienza di visita in sicurezza e una visione integrale delle opere. Ad accogliere i visitatori la mostra dedicata a Chen Zhen. Short-circuits (fino al 6 giugno 2021), la personale di Neïl Beloufa. Digital Mourning (fino al 9 gennaio 2022) e dal 15 luglio la mostra Maurizio Cattelan. Breath Ghosts Blind (fino al 20 febbraio 2022) .
Temporaneamente sospese invece le visite agli spazi de I Sette Palazzi Celesti 2004-2015 di Anselm Kiefer, messi a disposizione della Regione Lombardia e destinati ad hub vaccinale.
Rafforzando l'impegno a rendere l'arte accessibile a tutti, Pirelli HangarBicocca continuerà a garantire la gratuità dell'ingresso, nei consueti orari da giovedì a domenica dalle 10.30 alle 20.30 con un nuovo sistema di prenotazione obbligatoria online accessibile dalla homepage del sito pirellihangarbicocca.org.

Pirelli HangarBicocca
 > Temporarily Suspended (Kiefer) 
 > 06 JUN. 2021 (Chen Zhen) 
 > 09 JAN. 2022 (Beloufa) 
 > 20 FEB. 2022 (Cattelan: from 15 JUL. 2021) 
Via Chiese - Milano
pirellihangarbicocca.org

Alfonso Leoni, genio ribelle | Mic Faenza, Viale Baccarini, 19 - Faenza (RA)Dopo 2 mesi di chiusura al pubblico, finalmente il 27 aprile il MIC di Faenza riapre le porte al pubblico, con un nuovo orario settimanale:

_ dal martedì al venerdì dalle 14 alle 19;
_ sabato e domenica dalle 10 alle 19 (con prenotazione obbligatoria);
_ apertura straordinaria del 1° maggio dalle 10 alle 19.

Finalmente torna visitabile anche la mostra Alfonso Leoni. (1941-1980) Genio Ribelle prorogata al 10 ottobre 2021.

Mic Faenza
 > 10 OCT. 2021 
Viale Baccarini 19 - Faenza (RA)
Tel. 0546697311
www.micfaenza.org

Isaac Julien. Lina Bo Bardi | MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni - RomaDopo tre mesi di chiusura per le norme di contenimento del Covid-19, riapre a Roma il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.

Ad accogliere i visitatori ci saranno i ritratti dell'anima di Giovanni Gastel, le opere senzamargine di 9 grandi maestri a cavallo del millennio, le installazioni sitespecific dei 3 finalisti del MAXXI BVLGARI Prize, il potente omaggio di Isaac Julien a una pionera dell'architettura, Lina Bo Bardi e le suggestive architetture di Luois Kahn nelle fotografie di Roberto Schezen.

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 21 FEB. 2021 (L. Kahn) | > 28 FEB. '21 (L. Bo Bardi) 
 > 02 MAY 2021 (BVLGARI Prize) | > 07 MAR. 2021 (G. Gastel) 
 > 10 OCT. 2021 (senzamargine) 
Via Guido Reni - Roma

senzamargine. Passaggi nell'arte italiana a cavallo del millennio | MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Via Guido Reni - Roma Carla Accardi, Luciano Fabro, Luigi Ghirri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Paolo Icaro, Jannis Kounellis, Anna Maria Maiolino, Claudio Parmiggiani, Mario Schifano. Questi nove maestri imprescindibili dell'arte italiana contemporanea, tutt'oggi punto di riferimento per le generazioni più giovani, sono i protagonisti della mostra-omaggio senzamargine. Passaggi nell'arte italiana a cavallo del millennio, un progetto del MAXXI Arte a cura di Bartolomeo Pietromarchi, al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo dal 2 ottobre 2020 fino al 10 ottobre 2021.
Si tratta di nove maestri ancora non presenti nella Collezione le cui opere, grazie a un contributo del MiBACT in occasione del decennale del museo proprio per arricchire la collezione e attraverso questa mostra, entreranno a farne parte.
La mostra: negli spazi della Galleria 1, al piano terra del museo, si susseguono una serie di "stanze", ognuna delle quali dedicata a un artista di cui sono esposte grandi installazioni, opere importanti realizzate negli anni a cavallo del millennio. Questa sequenza di ambienti immersivi potenzia la carica rivoluzionaria, la forza e la monumentalità, oltreché la relazione con lo spazio, delle opere, facendo emergere in tutta la loro attualità alcune delle tematiche tutt'oggi al centro delle riflessioni artistiche.

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
 > 10 OCT. 2021 
Via Guido Reni - Roma

Enzo Mari curated by Hans Ulrich Obrist with Francesca Giacomelli (exhibition design by Paolo Ulian) | Triennale Milano, Viale Alemagna, 6 - 20121 Milano Riapre al pubblico la Triennale di Milano nei seguenti giorni e orari: da martedì a venerdì, dalle ore 11.00 alle 20.00.

Si può tornare a visitare il Museo del Design Italiano e le mostre Enzo Mari curated by Hans Ulrich Obrist with Francesca Giacomelli (exhibition design by Paolo Ulian), Claudia Andujar: La lotta Yanomami e Mirabilia.

Continuano anche gli eventi online di Triennale.
Prorogata al 12 settembre 2021.

Triennale di Milano
 > 12 SEP. 2021 
Viale Alemagna

Regina Cassolo Bracchi | GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Via San Tomaso, 53 - 24121 BergamoDal 28 aprile 2021 la GAMeC di Bergamo presenta la prima retrospettiva in un museo italiano dedicata a Regina Cassolo Bracchi, in arte Regina (1894-1974), una delle figure più affascinanti, innovative e ancora oggi meno note del panorama artistico europeo del Novecento.
La mostra, a cura di Chiara Gatti e Lorenzo Giusti, nasce dall'acquisizione da parte della GAMeC e del Centre Pompidou di Parigi di un importante nucleo di opere dell'artista e mira ad analizzare - dagli esordi negli anni Venti fino ai primi anni Settanta - la riflessione formale di una personalità unica, rimasta a torto ai margini della storia e riscoperta adesso quale figura complessa, sperimentatrice, versatile e poetica.
Regina è stata la prima donna dell'avanguardia italiana a dedicarsi interamente alla scultura, di cui ha riletto i linguaggi in direzione audace e sperimentale, piegando la ricerca accademica e naturalistica all'uso di materiali inediti. Alluminio, filo di ferro, latta, stagno, carta vetrata, Plexiglas sono stati i mezzi privilegiati di una continua e inesausta indagine compositiva ed espressiva che ha abbracciato inizialmente i modi del Futurismo e poi quelli del MAC, il Movimento arte concreta, a cui Regina si avvicina nel 1951 grazie a Bruno Munari.
Fino al 29 agosto 2021.

GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo
 > 29 AUG. 2021 
Via San Tomaso, 53 - 24121 Bergamo
Tel. +39 035 270272
gamec.it

Pistoia Novecento | Gianni_Ruffi, Rimbalzo, 1967  | Fondazione Pistoia Musei-Palazzo de' Rossi, Via de' Rossi, 26, 51100 Pistoia PT Il design radicale degli Archizoom, la logica binaria delle opere di Gianfranco Chiavacci, i collage di Remo Gordigiani, le ricerche astrattiste di Gualtiero Nativi, Mario Nigro e Fernando Melani, i dipinti egli oggetti pop di Roberto Barni, Umberto Buscioni, Adolfo Natalini e Gianni Ruffi: sono oltre 70 le opere che scandiscono il secondo capitolo del progetto PISTOIA NOVECENTO con il percorso di Sguardi sull'arte dal secondo dopoguerra, allestimento temporaneo a lungo termine a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi che Fondazione Pistoia Musei presenta nella sua sede di Palazzo de' Rossi.

Pistoia Novecento è il grande progetto dedicato alla collezione permanente di Fondazione Pistoia Musei con opere delle collezioni di Fondazione Caript e Intesa Sanpaolo, pensato per consentire una lettura il più possibile esaustiva del panorama artistico pistoiese nel suo articolarsi attraverso il secolo scorso. La prima parte del progetto, conclusasi a fine agosto 2020 registrando grande consenso del pubblico e circa 5.000 ingressi, ha raccontato la prima metà del Novecento.
Dal 19 settembre 2020 al 22 agosto 2021.

Fondazione Pistoia Musei-Palazzo de' Rossi
 > 22 AUG. 2021 
Via de' Rossi, 26
51100 Pistoia PT
info@fondazionepistoiamusei.it
www.fondazionepistoiamusei.it

Neïl Beloufa, Digital Mourning [photo ©: Luisa Carcavale / courtesy:  Ansa.it] | Pirelli HangarBicocca, Via Chiese 2, Milano Si è aperta al pubblico in Pirelli HangarBicocca la nuova mostra Digital Mourning [photo ©: Luisa Carcavale / courtesy: Ansa.it] di Neïl Beloufa, a cura di Roberta Tenconi, prima personale in un'istituzione italiana dedicata all'artista franco-algerino, tra le voci più rilevanti dell'ultimo decennio. La ricerca di Neïl Beloufa (Parigi, 1985) si focalizza sulla società contemporanea e sulle modalità con cui viene riprodotta e mediata dall'interazione digitale e dai sistemi tecnologici, offrendo rappresentazioni di stringente attualità, attraverso film, video, installazioni e sculture.
La mostra di Neïl Beloufa sarà aperta fino al 18 luglio 2021 nello spazio dello Shed, contestualmente alla mostra Short-circuits dedicata a Chen Zhen, curata da Vicente Todolí e allestita nello spazio delle Navate che è stata prorogata fino a domenica 6 giugno 2021. Mercoledì, Giovedì e Venerdì dalle 10,30 alle 20,30.

Pirelli HangarBicocca
 > 18 JUL. 2021 (Neïl Beloufa) 
 > 06 JUN. 2021 (Chen Zhen) 
Via Chiese 2, Milano

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea riapre al pubblico. Questa riapertura è dedicata, come promesso, a Sandra Pinto, scomparsa lo scorso novembre.
Queste alcune delle proposte: una nuova installazione contest specific di Martí Guixé, ai piedi della scalinata monumentale, si relaziona con la città e cita il linguaggio della scrittura digitale contemporanea con due emoji, un lucchetto aperto e una freccia, un invito ad entrare in Galleria. Giovanni Anselmo entra a far parte della collezione della Galleria Nazionale. La sua opera Oltremare appare mentre la pietra solleva il colore e il colore solleva la pietra è evocativa del percorso di ricerca dell'artista e dei suoi cardini.
Finalmente è di nuovo esposta l'opera di Anish Kapoor, Untitled nero africano (2004). Quest'opera monumentale, parte di una serie di 5 specchi marmo realizzati appositamente dall'artista per la mostra personale tenuta in Galleria nel 2004, appartiene alle collezioni della Galleria Nazionale.
Nuovi prestiti dialogano con la collezione permanente: Integrazione di Carla Accardi, Autel Lycée Chases di Christian Boltanski e Arctic Fox di Roni Horn.
Women Up. Bullet Points è un progetto lanciato dalla Galleria Nazionale a luglio 2020, un programma ricco e articolato che mette insieme sguardi, linguaggi e voci diverse attorno a una domanda fondamentale: come traduciamo, al presente, "femminismo"?
L'inserimento in Time Is Out of Joint di 27 opere di artiste è solo una delle azioni del progetto. Un'azione di immediata lettura che ha voluto portare l'attenzione sullo status delle donne nei musei, come autrici che definiscono e si definiscono in un'opera e non solo come soggetti rappresentati da un altro occhio.
I poster attualmente presenti nel bookshop della Galleria Nazionale raccontano tutti gli step (Bullet Points) dell'indagine messa in atto dal progetto Women Up, tra il passato, il presente e le azioni future.
Orari di apertura dal lunedì al venerdì: 9.00 - 19.00. Fino a giugno 2021. Chiusura: sabato e domenica.

Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea
 > 30 JUN. 2021 
Viale delle Belle Arti, 131 - 00197 Roma
T + 39 06 32298221
gan-amc@beniculturali.it
lagallerianazionale.com

I talenti delle donne: Carla Accardi. Contesti | Museo del Novecento - Palazzo dell'Arengario, Piazza del Duomo, 8 - 20123 Milano MIRiapre la mostra Carla Accardi. Contesti, la prima mostra monografica dedicata da un'istituzione pubblica all'artista trapanese (1924-2014), a sei anni dalla sua scomparsa.
Curata da Maria Grazia Messina e Anna Maria Montaldo con Giorgia Gastaldon, la mostra presenta il percorso dell'artista in tutte le sue sfaccettature, proponendone una lettura nuova, che si differenzia da quella tematica delle più recenti monografiche, centrate principalmente sul suo repertorio di pittura segnico-cromatica.
Il progetto di mostra, attraverso circa 70 opere e insieme a fotografie e documenti dell'Archivio Accardi Sanfilippo, riporta infatti al centro dell'indagine espositiva il panorama e il contesto storico, sociale e politico con cui l'artista si è rapportata, ne rivela il vivace orizzonte visivo costellato di confronti linguistici, intrecciati spesso anche con artisti più giovani, restituendo il ritratto di una donna coraggiosa e sperimentatrice che, in un momento in cui le istanze della pittura erano di competenza pressoché maschile, è diventata la prima astrattista italiana riconosciuta internazionalmente.
Il pubblico potrà tornare a visitare l'esposizione nei soli giorni feriali, dal martedì al venerdì, dalle 10 alle 19.30. La visita della mostra, con prenotazione consigliata, si svolgerà nel rispetto delle misure in vigore per la prevenzione del contagio.
Fino al 27 giugno 2021.

Museo del Novecento - Palazzo dell'Arengario
 > 27 JUN. 2021 
Piazza Duomo, 8 - 20123 Milano

I talenti delle donne: Carla Accardi. Contesti | Gianni_Ruffi, Rimbalzo, 1967  | Museo del Novecento - Palazzo dell'Arengario, Piazza del Duomo, 8 - 20123 Milano MIIl Museo del Novecento presenta, a partire dal 9 ottobre 2020, la prima mostra monografica dedicata da un'Istituzione pubblica a Carla Accardi (1924-2014), a sei anni dalla sua scomparsa.
Il progetto, fa parte del palinsesto "I talenti delle donne", promosso e coordinato dall'Assessorato alla Cultura, che fino ad aprile 2021 proporrà iniziative multidisciplinari dedicate alle donne protagoniste nelle arti e nel pensiero creativo. Curata da Maria Grazia Messina e Anna Maria Montaldo con Giorgia Gastaldon, la mostra si inserisce con coerenza in una linea di ricerca che distingue il recente operato del Museo: la riproposta e la rilettura di personalità femminili attestate del Novecento italiano, quali Margherita Sarfatti, Giosetta Fioroni e Adriana Bisi Fabbri, o la ri-contestualizzazione storico-artistica di figure finora disattese ma di primaria importanza nella ricerca intermediale della seconda metà del Novecento, come Marinella Pirelli, Amalia del Ponte, Renata Boero.

I talenti delle donne: Carla Accardi. Contesti | Gianni_Ruffi, Rimbalzo, 1967  | Museo del Novecento - Palazzo dell'Arengario, Piazza del Duomo, 8 - 20123 Milano MICarla Accardi. Contesti presenta il percorso dell'artista trapanese in tutte le sue sfaccettature, proponendone una lettura nuova, che si differenzia da quella tematica delle più recenti monografiche, centrate principalmente sul suo repertorio di pittura segnico-cromatica.
Il progetto di mostra, attraverso 70 opere circa e insieme a fotografie e documenti, riporta infatti al centro dell'indagine espositiva il panorama e il contesto storico, sociale e politico con cui l'artista si è rapportata, ne rivela il vivace orizzonte visivo costellato di confronti linguistici, intrecciati spesso anche con artisti più giovani, restituendo il ritratto di una donna coraggiosa e sperimentatrice che, in un momento in cui le istanze della pittura erano di competenza pressoché maschile, è diventata la prima astrattista italiana riconosciuta internazionalmente.
Aperta fino al 27 giugno 2021. Martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30, giovedì 9.30-22.30, lunedì chiuso.

Museo del Novecento - Palazzo dell'Arengario
 > 27 JUN. 2021 
Piazza del Duomo, 8 - 20123 Milano MI
museodelnovecento.org

I talenti delle donne: Carla Accardi. Contesti | Museo del Novecento - Palazzo dell'Arengario, Piazza del Duomo, 8 - 20123 Milano MIRiapre il Museo del Novecento con la mostra Carla Accardi. Contesti, la prima mostra monografica dedicata da un'istituzione pubblica all'artista trapanese (1924-2014), a sei anni dalla sua scomparsa. Curata da Maria Grazia Messina e Anna Maria Montaldo con Giorgia Gastaldon, la mostra è prodotta da Comune di Milano|Cultura, Museo del Novecento ed Electa.
Il pubblico potrà tornare a visitare l'esposizione dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19.30 con prenotazione obbligatoria nei fine settimana da effettuare un giorno di anticipo. La visita della mostra si svolgerà nel rispetto delle misure in vigore per la prevenzione del contagio.
Fino al 27 giugno 2021.

Museo del Novecento
 > 27 JUN. 2021 
Piazza Duomo - Milano
T. +39 02 884 440 61
www.museodelnovecento.org

Alfonso Leoni, genio ribelle | Mic Faenza, Viale Baccarini, 19 - Faenza (RA)Dopo 3 mesi di chiusura al pubblico, finalmente il 3 febbraio il MIC di Faenza riapre le porte al pubblico, ma solo nei giorni feriali - come previsto dal nuovo Dpcm - e con un orario speciale: dal mercoledì al venerdì dalle 14 alle 20.
Ritorna visibile a tutti anche la mostra Alfonso Leoni. (1941-1980) Genio Ribelle, che è stata prorogata al 13 giugno 2021, dedicata alla riscoperta di un assoluto protagonista dell'arte contemporanea, un genio talentuosissimo e ribelle, purtroppo prematuramente scomparso. La mostra è il frutto di un lungo lavoro di ricerca, a cura di Claudia Casali, e ha raccolto per la prima volta in una antologica tutto il lavoro dell'artista, con l'obbiettivo di analizzare la ricca e intensa produzione dedita non solo alla ceramica ma anche ai diversi linguaggi della contemporaneità (pittura, grafica, design, scultura).

Mic Faenza
 > 13 JUN. 2021 
Vale Baccarini 19 - 48018 Faenza (RA)
0546 967301 | 3391228409
ufficiostampa@micfaenza.org

Robert Breer, Time Out | Fondazione Antonio Dalle Nogare, Rafensteiner Weg, 19 - Bolzano La mostra personale di Robert Breer (Detroit, USA, 1926 - Tucson, USA, 2011) – dal titolo Time Out – ne ripercorre i sessant'anni di carriera e riunisce, per la prima volta in Italia, un'ampia selezione di dipinti, film sperimentali e sculture che l'artista ha realizzato dai primi anni Cinquanta del secolo scorso, fino al 2011 anno della sua scomparsa.
Pioniere nelle tecniche di animazione, Robert Breer è stato uno dei fondatori dell'avanguardia americana ed è oggi considerato uno degli autori più innovativi nel cinema sperimentale.
Lungo tutta la sua carriera l'artista ha eluso etichette formali, stilistiche e concettuali, focalizzandosi su una ricerca libera, ma allo stesso tempo estremamente coerente, espandendo la ricerca visiva ben oltre gli ambiti linguistici tradizionali. Ha portato avanti sperimentazioni diverse, dalla pittura astratta, al cinema strutturale, dal Fluxus al Pop, al Minimalismo, senza però mai legarsi definitivamente ad alcuno di questi movimenti.
Fino al 5 giugno 2021.

Fondazione Antonio Dalle Nogare
 > 05 JUN. 2021 
Rafensteiner Weg, 19 - Bolzano

Today I would like to be a Tree | Studio la Città, Lungadige Galtarossa, 21 - Verona 37133Studio la Città ha inaugurato due mostre: Today I would like to be a Tree, la collettiva con opere di 10 artisti che attraverso il focus tematico dell'albero parla del rapporto uomo-natura, e Come punti di un rosso sgualcito, ricordi?, la personale di Christian Manuel Zanon.

In galleria rimane allestita fino al 20 maggio 2021 anche la fotografica di Vincenzo Castella dal titolo MIMESIS - 3rd Stone From The Sun, curata da Salvatore Lacagnina.

Studio la Città
 > 20 MAY 2021 
Lungadige Galtarossa, 21 - Verona 37133
studiolacitta.it

Collezione Casamonti. Dagli anni '60 agli inizi del XXI secolo (photo: Fabio Gambina) | Palazzo Bartolini Salimbeni - Piano Nobile, piazza Santa Trinita - Firenze Aperta al pubblico il 25 marzo dello scorso anno, la Collezione Casamonti allestita al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni, storico edificio capolavoro architettonico rinascimentale opera di Baccio d'Agnolo, si rinnova totalmente.
E' il rinnovo programmato ed annunciato da Roberto Casamonti già al momento dell'apertura al pubblico. Con l'obiettivo di presentare e mettere a disposizione dei visitatori il fior fiore dell'ampia Collezione personale, raccolta dal noto gallerista fiorentino in 40 anni di appassionate ricerche.
Nel primo anno di apertura ad essere esposti in palazzo Salimbeni sono stati i capolavori della prima metà del Novecento, accolti con notevolissimo interesse da pubblico e critica. Ad essere rivelata è ora Dagli anni '60 agli inizi del XXI secolo l'arte della seconda parte del secolo e le proposte si confermano all'altezza delle maggiori istituzioni museali attive in questo ambito. L'elenco degli artisti qui presenti è da manuale. Volendo individuarli per movimenti, si inizia con l'Arte Povera da Penone, Ceroli, Zorio, Merz, Pistoletto, Kounellis, Gilardi, Boetti, Calzolari fino ad arrivare a Pascali. Mentre Biasi, Colombo e Bury, testimoniano l'Arte Cinetica o Programmata. Agnetti e Paolini, l'Arte Concettuale.
Collezione Casamonti. Dagli anni '60 agli inizi del XXI secolo | Palazzo Bartolini Salimbeni - Piano Nobile, piazza Santa Trinita - Firenze Per il Nouveau Réalisme la scelta è caduta su Cesar, Arman, Spoerri, Klein, Hains, Christo, mentre Nam June Paik e Chiari testimoniano il movimento Fluxus. Poi la cosiddetta Scuola di Piazza del Popolo con Schifano, Angeli, Festa, Tacchi, Mambor e Lombardo; la Land Art con Long e Christo; il New Dada con Rauschenberg e Dine.
Gilbert&George, Ontani, Marina Abramovic, Vanessa Beecroft interpretano la Body Art, opere affiancate dal video di Bill Viola; mentre in riferimento alla Pop e Graffiti Art sono presenti Andy Warhol, Keith Haring e Basquiat.
Il movimento della Transavanguardia è documentato da Paladino, Clemente, De Maria e Chia.
Con loro la Collezione propone una sequenza non meno spettacolare di altri interpreti: da Melotti, Pomodoro, De Dominicis, Parmiggiani, Adami, Marca-relli, Uncini, Cattelan, Isgrò. Tra i grandi dell'arte internazionale ricordiamo opere di: Mirò, Tàpies, Uecker, Kiefer, Kapoor, Cragg.
Orari di apertura pubblico: mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica dalle ore 11.30 alle ore 19.00.

Palazzo Bartolini Salimbeni - Piano Nobile
 DAL / FROM 25 MAR. 2019 
piazza Santa Trinita - Firenze
Informazioni e prenotazioni:
www.collezionerobertocasamonti.com
Tel. 055.602030
prenotazioni@collezionerobertocasamonti.com
info@collezionerobertocasamonti.com

 EXHIBITION ARCHIVES 2021  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2020  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2019  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2018  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2017  [open/close]
 EXHIBITION ARCHIVES 2016  [open/close]